Pubblicità ingannevole » Agcm infligge una grossa multa a Dash

Pubblicità ingannevole comparativa: Incisiva sì, ma anche pericolosa. Ne avevamo già parlato in questo blog di quegli spot che, più o meno esplicitamente, mettono a confronto più prodotti annunciandone una qualità superiore o un prezzo concorrenziale. Ora l’Agcm (Autorità Garante della Concorrenza ed il Mercato) sanziona Dash per concorrenza sleale contro l’antagonista Dixan.

Già, la disputa fra i due più diffusi marchi di detersivi, Dash e Dixan, rispettivamente prodotti e distribuiti da P&G ed Henkel, si è conclusa con la vittoria di quet’ultima.

A mettere fine alla vicenda sono state le sentenze dell’AGCM e dello IAP (Istituto Autodisciplina Pubblicitaria).

Pubblicità ingannevole: Agcm infligge una grossa multa a Dash » Approfondiamo

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha ritenuto ingannevoli gli spot diffusi da Procter&Gamble fin dai primi mesi del 2013 aventi come claim un misurino di Dash smacchia come un misurino e mezzo del principale concorrente.

L’Autorità ha vietato la diffusione o la continuazione della campagna, comminando a Procter&Gamble anche una sanzione amministrativa di 100mila euro.

Anche il Gran Giurì si è espresso in una sentenza dando ragione alla multinazionale Henkel: nella sentenza si legge infatti che nello spot del detersivo Dash vengono fatte dichiarazioni non vere circa le caratteristiche, le quantità e i risultati conseguibili con il prodotto pubblicizzato.

In seguito a questa vicenda Dixan ha quindi deciso di lanciare una campagna sfruttando questo episodio, ovviamente, a suo favore costruendo la campagna sulla decisione dell’AGCM e rassicurando quindi i clienti.

La campagna sarà lanciata sui maggiori quotidiani, i settimanali femminili e i giornali locali, il tutto al fine di recuperare l’immagine e riproporsi in maniera competitiva agli occhi dei consumatori.

Per la serie, chi di marketing ferisce …

7 Novembre 2013 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pubblicità ingannevole comparativa » Multata la società che produce Dixan
L'Autorità Garante della Concorrenza ed il Mercato (Agcm) ha inflitto una pesante multa alla Henkel, società produttrice del noto marchio Dixan, per pubblicità ingannevole comparativa. A parere dell'antitrust, infatti, Dixan non lava meglio di Dash. Prima di descrivere i dettagli della vicenda, è bene definire cosa significa pubblicità ingannevole e cosa pubblicità comparativa. La pubblicità è ingannevole quando è in grado di indurre in errore l'impresa alla quale è rivolta, pregiudicandone il comportamento economico, o quando è idonea a ledere un concorrente. L'ingannevolezza può riguardare le caratteristiche dei beni o dei servizi, come la loro disponibilità o la data di ...

Pubblicità ingannevole » Agcm multa 7 società di valutazione auto
Pubblicità ingannevole: l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust o Agcm) ha sanzionato per pratiche commerciali aggressive e scorrette sette diverse società di valutazione auto. Sanzioni per complessivi 735mila euro a 7 società che pubblicizzavano sul web un servizio apparentemente gratuito di valutazione delle auto, salvo chiedere successivamente il pagamento di una fattura di circa 60 euro, destinata a salire fino a oltre 250 euro in caso di ritardi nei versamenti da parte dei consumatori. Lo ha deciso l'Antitrust al termine di un'istruttoria. Il fenomeno ha coinvolto migliaia di cittadini che tra gennaio e luglio del 2013 si sono ...

Pubblicità ingannevole » Agcm sanziona Gruppo Index
Servizi alle microimprese: l'Antitrust sanziona le società del gruppo index per pubblicità ingannevole e pratiche commerciali scorrette. Multe per complessivi 324 mila euro. Con una strategia coordinata, e ciascuno con un suo ruolo, pubblicizzavano la possibilità di aderire a una rete informatica grazie alla quale piccoli e piccolissimi esercenti avrebbero potuto operare come centro di vendita di servizi quali le ricariche di telefoni cellulari, le spedizioni postali e le scommesse on-line. Omettevano però di spiegare che alcuni servizi avrebbero potuto essere indisponibili. Quando le microimprese cercavano di recedere dal contratto le società opponevano una serie di ostacoli. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pubblicità ingannevole » agcm infligge una grossa multa a dash. Clicca qui.

Stai leggendo Pubblicità ingannevole » Agcm infligge una grossa multa a Dash Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 7 Novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - pratiche commerciali scorrette - clausole vessatorie e pubblicità ingannevole - servizi non richiesti Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)