Pagamento del ticket su strisce blu tramite smartphone

Come sappiamo, dal 1° gennaio 2014, è teoricamente possibile sostare in aree blu pagando il ticket con lo smartphone.

Tuttavia, come sottolinea il parere (numero 4388 del 7 settembre 2015) della Direzione Generale per la sicurezza stradale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, nessuno dei parcometri omologati è fornito di questa specifica funzione. Inoltre, il Codice della Strada (articolo 157) dispone espressamente che nei luoghi dove la sosta è permessa per un tempo limitato, è fatto obbligo ai conducenti di segnalare, in modo chiaramente visibile, l’orario in cui la sosta ha avuto inizio. Il tutto, naturalmente, perché possa essere possibile una attività di controllo da parte degli organi preposti: il mancato rispetto di tali prescrizioni comporta l’irrogazione di una sanzione.

Il pagamento mediante telefono cellulare non sembra soddisfare le condizioni poste dalla normativa appena richiamata, poiché manca l’elemento visibile che testimoni l’orario di inizio della sosta per il caso di sosta limitata (in pratica il ticket).

Va segnalato poi un altro elemento di criticità, riferito all’eventuale accertamento dell’infrazione, che può essere effettuato da un qualsiasi organo di polizia stradale, anche diverso dagli eventuali operatori dedicati allo specifico servizio. Non sarebbe possibile verificare l’avvenuto pagamento e la validità di scadenza, senza il supporto tecnico di adeguata strumentazione.

Ora, se è vero che la legge di stabilità 2014 (legge 147/13), nel novero delle azioni tese a sviluppare forme integrate di mobilità e trasporto e a promuovere, in particolare, la dematerializzazione dei titoli di sosta, ha introdotto la possibilità di pagamento elettronico dei servizi di parcheggio, i tecnici del Ministero ritengono che, per le problematiche appena esposte, l’utilizzo del telefono cellulare potrà essere ammesso esclusivamente in parcheggi in concessione presidiati.

Altra possibilità di impiego del pagamento via smartphone del ticket può prospettarsi nel caso in cui esista, tra i vari corpi e servizi di polizia stradale operanti sul territorio, un accordo che demandi ad uno solo di essi, dotato delle necessarie attrezzature, il controllo della sosta.

Infine, conclude il parere del Ministero, anche in presenza di accordo tra i vari organi di polizia, che permetterebbe un puntuale controllo degli adempimenti prescritti, la sosta nelle strisce blu non può essere vincolata ad una sola modalità di pagamento, ma dovrebbe comunque essere prevista la presenza di un parcometro, o l’uso dei “grattini”, per permettere l’acquisto del ticket anche a quegli utenti che non intendono utilizzare i telefoni cellulari.

17 Settembre 2015 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sosta del veicolo con ticket di pagamento esposto ma scaduto - La multa è legittima
Il codice della strada (articolo 157) prevede due distinte condotte: quella di porre in sosta l'autoveicolo senza segnalazione dell'orario di inizio della sosta, laddove essa è prescritta per un tempo limitato, ed il fatto di non attivare il dispositivo di controllo della durata della sosta, nei casi in cui esso è espressamente previsto, precisando che l'espressione dispositivo di controllo della durata della sosta vale a comprendere i casi dei parcheggi a pagamento mediante acquisto di apposita scheda. Peraltro, l'espressione dispositivo di controllo della durata della sosta è la medesima di quella usata dalla disposizione del codice della strada che consente ...

Sosta su strisce blu - quando c'è inadempienza contrattuale e quando la multa
Chi espone un ticket scaduto in una zona soggetta a tariffa oraria non incorre in una multa stradale ma in una inadempienza contrattuale. Chi omette completamente di esporre lo scontrino è soggetto ad una multa di 41 euro. All'esame di questi aspetti, scontrino sì/scontrino no, è stata addirittura dedicata una nota interpretativa del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: la numero 53284 del 12 maggio 2015. In pratica, nella sosta limitata o regolamentata è possibile incorrere nelle seguenti violazioni che sono sanzionate dal Codice della Strada: Ove non venga posto in funzione il dispositivo della sosta, ovvero non venga indicato ...

Strisce blu - quando la multa per omessa esposizione del ticket è illegittima
Qualora il Comune assuma l'esercizio diretto del parcheggio con custodia o lo dia in concessione, ovvero disponga l'installazione dei dispositivi di controllo di durata della sosta su parte della stessa area o su altra parte nelle immediate vicinanze, deve riservare una adeguata area destinata a parcheggio rispettivamente senza custodia o senza dispositivi di controllo di durata della sosta. Quando non sono disponibili spazi liberi per il parcheggio nelle vicinanze del luogo in cui viene rilevata infrazione per non aver esposto il ticket per la sosta e in assenza di delibere comunali che qualificano l'area in questione come quella rientrante nella ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pagamento del ticket su strisce blu tramite smartphone. Clicca qui.

Stai leggendo Pagamento del ticket su strisce blu tramite smartphone Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 17 Settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Settembre 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)