Prima il pignoramento del quinto prelevato alla fonte e poi il pignoramento del conto corrente su cui bisogna accreditare il residuo

Vista l'obbligatorietà per tutti i pensionati e i dipendenti italiani di accreditare la propria pensione o il proprio stipendio in banca, com'è possibile evitare il doppio pignoramento? ovvero il pignoramento fino a un quinto da parte del datore di lavoro o dell'INPS, e del rimanente che viene accreditato in banca con il pignoramento del conto corrente?

Da quanto ho letto in varie sentenze, una volta transitato sul cc lo stipendio perde il suo status di emolumento e diventa semplice denaro, quindi tutto pignorabile. Che forse la manovra di Monti abbia inteso favorire Equitalia e le società di recupero crediti addette alla riscossione dei debiti?

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prima il pignoramento del quinto prelevato alla fonte e poi il pignoramento del conto corrente su cui bisogna accreditare il residuo. Clicca qui.

Stai leggendo Prima il pignoramento del quinto prelevato alla fonte e poi il pignoramento del conto corrente su cui bisogna accreditare il residuo Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 9 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca