Quando si perde il ricorso presso il giudice di pace – la procedura per il pagamento della multa

Come è noto, il decreto legislativo 1° settembre 2011, numero 150, in vigore dal 6 ottobre 2011, ha, tra l’altro, introdotto significative modifiche in materia di opposizione al verbale di accertamento di violazione del codice della strada, adesso regolata dall’articolo 7 del predetto decreto.

L’articolo 7, comma 11 del decreto legislativo 1° settembre 2011, numero 150, prescrive che Con la sentenza che rigetta l’opposizione il giudice determina l’importo della sanzione in una misura compresa tra il minimo e il massimo edittale stabilito dalla legge per la violazione accertata. Il pagamento della somma deve avvenire entro i trenta giorni successivi alla notifica della sentenza e deve essere effettuato a vantaggio dell’amministrazione cui appartiene l’organo accertatore, con le modalità di pagamento da questa determinate.

Pertanto, la legge ha chiaramente stabilito che è il giudice, in caso di rigetto de] ricorso, a determinare l’importo della sanzione da pagare, in misura compresa tra il minimo ed il massimo edittale stabilito per la violazione accertata e oggetto di ricorso.

Il pagamento della sanzione deve avvenire entro 30 giorni dalla notifica della sentenza, con le modalità determinate dall’Amministrazione di appartenenza dell’organo accertatore e a vantaggio di essa. La notifica della sentenza deve essere effettuata dalla Prefettura cui spetta la legittimazione passiva nel giudizio, con oneri a carico del soccombente.

Per quanto attiene invece la possibile sanzione accessoria della decurtazione dei punti patente, sarà l’organo accertatore (polizia, carabinieri e vigili) a doversi occupare del tagli dei punti nel rispetto del tempo concesso al trasgressore per impugnare il provvedimento. Ovvero 6 mesi dalla pubblicazione della sentenza o 30 giorni dalla sua notifica (se non c’è stata opposizione).

23 Aprile 2013 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Multa per violazione del codice della strada – il ricorso al giudice di pace
E' sempre possibile, in alternativa al ricorso al Prefetto, il ricorso al Giudice di pace del luogo in cui è stata commessa la violazione al Codice della Strada. Il ricorso va presentato entro 30 giorni dalla contestazione su strada o dalla notifica della multa, sempre che non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta nei casi consentiti. Il ricorso al Giudice di pace può essere proposto anche dopo l'esito negativo del ricorso al Prefetto. Iil termine è sempre di 30 giorni dalla notifica dell'ordinanza-ingiunzione. ...

Ricorso a verbale di multa - per il Giudice di Pace il termine è di trenta giorni
Il 1° settembre 2011 il consiglio dei ministri ha approvato in maniera definitiva il decreto legislativo recante disposizioni complementari al codice di procedura civile in materia di riduzione e semplificazione dei procedimenti civili, decreto che riduce a 30 (trenta) giorni il termine concesso per presentare al Giudice di Pace un ricorso a multa per violazioni del codice della strada commesse a partire dal 6 ottobre 2011. Come è noto, l'articolo 204-bis del codice della strada prevedeva che il ricorso a multa dovesse essere presentato al Giudice di Pace nel termine di 60 (sessanta) giorni dalla data di contestazione immediata o ...

La multa ed il ricorso al prefetto e al giudice di pace
Nel linguaggio comune con il termine  "multa" o "contravvenzione" si intende la sanzione amministrativa pecuniaria camminata per un'infrazione al codice della strada. L'iter della multa inizia con l'accertamento dell'infrazione, cui segue l'emissione di un verbale di contestazione che può essere notificato contestualmente - se il conducente viene fermato - o notificato al domicilio del proprietario del veicolo (responsabile in solido se il trasgressore non è stato identificato) entro il termine di 150 giorni dall'accertamento (90 giorni a partire dal 13 agosto 2010). ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando si perde il ricorso presso il giudice di pace – la procedura per il pagamento della multa. Clicca qui.

