Dal pignoramento all'ordinanza di vendita della casa – Schema del processo esecutivo immobiliare

1) Pignoramento

Pignoramento anche in base a scrittura privata autenticata. Il pignoramento deve contenere invito ad eleggere domicilio in comune compreso nel circondario del tribunale, con avvertenza che altrimenti le successive notifiche e comunicazioni saranno effettuate presso la cancelleria (articolo 492 c. 2)

2) Istanza di vendita

deposito dell'istanza di vendita entro 90 giorni (articolo 497)

3) Deposito certificazione ipocatastale

entro 120 giorni, prorogabili per giusti motivi fino ad altri 120 giorni, deposito dell'estratto tavolare e del certificato catastale. In caso di documentazione incompleta termine per integrazione. Se il pignoramento comprende più immobili e la documentazione è incompleta solo per alcuni, il giudice dichiara l'inefficacia parziale ma la procedura prosegue. (articolo 567)

4) Nomina del perito

entro 30 giorni il giudice nomina il perito e fissa a non più di 120 giorni l'udienza per la pronuncia dell'ordinanza di vendita o la delega al professionista (articolo 569 c. 1)

5) Giuramento del perito

nei giorni immediatamente successivi il perito compare direttamente davanti al giudice per il giuramento (articolo 569 c. 1)

6) Comunicazione della perizia

almeno 45 giorni prima dell'udienza il perito invia per posta o posta elettronica, a tutti i creditori e al debitore, la perizia redatta secondo il contenuto stabilito nell'articolo 173 bis disp. att. (ad es.: indicazione data di registrazione del contratto di locazione, indicazione vincoli e oneri destinati a rimanere a carico dell'acquirente, informazioni sulla regolarità edilizia e urbanistica e sull'esistenza della dichiarazione di agibilità) (articolo 173 bis disp.att.)

7) Osservazioni sulla perizia

se le parti vogliono formulare osservazioni in udienza devono comunicarle al perito almeno 15 giorni prima e in tal caso il perito deve comparire in udienza (articolo 173 bis disp. att.)

8) Conversione del pignoramento

l'istanza di conversione del pignoramento deve essere presentata prima della pronuncia dell'ordinanza di vendita o della delega al professionista e può essere chiesta la rateazione per un massimo di 18 mensilità (articolo 495)

9) Intervento dei creditori senza titolo

Possono intervenire senza titolo, con ricorso da depositarsi entro l'udienza in cui è disposta la vendita, solo i creditori che al momento del pignoramento: 1) hanno eseguito sequestro; 2) hanno diritto di pegno o prelazione risultante dai pubblici registri; 3) sono titolari di credito risultante da scritture contabili. Il creditore senza titolo deve notificare entro 10 giorni l'atto d'intervento e, nell'ipotesi 3), l'estratto autentico delle scritture contabili. Con l'ordinanza con cui è disposta la vendita il giudice fissa entro 60 giorni l'udienza per la comparizione del debitore e dei creditori senza titolo ai fini del riconoscimento o disconoscimento del credito. La mancata comparizione del debitore equivale a riconoscimento. Se il credito è riconosciuto il creditore partecipa alla distribuzione. Altrimenti ha diritto all'accantonamento a condizione che entro trenta giorni promuova il giudizio.

10) Pronuncia dell'ordinanza di vendita o delega

all'udienza ex articolo 569, se non vi sono opposizioni, il giudice: a) pronuncia l'ordinanza di vendita(contemporaneamente senza incanto e con incanto) oppure b) delega le operazioni di vendita (senza incanto e con incanto) ad un professionista stabilendo il termine per il loro completamento, le modalità della pubblicità ecc. (articolo 591 bis)

11) Giudizio di divisione

se è pignorata una quota indivisa, il giudice di regola fissa il termine per l'instaurazione del giudizio di divisione, salvo che ritenga probabile la vendita della quota a un prezzo pari o superiore al valore di stima. Il giudizio di divisione si svolge in ogni caso davanti al giudice dell'esecuzione che, su tutti gli interessati non sono presenti, concede termine di 60 giorni per l'integrazione del contraddittorio mediante notifica dell'ordinanza (artt. 600 e 181 disp. att.)

