Al pagamento delle spese funebri del defunto sono obbligati gli eredi - Chi anticipa l'importo ha diritto al rimborso

Per quanto riguarda il pagamento dei debiti e pesi ereditari (Cassazione sentenza 1994/2016) le spese per onoranze funebri rientrano tra i pesi ereditari, con la conseguenza che, colui che ha anticipato tali spese ha diritto ad ottenerne il rimborso da parte degli eredi, sempre che non si tratti di spese eccessive, sostenute contro la loro volontà.

Le spese funerarie, infatti, sono comprese tra i pesi ereditari, cioè tra quegli oneri che sorgono in conseguenza dell'apertura della successione e che, pur dovendo essere distinti dai debiti ereditari, cioè dai debiti esistenti in capo al de cuius e che si trasmettono, con il patrimonio del medesimo, a coloro che gli succedono per legge o per testamento-, gravano sugli eredi per effetto dell'acquisto dell'eredità, concorrendo a costituire il passivo ereditario, che è composto sia dai debiti del defunto sia dai debiti dell'eredità.

Ne consegue che colui che ha anticipato tali spese ha diritto di ottenerne il rimborso dagli eredi: a tale proposito va ricordato che la qualità di erede non può desumersi dalla semplice chiamata all'eredità, non essendo prevista alcuna presunzione in tal senso, conseguendo la stessa solo all'accettazione dell'eredità, espressa o tacita, la cui ricorrenza rappresenta, quindi, un elemento costitutivo del diritto azionato nei confronti del soggetto evocato in giudizio per ottenere la quota di rimborso delle spese funebri sostenute per il defunto.

13 ottobre 2017 · Annapaola Ferri

Argomenti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su al pagamento delle spese funebri del defunto sono obbligati gli eredi - chi anticipa l'importo ha diritto al rimborso. Clicca qui.

Stai leggendo Al pagamento delle spese funebri del defunto sono obbligati gli eredi - Chi anticipa l'importo ha diritto al rimborso Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 13 ottobre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 9 febbraio 2019 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di eredità successione e donazioni Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 14 giugno 2019 at 16:54

    Come posso non pagare un funerale di un padre, che ad oggi non ha una residenza è ricoverato in ospedale senza una residenza e mi hanno rintracciato dopo 10 anni che non avevo più sue notizie e sono l’unico erede.

    • Annapaola Ferri 15 giugno 2019 at 04:18

      Le spese per le onoranze funebri sono da comprendere tra i pesi ereditari, cioè tra quegli oneri che sorgono in conseguenza dell’apertura della successione e, pur dovendo essere distinti dai debiti ereditari — ossia dai debiti esistenti in capo al de cuius e che si trasmettono, con il patrimonio del medesimo, a coloro che gli succedono per legge o per testamento — gravano sugli eredi per effetto dell’acquisto dell’eredità, concorrendo a costituire il passivo ereditario, che è composto sia dai debiti del defunto sia dai debiti dell’eredità; ne consegue che colui che ha anticipato tali spese ha diritto di ottenere il rimborso dagli eredi, sempre che non si tratti di spese eccessive sostenute contro la volontà espressa dai medesimi (Corte di cassazione sentenza 28/2002).

      E’ evidente allora che, per evitare di dover corrispondere le spese del funerale di suo padre, è sufficiente rinunciare all’eredità (dichiarazione che si rende presso il tribunale o un notaio).

  • Anonimo 22 marzo 2019 at 16:02

    E’ stata accettata un’eredità con beneficio di inventario.
    L’unico attivo dell’asse ereditario è una somma sul c/c bancario del de cuius.
    I debiti del de cuius superano questa somma.
    Le spese funerarie, sostenute da un parente, possono essere recuperate, proporzionalmente all’ammontare dei crediti dei vari creditori, attingendo alla somma disponibile sul c/c bancario?
    Grazie in anticipo per la risposta.

    • Ludmilla Karadzic 22 marzo 2019 at 18:28

      Non è possibile. I coeredi, secondo quanto disposto dall’articolo 752 del codice civile, contribuiscono tra loro al pagamento dei debiti e dei pesi ereditari in proporzione delle loro quote ereditarie.

      I giudici della corte di Cassazione hanno poi stabilito, con la sentenza 28/2002, che le spese per le onoranze funebri del de cuius sono da comprendere tra i pesi ereditari, cioè tra quegli oneri che sorgono in conseguenza dell’apertura della successione e gravano sugli eredi per effetto dell’acquisto dell’eredità, concorrendo a costituire il passivo ereditario, che è composto sia dai debiti del defunto sia dai debiti dell’eredità.

      Utilizzando le disponibilità in conto corrente del defunto, per pagare le spese funerarie, si sposterebbe il peso ereditario a carico dei creditori.

  • Anonimo 4 marzo 2019 at 15:21

    Una donna muore e lascia un erede testamentario oltre a tanti legati parte di soldi alcuni di immobili l’erede accetta con beneficio di inventario alla fine dopo quasi un anno comunica ai legati che devono contribuire a tutte le spese per l’acquisizione dell’eredità da lui sostenute. Essendoci ancora soldi a disposizione non può usarli non essendoci da parte dell’erede nessuna richiesta verso i legati in precedenza. Le spese notarili pesi da lui scelti dovrebbero essere a suo carico come le spese funebri come erede e non addossate ai legati che dovrebbero pagare solo l’imposta di successione che nel caso non essendoci altri eredi legittimi e pari al 8 per cento .grazie

    • Ornella De Bellis 4 marzo 2019 at 15:55

      Se l’erede testamentario è un legittimario e se il valore della somma dei legati eccede la quota disponibile, l’erede testamentario potrebbe chiedere al giudice la riduzione delle disposizioni testamentarie, ragion per cui ai legatari potrebbe anche convenire contribuire alle spese, specie se per spese si intende il ristoro dei debiti lasciati dal de cuius.

  • Anonimo 25 febbraio 2018 at 16:45

    Chi paga le spese del funerale in presenza di una ex moglie (divorzio) quindi non erede e di 2 figli eredi uno minorenne studente e uno maggiorenne studente?

    • Simone di Saintjust 25 febbraio 2018 at 18:59

      L’Amministrazione Comunale di residenza del defunto è chiamata a svolgere gratuitamente il funerale e la sepolture della salma di persone sole, abbandonate o appartenenti a famiglie bisognose non in grado di pagare, assicurando una sepoltura ed un servizio dignitosi.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca