Nessun risarcimento dovuto dalla banca al nipote titolare del conto corrente se il nonno omonimo vi preleva indebitamente somme di denaro

Ricostruita nei dettagli la vicenda, è stato accertato l’indebito prelievo di una somma rilevante da un conto corrente di un istituto di credito: l’operazione è stata messa in atto con un assegno interno (assegno di sportello) presentato da un anziano signore, presentatosi come il legittimo titolare del conto e risultato essere invece il nonno del titolare, peraltro con nome e cognome identici (omonimo). L’assegno è stato regolarmente pagato dalla banca nella convinzione che l'anziano signore fosse in effetti il legittimo proprietario del conto.

E l’illegittimo prelievo ha causato un contenzioso tra il titolare reale del conto corrente e la banca, contenzioso centrato su una cospicua richiesta di risarcimento.

Pretesa assolutamente priva di fondamento, però, secondo i Giudici della sezione penale della Corte di cassazione (ordinanza 13830/2019), che hanno evidenziato che effettivamente la banca è venuta meno ai propri doveri quanto alla verifica della corrispondenza del nonno presentatosi allo sportello con il titolare del conto corrente e della corrispondenza tra la firma della persona che ha presentato l’assegno di sportello e lo specimen di firma del correntista, ma hanno anche concluso che la banca è stata in realtà vittima di un tentativo di truffa concordato tra il nipote, titolare del conto, e il nonno che ha prelevato il denaro.

In pratica, i giudici di legittimità hanno considerato che le carenze addebitabili alla banca siano da considerarsi secondarie a fronte di un accordo fraudolento tra nipote e nonno, fondato soprattutto sull'omonimia dei due soggetti.

25 Agosto 2019 · Patrizio Oliva





Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con Whatsapp

condividi su Whatapp

    

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!