Conducente extracomunitario e guida in stato di ebbrezza

Conducente extracomunitario e guida in stato di ebbrezza

Il Tribunale di Vicenza assolveva l’imputato extracomunitario per il reato di guida in stato di ebbrezza, affermando che il fatto non sussisteva per via della mancata traduzione nella lingua dell’imputato del verbale di accertamento del tasso alcolemico.

Avverso tale provvedimento, propone ricorso per cassazione il Procuratore Generale, denunciando la violazione della legge processuale in relazione all’insussistenza dell’obbligo di traduzione simultanea dell’atto nell’ambito di accertamenti urgenti, considerando la natura incompatibile di tale atto indifferibile con gli adempimenti previsti dalla legge.

La vicenda giunge così all’esame dei giudici, sezione penale, della Suprema Corte di cassazione (sentenza 22081/2019) i quali argomentano che l’indifferibilità dell’esame etilometrico deriva dall’andamento della concentrazione ematica di alcol etilico nel tempo dopo la sua assunzione, scientificamente descritta da una curva cosiddetta curva di Widmark) che raggiunge il suo picco dopo sessanta minuti dall’ingestione. È chiaro, dunque, che il rinvio di una simile prova ne modifica l’esito, con definitiva compromissione dell’accertamento. Questa è la ragione per la quale la giurisprudenza di legittimità ha, da sempre, inquadrato l’analisi del tasso alcolico spirometrico fra gli atti indifferibili ed urgenti.

Pertanto, nell’ipotesi in cui debba provvedersi all’accertamento dello stato di ebbrezza, a mezzo di alcoltest, l’urgenza ed indifferibilità dell’accertamento, pur fermo restando l’obbligo di dare avviso all’interessato di farsi assistere da un difensore di fiducia in lingua italiana, non impongono anche il previo obbligo di traduzione del contenuto dell’avviso e dello scopo dell’atto per coloro che assumano di non comprendere la lingua in quanto stranieri, posto che l’attesa per il reperimento dell’interprete o del traduttore rischierebbe di compromettere definitivamente l’esito dell’accertamento, che è legato al decorso del tempo.

25 Agosto 2019 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Guida in stato di ebbrezza » Farmaci che incrementano tasso alcolemico
Alcuni farmaci possono incrementare il tasso alcolemico. Se il conducente è consapevole di assumerli, non deve mettersi alla guida. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, IV Sezione Penale, con la sentenza numero 15562 del 3 aprile 2013 dove ha sancito che: anche nel vigente codice di procedura penale la rinnovazione del giudizio in appello è istituto di carattere eccezionale al quale può farsi ricorso esclusivamente quando il Giudice ritenga, nella sua discrezionalità, di non poter decidere allo stato degli atti… Nella fattispecie che ci occupa pertanto non può certo ritenersi che l'espletamento di una perizia diretta ad accertare l'idoneità ...

Guida in stato di ebbrezza » Per rendere valido alcoltest è sufficiente l'invito a farsi assistere da un legale: non va aspettato l'avvocato per eseguire l'accertamento
In tema di guida in stato di ebbrezza, per rendere valido l'alcoltest, è sufficiente l'invito, da parte della polizia giudiziaria, a farsi assistere da un legale: per eseguire l'accertamento, infatti, gli agenti non devono attendere l'arrivo, sul posto, dell'avvocato del trasgressore. La polizia giudiziaria ha l'obbligo di avvisare l'automobilista di poter essere assistito da un legale nel caso di alcoltest, ma trattandosi di un accertamento non differibile può procedere anche quando l'interessato ha chiamato un avvocato che si trova a pochi chilometri di distanza. E' quanto emerge dalla sentenza 50053/2014 della Corte di Cassazione. Da ciò che si evince dalla ...

Accertamento alcolemico precursore e probatorio - Il rifiuto di sottoporsi al test probatorio costituisce sempre reato se il conducente non prova l'abuso di potere dell'agente di polizia
La Corte Costituzionale ha escluso la sussistenza di vizi di costituzionalità nella facoltà concessa gli agenti di polizia di accompagnare il conducente, per il prelievo di sangue, presso idonee strutture. La Consulta osserva, infatti, che il conducente da sottoporre a test alcoolemici e/o inerenti all'uso recente di sostanze stupefacenti non subisce coartazione alcuna, potendosi rifiutare in caso di ritenuto abuso di potere da parte dell'agente, anche se il rifiuto opposto può essere utilizzato, in base al comma 8 dell'articolo 187 del Codice della strada, come un autonomo titolo di reato perpetrato dal conducente stesso qualora, ad esito di una verifica ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su conducente extracomunitario e guida in stato di ebbrezza. Clicca qui.

Stai leggendo Conducente extracomunitario e guida in stato di ebbrezza Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 25 Agosto 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 15 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)