Prescrizione » Impresa designata da Fgvs ha dieci anni per la rivalsa

L’impresa designata dal Fondo di garanzia delle vittime della strada ha dieci anni per per esercitare il diritto di rivalsa nei confronti di chi causò il sinistro senza essere assicurato, prima dell’intervento della prescrizione » Sentenza Cassazione

L’azione del F.G.V.S. (fondo garanzia vittime strada) nei confronti del non assicurato, non è soggetta al termine di prescrizione biennale, ma all’ordinario termine di prescrizione decennale.

Lo ha sancito la Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 15303/13, ha stabilito che: L’impresa designata dal Fondo di garanzia per la vittime della strada, che agisca ai sensi dell’articolo 29 della legge numero 990/1969 (oggi articolo 292, primo comma, decreto legislativo 209/05), non è soggetta al termine di prescrizione biennale, applicabile all’azione risarcitoria spettante al danneggiato dalla circolazione stradale, poiché il suo diritto non è condizionato e non deriva dal diritto del danneggiato al risarcimento dei danni, ma trova il suo fondamento nella suddetta azione specifica, che gli è concessa dalla legge a tale scopo e che è soggetta all’ordinario termine di prescrizione decennale.

Pertanto, secondo i Giudici della Suprema Corte, ha ben dieci anni di tempo l’impresa designata dal fondo di garanzia per le vittime della strada per per esercitare il diritto di rivalsa nei confronti del danneggiante che quando causò il sinistro non era assicurato: l’azione a disposizione della compagnia, infatti, trova fondamento nella legge (oggi nel codice delle assicurazioni) ed è analoga all’azione di regresso che spetta al fideiussore per per esercitare il diritto di rivalsa nei confronti del debitore principale.

L’impresa designata dal Fondo di garanzia delle vittime della strada ha dieci anni per per esercitare il diritto di rivalsa nei confronti di chi causò il sinistro senza essere assicurato, prima dell’intervento della prescrizione » Il caso

Il Fondo Garanzia Vittime della Strada, condannata a pagare oltre 14mila euro in risarcimento dei danni per un sinistro stradale, conveniva in giudizio l’automobilista privo di assicurazione a cui era stata attribuita la responsabilità dell’incidente, chiedendo il rimborso della somma pagata.

Il Giudice di Pace aveva riconosciuto il diritto al rimborso, ma, al contrario, il Tribunale d’appello lo negava, perché, come sottolineato dal convenuto, era considerato prescritto, in quanto al caso di specie si doveva applicare il termine biennale di prescrizione previsto dall’articolo 2947 del Codice Civile.

Il F.G.V.S., così, si rivolgeva ai giudici di Cassazione.

Qui, la Suprema Corte premetteva che il Fondo Garanzia Vittime della Strada è tenuto al risarcimento dei danni provocati da soggetto non assicurato, al posto del responsabile e della compagnia assicuratrice che a ciò avrebbe dovuto prevedere se il responsabile fosse coperto.

In pratica, l’impresa di volta in volta designata dal Fondo di garanzia assume la veste di una sorta di garante ex legge del danneggiante che si sia reso inadempiente all’obbligo di assicurarsi.

Entrando nel merito della questione, però, la Cassazione precisava che il F.G.V.S. che agisce nei confronti del non assicurato, ai sensi dell’articolo 29 legge numero 990/1969, non è soggetta al termine di prescrizione biennale, applicabile all’azione risarcitoria spettante al danneggiato dalla circolazione stradale, poiché il suo diritto non è condizionato e non deriva dal diritto del danneggiato al risarcimento dei danni, ma trova il suo fondamento nella suddetta azione specifica, che gli è concessa dalla legge a tale scopo e che è soggetta all’ordinario termine di prescrizione decennale.

Il fondo di garanzia, d’altronde, nasce proprio per assicurare ai danneggiati dalla circolazione stradale un risarcimento in misura certa. E alla compagnia designata dal fondo è attribuito il diritto di agire in rivalsa nei confronti dell’obbligato principale, un diritto che normalmente non spetta all’assicuratore: la sua posizione, insomma, è quella di un fideiussore.

5 Luglio 2013 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

E' decennale e non biennale la prescrizione dell'azione di rivalsa che può essere esercitata dal fondo di garanzia per le vittime della strada
Il Fondo di garanzia per le vittime della strada (FGVS), costituito presso la CONSAP, risarcisce i danni causati dalla circolazione dei veicoli nei casi in cui il sinistro sia stato cagionato da un veicolo non identificato, che non risulti coperto da assicurazione, oppure assicurato presso una impresa che al momento del sinistro si trova in stato di liquidazione coatta. Il Fondo di garanzia per le vittime della strada risarcisce anche i danni causati dal veicolo posto in circolazione contro la volontà del proprietario, dell'usufruttuario, dell'acquirente con patto di riservato dominio o del locatario in caso di locazione finanziaria. L'impresa designata ...

Sinistro stradale causato da veicolo non identificato - La denuncia all'Auorità non è prerequisito per ottenere il risarcimento da parte dell'impresa designata per conto del Fondo di garanzia vittime della strada (FGVS)
Nel caso di sinistro stradale causato da veicolo non identificato, l'omessa denuncia dell'accaduto all'autorità di polizia od inquirente non è sufficiente, in sé, a rigettare la domanda di risarcimento proposta, nei confronti dell'impresa designata dal Fondo di Garanzia per le vittime della strada. Allo stesso modo, la presentazione di denuncia o querela contro ignoti non vale, in sé stessa, a dimostrare che il sinistro sia senz'altro accaduto. Entrambe le suddette circostanze possono, al più, costituire meri indizi dell'effettivo avveramento del sinistro. Dunque, la vittima di un sinistro stradale causato da un veicolo non identificato non ha alcun obbligo, per ottenere ...

Rc auto » Compagnia indicata da FGVS non risarcisce se non c'è obbligo di assicurazione
La compagnia Rc auto indicata dal Fondo di garanzia non risarcisce se per il veicolo non vi era obbligatoria assicurazione. Il passaggio in giudicato della sentenza nei confronti dell'azienda in liquidazione non determina la riforma della pronuncia nei confronti dell'impresa designata. Lo ha sancito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 17692/13, ha stabilito che: L'articolo 19 e 20 della legge 990/69, anche nella loro formulazione applicabile ratione temporis al caso di specie, presuppongono la sussistenza dell'obbligo dell'assicurazione per i ciclomotori, come si evince dal dato testuale dello stesso articolo 19 citato («per il risarcimento dei danni causati ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prescrizione » impresa designata da fgvs ha dieci anni per la rivalsa. Clicca qui.

Stai leggendo Prescrizione » Impresa designata da Fgvs ha dieci anni per la rivalsa Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 5 Luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria prescrizione in materia di assicurazione e diritto di rivalsa Inserito nella sezione prescrizione dei debiti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)