Stai leggendo Quando si perde il ricorso presso il giudice di pace – la procedura per il pagamento della multa Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 23 Aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria contenzioso ricorso opposizione al verbale di multa Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 9 Marzo 2021 at 05:03

    Ho ricevuto cartella per due multe stradali, faccio ricorso giudice di pace che sentenzia l’annullamento di una e al pagamento dell’altra. Inoltre condanna l’ente al pagamento delle spese e compenso avvocato. Notificato sentenza all’ente comune di Roma/Agenzia delle Entrate arriva assegno da parte Agenzia delle Entrate, io vado per pagare con conto corrente la somma decisa dal giudice di €231,60 ma alla posta mi dicono che il bollettino non riconosce importo. A chi mi devo rivolgere per pagare quello stabilito dal giudice? O devo aspettare che mi arrivi altra cartella?

    • Rosaria Proietti 9 Marzo 2021 at 07:38

      E’ sufficiente recarsi allo sportello dell’Agenzia delle Entrate Riscossione, territorialmente competente, che provvederà dal vecchio bollettino a risalire al ruolo da saldare. Capisco che si tratta di una ulteriore penalizzazione (in termini di tempo) richiesta al cittadino, tuttavia se vuole risolvere questa è la strada da percorrere.

  • Anonimo 9 Dicembre 2018 at 10:15

    Ho ricevuto una ingiusta contravvenzione ed ho fatto ricorso al prefetto perdendolo. ho impugnato il tutto e sono andato dal giudice di pace e ho perso nuovamente.
    correva l’anno 2013.
    ad oggi ho scoperto che la sentenza è stata depositata nel 2014 ma nessuno dico Nessuno mi ha notificato la sentenza a casa o quantomeno la contravvenzione stessa che comporta anche la decurtazione dei punti.
    i punti ad oggi non mi sono mai stati tolti ne ho ricevuto un avviso di pagamento quindi la mia domanda è questa:
    Come mi devo comportare devo aspettare che mi notificano la contravvenzione presso la mia residenza ufficialmente.
    dopo tutti questi anni di quanto si aggraverà la somma che devo pagare?!
    Ma soprattutto devo pagare non è andato niente prescrizione?
    Sapevo che la cartella esattoriale va notificata entro due anni dalla sentenza che viene iscritta a ruolo è vero?
    Spero di essere stato chiaro e di aver fornito tutti gli elementi utili per capire la mia posizione

    • Ludmilla Karadzic 9 Dicembre 2018 at 10:18

      Se non fu chiesta al Prefetto la sospensione del pagamento della multa nelle more dell’esito del giudizio, o se avendola chiesta la sospensione non fu accordata, la multa andava pagata entro i 60 giorni dalla data di notifica del verbale.

      Decorsi i 60 giorni dalla notifica del verbale, in caso di inadempimento, l’importo della sanzione amministrativa lievita al 50% del massimo edittale previsto per la specifica violazione al Codice della strada (si tratta quasi di un raddoppio dell’importo originario indicato nel verbale, che generalmente è pari al 25% circa del massimo edittale) e risulterà gravato da una maggiorazione del dieci per cento per ogni semestre fino all’iscrizione a ruolo del debito (iscrizione a ruolo presumibilmente avvenuta dopo la sentenza del Giudice di Pace).

      In conclusione, le verrà notificata una cartella esattoriale con l’importo della sanzione al 50% del massimo edittale per l’infrazione commessa, gravato dalla maggiorazione semestrale del 10% fino alla data di iscrizione a ruolo, dagli interessi legali maturati nel periodo di tempo intercorrente dalla data di iscrizione a ruolo fino alla data di notifica della cartella esattoriale, nonché dall’aggio spettante al concessionario della riscossione.

  • Andrea 5 Gennaio 2016 at 18:36

    Nel dicembre 2012 ho fatto ricorso al Giudice di Pace che è stato respinto: purtroppo solo oggi leggo la sentenza e scopro che dovevo pagare entro 30 gg dalla notifica. Ora sono nel panico cosa devo fare?

    • Annapaola Ferri 5 Gennaio 2016 at 19:05

      Può chiedere la rateizzazione della multa se sussistono le condizioni. AL riguardo può leggere questo articolo. Altrimenti non resta che attendere la cartella esattoriale e provare a rateizzare quella, anche se ciò costerà aggravio di interessi e sanzioni.