Pignoramento esattoriale presso terzi - L'atto è nullo se non sono indicate ed allegate le cartelle di pagamento per le quali si procede ad esecuzione forzata

In tema di esecuzione esattoriale, l'atto di pignoramento presso terzi, anche quando é predisposto nelle forme previste dal dpr 602/1973, articolo 72-bis, ha la natura di atto esecutivo e, quindi, di atto processuale di parte.

Pertanto, al pignoramento presso terzi ai sensi del DPR 602/1973, ex articolo 72-bis si applica il disposto dell'articolo 543 del codice di procedura civile secondo il quale l'atto in questione deve contenere l'indicazione del credito per cui si procede.

Infatti, nell'esecuzione forzata esattoriale gli unici atti che rendono edotto il debitore del contenuto del titolo esecutivo sono la cartella esattoriale, ed eventualmente l'avviso di mora, i quali a loro volta indicano, specificandone la fonte e la natura, il credito per il quale si procede a riscossione.

Ne discende che l'atto di pignoramento di tipo esattoriale non può contenere, pena la sua nullità, una insufficiente specificazione del credito, indicato ad esempio con la generica dicitura Euro tot per tributi/entrate, senza alcun riferimento alle relative cartelle di pagamento. Nè può essere invocato, dal concessionario della riscossione, l'articolo 2700 del codice civile (riservato ai soli atti pubblici) per asserire che il pignoramento eseguito dall'agente di riscossione fa piena fede, fino a querela di falso, dell'attività compiuta per la sua redazione, inclusa l'effettiva allegazione della cartella di pagamento.

In sostanza, nell'ambito dell'attività dell'ufficiale di riscossione, occorre distinguere il caso in cui egli esercita le funzioni proprie dell'ufficiale giudiziario, rispetto alle quali assume la veste di pubblico ufficiale ed é conseguentemente dotato dei poteri di fede privilegiata previsti dagli articoli 2699 e 2700 del codice civile; dal caso in cui agisce quale operatore privato ed è quindi sprovvisto dei citati poteri e, mentre la notifica dell'atto di pignoramento costituisce funzione tipica dell'ufficiale giudiziario, sicché all'agente di riscossione che ad esso si sostituisce vanno riconosciuti gli stessi poteri, altrettanto non può dirsi per la stesura dell'atto di pignoramento, che non rientra fra le attribuzioni dell'ufficiale giudiziario, ma costituisce un atto di parte.

In conclusione, l'atto di pignoramento presso terzi eseguito dall'agente di riscossione ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 602/1973, articolo 72-bis in sede di esecuzione esattoriale, sebbene preordinato alla riscossione coattiva di crediti erariali, non acquisisce per ciò stesso la natura di atto pubblico, conservando invece quella di atto processuale di parte. Consegue che l'attestazione ivi contenuta delle attività svolte dal funzionario che ha materialmente predisposto l'atto (nella specie, concernente l'allegazione di un elenco contenente l'indicazione delle cartelle di pagamento relative ai crediti posti in riscossione) non é assistita da fede pubblica e non fa piena prova fino a querela di falso, a differenza di quanto avviene quando l'agente di riscossione esercita le funzioni proprie dell'ufficiale giudiziario, ad esempio notificando il medesimo atto.

E' quest'ultimo il principio di diritto enunciato dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 26519/2017. Pertanto, può essere accolta l'opposizione agli atti esecutivi, dichiarandone la nullità, del pignoramento esattoriale eseguito presso terzi ed impugnato per omessa indicazione dei crediti per i quali si procede.

1 dicembre 2017 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Riscossione coattiva esattoriale e pignoramento - Opposizione all'esecuzione e agli atti esecutivi
Nella riscossione coattiva esattoriale si può impugnare la cartella di pagamento, regolarmente notificata, al fine di contestare il diritto del creditore di procedere ad esecuzione forzata per vizi sostanziali. In pratica per: contestare la legittimità dell'iscrizione a ruolo del debito (omessa notifica dell'atto presupposto, cioè dell'avviso di addebito, del verbale ...
Pignoramento esattoriale presso terzi di cose o somme di denaro
Decorso inutilmente il termine di sessanta giorni dalla notifica della cartella esattoriale, Equitalia può chiedere a soggetti terzi, debitori del soggetto che è iscritto a ruolo o dei coobbligati, di indicare per iscritto, ove possibile in modo dettagliato, le cose e le somme da loro dovute. Nelle richieste formulate è ...
Cartella esattoriale » E' legittima anche quando nell'atto di pignoramento fondato su essa manca la firma dell'agente della riscossione
Cartella esattoriale: è valida anche se nella notifica dell'atto di pignoramento, fondato sulla stessa, manca la firma dell'agente della riscossione. Non è invalido l'atto di pignoramento dei crediti verso terzi proveniente dall'agente della riscossione, anche se privo della sottoscrizione del dipendente che lo ha redatto, purché rechi l'indicazione a stampa ...
Cartella esattoriale » Valida la notifica a soggetto minorenne o incapace se lo stato del consegnatario non appare evidente
E' valida la notifica di una cartella esattoriale ad un soggetto in situazione di incapacità naturale o a un minore di 14 anni se non appaiono evidenti all'ufficiale giudiziario lo stato di palese incapacità o l'età del consegnatario. Infatti, ai sensi dell'articolo 139 del codice di procedura civile, comma 2, ...
La notifica del pignoramento rende le quote di una srl indisponibili al debitore
Il pignoramento consiste in un'ingiunzione che l'ufficiale giudiziario fa al debitore di astenersi da qualunque atto diretto a sottrarre alla garanzia del credito esattamente indicato i beni che sì assoggettano all'espropriazione e i frutti di essi, così realizzando un vincolo di indisponibilità del bene in favore del creditore pignorante. Con ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento esattoriale presso terzi - l'atto è nullo se non sono indicate ed allegate le cartelle di pagamento per le quali si procede ad esecuzione forzata. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento esattoriale presso terzi - L'atto è nullo se non sono indicate ed allegate le cartelle di pagamento per le quali si procede ad esecuzione forzata Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 1 dicembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 1 dicembre 2017 Classificato nella categoria pignoramento presso terzi - le varie tipologie Inserito nella sezione pignoramento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca