Notifica via posta - la mancanza della relata di notifica è irregolarità sanabile se l'atto viene impugnato

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

La ratio risiede nel fatto che l'unico scopo della relata di notifica è fornire a chi la richiede la prova dell'effettivo invio dell'atto e l'indicazione dell'ufficio postale al quale è stato consegnato per l'inoltro al destinatario. Conseguentemente, se l'atto è ricevuto, il destinatario non si può avvalere della sua mancanza che non comporta l'inesistenza della notifica, ma una mera irregolarità, trattandosi di un adempimento che non è previsto nel suo interesse. In ogni caso, deve ritenersi applicabile la disciplina della sanatoria dei vizi per raggiungimento dello scopo se ciò avvenga prima della scadenza dei termini di decadenza previsti per legge (C.Cass. sent. numero 11350 del 5 luglio 2012).

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca