Termini di prescrizione del credito per rette di asilo nido

Per l’esigibilità del credito, il codice civile distingue, in linea generale, tra prescrizione ordinaria decennale (articolo 2946), prescrizione quinquennale (articolo 2948) ed alcuni casi di prescrizione breve elencati fondamentalmente dagli articoli 2947, 2950, 2951, 2952 2954 e 2955.

Per quanto attiene, in particolare, i termini di prescrizione delle rette per il servizio di asilo nido erogato dai Comuni, in riferimento al mancato o insufficiente versamento delle quote contributive per i servizi all’infanzia, si applica l’articolo 2948 del codice civile (prescrizione di cinque anni), in forza di due motivi:

  1. i casi di prescrizione breve previsti dal codice civile non comprendono la materia in oggetto;
  2. il versamento della quota contributiva si configura come prestazione nell’ambito di una causa debendi di tipo continuativo da ascriversi alla previsione di cui al citato articolo 2948 numero 4 del codice civile (“tutto ciò che deve pagarsi ad anno o in termini più brevi.”), con conseguente assoggettamento del relativo credito a prescrizione breve quinquennale e non a prescrizione ordinaria decennale (che, detto per inciso, sarebbe più sfavorevole per il debitore).

Nel caso di insufficiente pagamento della retta, il termine ultimo da considerare per invocare l’eventuale prescrizione non è quello relativo alla data in cui viene corrisposta, o integrata, la singola rata. Il termine di prescrizione da opporre alla pretesa della Pubblica Amministrazione coincide con la data in cui è previsto il versamento dell’ultima quota contributiva in base al principio che, benché suddiviso in ratei periodici, il debito è da considerarsi unico, riferito all’anno educativo.

19 Settembre 2012 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Prescrizione quinquennale e prescrizione decennale della cartella esattoriale
Per la cartella esattoriale può intervenire una prescrizione quinquennale (prescrizione breve) ed una decennale (prescrizione lunga). La Corte di Cassazione ha avuto modo di rilevare che la cartella di pagamento è un atto amministrativo che risulta privo dell'attitudine a modificare il termine di prescrizione  con la conseguenza che il precedente termine prescrizionale di cinque anni ricomincia nuovamente a decorrere dalla notifica della cartella (sentenza della Corte di Cassazione numero 12263 del 25/05/2007). Una eccezione è però rappresentata dalla cartella esattoriale emessa per la riscossione dei crediti  erariali. Secondo la Cassazione, infatti, i crediti erariali non possono considerarsi “prestazioni periodiche”, in ...

Prescrizione e decadenza IRPEF » Termini di decadenza per la notifica degli avvisi di accertamento
Nella tabella che segue vengono riepilogati i termini di decadenza dal potere di accertamento, qualora sia stata presentata la dichiarazione dei redditi. Per gli anni di imposta fino al 31 dicembre 2015, per le imposte sul reddito,  gli avvisi di accertamento devono essere notificati entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione. Quindi, salvo cause di proroga, entro il 31.12.2020 devono essere notificati gli atti concernenti il periodo d'imposta 2015. Gli articoli 43 del DPR 600/73 e 57 del DPR 633/72 stabiliscono che gli avvisi di accertamento vanno notificati, a pena di decadenza, entro ...

Quinquennale la prescrizione delle sanzioni amministrative accessorie portate da cartelle esattoriali originate da debiti erariali
Il diritto alla riscossione delle sanzioni amministrative pecuniarie previste per la violazione di norme tributarie, derivante da sentenza passata in giudicato, si prescrive entro il termine di dieci anni, mentre, se la definitività della sanzione non deriva da un provvedimento giurisdizionale irrevocabile vale il termine di prescrizione di cinque anni, previsto dall'articolo del decreto legislativo 472/1997. Fermo restando che la prescrizione di cartelle esattoriali originate da crediti erariali è decennale. Questo il principio enunciato dai giudici della Corte di cassazione nell'ordinanza 12715/16. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su termini di prescrizione del credito per rette di asilo nido. Clicca qui.

Stai leggendo Termini di prescrizione del credito per rette di asilo nido Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 19 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Gennaio 2018 Classificato nella categoria prescrizione rette asilo nido nonché di bollette acqua luce e gas Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 8 Ottobre 2020 at 18:07

    Oggi mi è arrivata ingiunzione da un avvocato perché risultano non pagati 3 anni di scuola materna. La bimba era iscritta dal papà e io io non ho mai ricevuto nulla, e neppure lui.

    • Simone di Saintjust 8 Ottobre 2020 at 18:17

      L’avvocato vi sta chiedendo di saldare gli ultimi tre anni, proprio la comunicazione che mancava. Di solito, se i genitori sono distratti, il gestore della scuola materna si rivolge ad un avvocato che si occupa di ricordare ai genitori inadempienti di pagare quanto dovuto. In mancanza, seguirà decreto ingiuntivo e pignoramento dello stipendio del papà, se ne percepisce uno.