12) Nomina del custode giudiziario

se non l'ha già fatto prima, all'udienza ex articolo 569 il giudice, con ordinanza non impugnabile, sostituisce in ogni caso (salvo quando ritiene che non sia di alcuna utilità) il debitore nella custodia (nominando custode il professionista delegato o l'I.V.G. o altro soggetto). Il custode provvede all'amministrazione dell'immobile pignorato e tra i suoi compiti rientra anche quello di far visitare l'immobile agli interessati prima della gara. Il custode esercita le azioni occorrenti per conseguire la disponibilità dell'immobile (ad esempio, nel caso d'immobile occupato da terzo, intima la licenza o lo sfratto per finita locazione o per morosità e, ottenuto il titolo, agisce per il rilascio ex articolo 605 e seg. codice di procedura civile; nel caso d'immobile occupato da debitore a cui il giudice ha revocato l'autorizzazione ad abitare agisce per il rilascio) (artt. 559-560)

13) Liberazione dell'immobile

il giudice può in qualunque momento revocare al debitore l'autorizzazione ad abitare l'immobile pignorato e in ogni caso non oltre il momento dell'aggiudicazione. Il provvedimento, che costituisce titolo esecutivo, è eseguito a cura del custode. Se al momento del decreto di trasferimento la liberazione non è ancora eseguita il custode prosegue nell'attività nell'interesse dell'acquirente.

14) Ordinanza di vendita

con la stessa ordinanza il giudice (o il professionista nel caso di delega): A) stabilisce il prezzo base; B) fissa tra i 90 e i 120 giorni il termine per il deposito delle offerte della vendita senza incanto e l'udienza per la gara al giorno successivo; C) stabilisce la data dell'incanto per il caso di esito negativo della vendita senza incanto determinando la cauzione (non è più previsto invece il deposito delle spese presunte)(articolo 569)

15) Pubblicità

almeno 45 giorni prima della scadenza del termine per le offerte si procede alla pubblicazione dell'avviso di vendita, con il nome e il recapito telefonico del custode, sui quotidiani e alla pubblicazione integrale dell'ordinanza di vendita e della perizia su il sito internet (articolo 490)

16) Istanza di sospensione

fino a 20 giorni prima del termine per il deposito delle offerte i creditori con titolo possono chiede la sospensione della procedura fino ad un massimo di 24 mesi. (articolo 624)

17) Deposito delle offerte

entro il termine fissato vanno depositate le offerte irrevocabili in busta chiusa con cauzione (non più l'importo delle spese presumibili) (articolo 585)

18) Esame delle offerte e gara tra offerenti

il giorno successivo si tiene l'udienza per l'esame delle offerte: 1) se l'offerta è unica, si aggiudica [se l'offerta non supera di 1/5 il prezzo base il creditore procedente o il giudice potrebbero optare per la vendita con incanto con restituzione dell'offerta]; 2) se vi sono più offerte si procede alla gara; l'aggiudicazione è definitiva, senza quindi possibilità di aumenti successivi (artt. 572 e 573)

19) Passaggio all'incanto

se non pervengono offerte, si procede automaticamente all'incanto alla data già stabilita (artt. 569 e 581)

20) Istanza di assegnazione

se un creditore ha intenzione di chiedere l'assegnazione per il caso d'incanto deserto, deve depositare la relativa istanza entro il termine finale di dieci giorni prima dell'incanto (articolo 588)

21) Incanto e restituzione delle cauzioni

al termine dell'incanto si restituiscono le cauzioni ai partecipanti non aggiudicatari. Se qualcuno non ha partecipato all'incanto si trattiene 1/10 di cauzione a titolo di penalità (articolo 580)

22) Offerte in aumento

entro il termine di 10 giorni dall'aggiudicazione, chiunque può formulare offerta di acquisto ma essa deve superare di 1/5 il prezzo di aggiudicazione. L'offerta deve essere accompagnata da cauzione pari al doppio della cauzione originaria. Il giudice, disponendo la pubblicazione dell'avviso su quotidiano e internet, fissa quindi un termine perentorio entro cui possono essere formulate ulteriori offerte in aumento e fissa, inoltre, la data della gara.

23) Nuova vendita senza incanto e con incanto

se l'incanto ha esito negativo, e non risulta depositata istanza di assegnazione nel termine di dieci giorni prima (nel qual caso provvede su di essa), il giudice ha le seguenti possibilità: a) disporre l'amministrazione giudiziaria; b) fissare direttamente un nuovo incanto allo stesso prezzo (senza passare per la vendita senza incanto); c) ridurre il prezzo di 1/4 e in tal caso procedere ai sensi dell'articolo 569 fissando per il deposito di offerte un termine tra i 60 e i 90 giorni; d) mantenere il prezzo inalterato e procedere ai sensi dell'articolo 569 modificando però, sotto altri profili (ad esempio termine di pagamento), le condizioni originariamente previste per la vendita senza incanto (articolo 591)

24) Pagamento del prezzo

il pagamento del prezzo deve essere versato nel termine. Se il pagamento del prezzo avviene mediante finanziamento bancario garantito da ipoteca, nel decreto di trasferimento la circostanza deve essere precisata e, conseguentemente, è fatto divieto al Conservatore dei Registri Immobiliari di procedere alla trascrizione del decreto di trasferimento senza contestuale iscrizione dell'ipoteca (articolo 585)

25) Decreto di trasferimento

con il decreto di trasferimento deve essere ordinata anche la cancellazione delle trascrizioni di pignoramento e delle iscrizioni ipotecarie (già ora inefficaci) successive alla trascrizione del pignoramento in base al quale è stata effettuata la vendita (articolo 586)

26) Progetto di distribuzione: accantonamenti per creditori intervenuti senza titolo

nel progetto di distribuzione deve essere previsto l'accantonamento, fino ad un massimo di tre anni, a favore de creditori intervenuti senza titolo per la parte contestata e a condizione che abbiano promosso entro trenta giorni dall'udienza fissata per il riconoscimento (articolo 510)

27) Controversie in sede di distribuzione

Se sorge una controversia il giudice, sentite le parti e compiuti i necessari accertamenti, provvede con ordinanza contro cui può essere proposta opposizione ex articolo 617 codice di procedura civile Il giudice può (e quindi non necessariamente) sospendere in tutto o in parte la distribuzione. Il provvedimento che decide sulla sospensione è reclamabile.

Studio legale Tedioli, via P. Frattini, 7 - Mantova

Per fare una domanda sul pignoramento e la vendita all'asta della casa, sulle procedure giudiziali ed extragiudiziali di recupero crediti, sul recupero crediti in generale e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

Per fare una domanda sulle procedure giudiziali ed extragiudiziali di recupero crediti, sul recupero crediti in generale e su tutti gli argomenti correlati all'articolo, clicca qui.

17 giugno 2013 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dopo il pignoramento – evitare asta della casa
La proprietà dell'immobile si perde dopo la sentenza di esproprio, che è successiva all'aggiudicazione dell'asta (che non necessariamente sarà al primo incanto). Fino a quel momento la casa è ancora del debitore che può benissimo venderla, fatti salvi gli effetti dei vincoli gravanti. Si sono inserite nel mercato, partendo da ...
Espropriazione esattoriale - Quando l'immobile del debitore può essere assegnato allo Stato
Se il terzo incanto ha esito negativo, Equitalia, nei dieci giorni successivi, chiede al giudice dell'esecuzione l'assegnazione dell'immobile allo Stato per il prezzo base del terzo incanto, depositando nella cancelleria del giudice dell'esecuzione gli atti del procedimento. Il giudice dell'esecuzione dispone l'assegnazione, secondo la procedura prevista dall'articolo 590 del codice ...
Aste giudiziarie nel processo esecutivo di recupero crediti
Le Aste Giudiziarie sono l'atto del processo esecutivo, disposto dal Giudice dell'Esecuzione su richiesta del creditore procedente, allo scopo di alienare forzosamente i diritti del debitore,  sui propri beni mobili ed immobili, al soggetto che risulta esser il maggior offerente. Il ricavato della vendita sarà ripartito a favore del creditore ...
Aste immobiliari » Con la riforma della giustizia ecco quali sono i limiti all'incanto
Con la Riforma della Giustizia, grossi cambiamenti in materia di esecuzione forzata ed aste immobiliari: introdotti limiti per la vendita all'incanto. La riforma della giustizia ha riformato in profondità tutto il processo civile, introducendo molte rilevanti novità anche in tema di processo di esecuzione forzata e, più in particolare, di ...
Espropriazione immobiliare - iter e tempi dopo la riforma del processo esecutivo
Il decreto legge 83/15 recante misure urgenti in materia fallimentare, civile e di organizzazione e funzionamento dell'amministrazione giudiziaria ha fortemente inciso sul processo esecutivo, modificando sensibilmente le procedure di vendita coattiva dei beni immobili sottoposti a pignoramento che si applicano alle esecuzioni iniziate a partire del 27 giugno 2015. Per ...

Spunti di discussione dal forum

Ctu tribunale valuta immobile di valore nullo
Sono oggetto di vendita forzata da parte di banche e finanziaria: il perito ha valutato il mio immobile € 0 in quanto abusivo e non sanabile perchè sussiste vincolo idrogeologico subentrato dopo ottenimento mutuo. Volevo chiedere cosa deciderà secondo Voi il giudice all'udienza per la comparizioni parti che si terrà…
Quando il creditore rifiuta il pagamento nel pignoramento immobiliare – seguito
La mia casa è già in vendita per marzo e dunque non posso fare più la conversione del pignoramento. Stante la situazione descritta in precedenza cosa posso fare per liberarmi del creditore? Una volta liberatomi del primo creditore, il secondo creditore deve dare impulso alla vendita oppure la vendita va…
Fino a quando è ammissibile l’intervento di un secondo creditore nel pignoramento avviato dal primo?
Posto che vi sono due creditori in possesso di un titolo utile per ottenere il sequestro del quinto, vorrei avere conferma che il secondo creditore non può subentrare pro-quota al sequestro del quinto qualora il primo abbia già ottenuto il sequestro e siano trascorsi più di 10 giorni dall'ordinanza del…
Mancata lettura da parte del giudice di pace del dispositivo in udienza
Durante un'udienza dal giudice di pace per violazione del codice della strada ho chiesto al giudice di leggermi il dispositivo ma rispondeva dicendo che voleva prima pensarci su e che potevo successivamente recarmi in cancelleria per conoscerne l'esito. Alcuni giorni dopo, il ricorso era stato respinto, tuttavia appariva sulla stampa…
Pignoramento pensione – posso chiedere la riduzione della trattenuta ad un decimo?
Chiedo a voi per favore, dopo l'emissione della sentenza del giudice che ha stabilito la trattenuta di 1/5 per pignoramento presso terzi (inps),è possibile fare opposizione per chiedere riduzione, di applicare 1/10? Seconda domanda: ...udienza rimandata, ci sono dei termini/scadenze per eleggere/attivare domicilio presso avvocato? Al fine di essere avvisati…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dal pignoramento all'ordinanza di vendita della casa – schema del processo esecutivo immobiliare. Clicca qui.

Stai leggendo Dal pignoramento all'ordinanza di vendita della casa – Schema del processo esecutivo immobiliare Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 17 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 settembre 2017 Classificato nella categoria pignoramento ed espropriazione della casa - procedura ordinaria Inserito nella sezione pignoramento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • maria 13 gennaio 2010 at 10:41

    Siamo di fronte ad una procedura esecutiva, dove vi sono 5 banche intervenute, il G.E. ha nominato il custode giudiziario, e ci sono state delle vendite andate deserte. la debitrice deposita al G.E. un istanza di permanenza, trattandosi dell’unica casa adibita a prima abitazione nell’immobile pignorato. di talchè tutte le banche intervenute hanno espresso parere favorevole tranne una. il G.E. sulla base di quest’ultimo parere, tra l’altro non motivato, emette un ordine di liberazione dell’immobile. Domanda: vi è la possibilità di impugnare tale ordinanza, eccepependo il diritto di permanere nella propria abitazione fino all’eventuale vendita ed assegnazione dell’immobile pignorato? e se si, saprebbe suggerirmi in che modo e se esiste qualche sentenza a riguardo.
    Grazie.

    • cocco bill 13 gennaio 2010 at 12:19

      Mi spiace deluderla gentile Maria, ma in questo tipo di questioni non ho alcuna esperienza professionale che possa tornarle utile.

    • vehuel 13 gennaio 2013 at 21:33

      Ciao a tutti ho letto un pò in giro e finalmente decido di dire la mia sperando nel supporto Mi è stato notificato precetto nel 4/08/10 e pignoramento il 19/11/2010 e fino al dicembre non ho saputo più nulla fincè nom mi arriva una lettera (non RR) dove il Ctu avverte del sopralluogo. Mi accorgo di “aver perso l’Avvocato”… quindi ne stò cercando un altro mentre cerco di studiare la situazione… Come avrete già compreso passano più di 100 gg dal precetto a art 555 e ne in uno ne nell altro vi è presenta nessun avveritmento ne dichiarazione domicilio/residenza ne Conversione del debito. Scopro inoltre che l’istanza di vendita è stata depositata prima del deposito del precetto (telematica devo vedere se in cancelleia mi rilasciano il tutto).. e che vi è stata in luglio la comparizione parti. Nulla mi è stato notificato ed avvisato…posso fare qualcosa? sono pignorata perchè non ho versato quota mensile al mio comproprietario che nemmeno mi ha mai chiesto un affitto se non ora il giudice per godimento dell immobile. inoltre scopro che lui presso la nostra residenza ha aperto sede legale per una sua società posso oppormi? grazie (compropietari al 50% ed ex conviventi) alla faccia del dato e ricevuto e del rispetto vero?

    • Annapaola Ferri 14 gennaio 2013 at 06:00

      Qui può leggere il testo integrale della sentenza 6662/2011 citata nell’articolo. “Ritrovi” l’avvocato, se le dovesse servire, può senz’altro guadagnare del tempo …

Altre info