Sinistro stradale con investimento » Quando il pedone non ha ragione

In un sinistro stradale, qualora venga investito un pedone, quest'ultimo, non sempre ha ragione.

Il pedone non ha sempre ragione: anche lui può avere colpa (in tutto in parte) in un incidente stradale nel quale viene investito e tutto dipende da dove e come attraversa la strada.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 24204/14.

Da ciò che si evince dalla pronuncia appena riportata, in un sinistro stradale con investimento, non è sempre vero che il pedone abbia ragione.

Chi è a piedi e viene investito può avere una parte, o addirittura, tutta la colpa. Va verificato il modo in cui attraversa la strada, poiché, anche al pedone, è richiesto un minimo di diligenza e accortezza. A

A parere degli Ermellini, infatti, il comportamento di chi attraversa non deve essere imprevedibile. Ad esempio, in presenza di strisce pedonali nelle vicinanze, non è accettabile attraversare la strada al di fuori di esse, senza attendere il passaggio di tutte le autovetture.

Dunque, anche se sussiste comunque una presunzione di colpa a carico del conducente, la posizione pericolosa del pedone e la sua mancata diligenza nell'evitare il rischio può costituire per lui fonte di responsabilità integrale o parziale nel sinistro.

Inoltre, la Suprema Corte ha precisato che qualora l’automobilista non riesca a fornire, durante il procedimento in Tribunale, la prova idonea a vincere la sua presunzione di responsabilità, il giudice può comunque indagare circa gli eventuali profili del concorso di colpa del pedone investito, specie quando il comportamento di quest’ultimo sia stato improntato a pericolosità e imprudenza.

Successivamente, una volta accertato il concorso di colpa tra automobilista e pedone, il magistrato potrà applicare le percentuali di rispettiva responsabilità in base al suo giudizio sul fatto concreto e su come si sono svolte le modalità concrete del sinistro.

17 Novembre 2014 · Andrea Ricciardi




Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) utilizza il form che trovi più in basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Se il post è stato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!