Può una multa aumentare così tanto dopo appena un anno?

Salve, l’8/06/2007 mi è stata consegnata a mano una multa dell’importo di € 222 per scaduta revisione + fanalino rotto (articolo 79 + articolo 80).  Avendo perso il bollettino di pagamento originale allegato al verbale, ho tentato di pagarla usando un bollettino compilato da me seguendo le indicazioni pubblicate sul sito della polizia stradale ma quando l’impiegato postale inseriva il numero di verbale stampato sul verbale stesso riceveva un errore ed il pagamento non veniva accettato. Così, Convinta che comunque avrei ricevuto via posta una notifica o sollecito di pagamento da parte della P.S. in caso di mancato pagamento, ho temporaneamente lasciato perdere. Sfortunatamente, ieri, 07/10/2008, mi è arrivata una cartella esattoriale relativa a suddetta multa, e con spiacevole sorpresa ho notato che l’importo, in un anno, è stato non solo raddoppiato ma anche arricchito con un ulteriore bonus di € 89 ( x maggiorazione di spesa) + € 24.83 ( x compensi di riscossione). Totale multa da pagare allo stato attuale € 564.71.
Mi spiace essermi dilungata troppo, ma sono ancora un po’ sconvolta dall’accaduto. Concludendo, quello che vorrei sapere è:

1) E’ normale che una multa non pagata diventi direttamente cartella esattoriale? Non avrei dovuto ricever prima una sorta di sollecito da parte della Polizia Stradale del comune di competenza?

2) Può una multa aumentare così tanto dopo appena un anno? (da € 222 a € 564,71 )?

Grazie mille in anticipo per il Vostro interessamento e aiuto.

Commento di Paola | Martedì, 7 Ottobre 2008

1a) SI
1b) NO
2) SI

Infatti:

1) La multa va pagata entro 60 gg. dalla notifica (quella determinata dall’invio della comunicazione di “avviso”). Un solo giorno di ritardo equivale a multa non pagata.

2) L’importo della cartella esattoriale computa quanto segue:

a) il 61° giorno dalla notifica della multa, la sanzione irrogata raddoppia in caso di mancato pagamento;
b) la notifica della cartella di pagamento ha un costo (spese di notifica cartella esattoriale);
c) dal 61° giorno della notifica della contravvenzione a quello di iscrizione a ruolo della sanzione, decorrono gli interessi di mora (sull’importo raddoppiato, nel tuo caso pari ad euro 444);
d) la società di Equitalia prende il 4,6-4,7% circa dell’importo iscritto a ruolo (spese di riscossione).

Gli importi b) e c) presumibilmente son stati raggruppati nella voce “maggiorazioni di spesa”

Se sommi la multa raddoppiata e le maggiorazioni di spesa ottieni 444 + 89 = 533
E ci siamo anche con le spese di riscossione che equivalgono, + o -, al 4,66% di 533 euro

L’aiuto purtroppo non c’è. O, almeno, c’è stato solo quello di aiutarti a capire. Spero.

23 Ottobre 2008 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Equitalia » Prescritta la cartella esattoriale originata da multa se prima di iscrivere il fermo passano cinque anni senza atti interruttivi
E' da ritenersi prescritta la cartella esattoriale, notificata al trasgressore, se Equitalia non si fa viva per cinque anni, a partire dalla multa, prima di recapitare la notifica di preavviso del fermo amministrativo. O meglio, deve ritenersi prescritto il diritto dell'esattore alla riscossione delle somme portate dalla cartella di pagamento per la violazione del codice della strada, laddove, a cinque anni dall'infrazione, nessun atto interruttivo risulta compiuto prima della notifica del preavviso di fermo del veicolo. Cio, dovendosi ritenere che il termine prescrizionale decennale opera soltanto allorquando il diritto alla riscossione della sanzione derivi da una sentenza. Questa la decisione ...

La multa pagata in ritardo
Ho pagato una multa con un solo giorno di ritardo. E adesso, dopo quattro anni,  ricevo una cartella esattoriale. E' mai possibile che accada per un solo giorno di ritardo? Spero si possa fare qualcosa. Nell'attesa di un vostro riscontro, vi saluto con cordialità. Massimo Terenzi, La Spezia. I  destinatari di un verbale hanno trenta giorni di tempo (consecutivi, inclusi sabato e domenica) per pagare. Se si paga, anche con un solo giorno di ritardo, il versamento è inutile e l'automobilista riceve ugualmente la cartella con l'invito a pagare nuovamente la sanzione, oltre agli interessi e alle spese di notifica. ...

Multa non notificata correttamente? » Non va pagata
La normativa vigente specifica esattamente quali sono i termini precisi entro i quali il verbale di multa deve essere notificato al trasgressore. Qualora la notifica non fosse conforme alle disposizioni legislative, la sanzione non va onorata. Il verbale di multa, redatto senza contestazione immediata, deve essere notificata presso l'abitazione del trasgressore entro novanta giorni dalla data dell'accertamento. Nel dettaglio, è necessaria la notifica al trasgressore della copia del verbale di multa indicante gli estremi esatti dell'infrazione commessa, nonché i motivi per i quali quest’ultima non è stata immediatamente contestata. Se il destinatario non viene trovato presso l'abitazione o presso il ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su può una multa aumentare così tanto dopo appena un anno?. Clicca qui.

Stai leggendo Può una multa aumentare così tanto dopo appena un anno? Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 23 Ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)