Non dovuta IRAP se il lavoratore autonomo svolge la propria attività in una struttura organizzata da terzi

Ai fini della soggezione ad IRAP dei proventi di un professionista, non è sufficiente che il lavoratore si avvalga di una struttura organizzata, ma è anche necessario che questa struttura sia autonoma, cioè faccia capo al lavoratore stesso, non solo ai fini operativi bensì anche sotto i profili organizzativi.

Non sono perciò soggetti ad Irap i proventi che un lavoratore autonomo percepisce come compenso per le attività professionali svolte all’interno di una struttura da altri organizzata.

Il principio giuridico è stato sancito dai giudici della Corte di cassazione con l’ordinanza 2920/2017.

22 Febbraio 2017 · Giorgio Valli



Condividi il post e dona


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su non dovuta irap se il lavoratore autonomo svolge la propria attività in una struttura organizzata da terzi. Clicca qui.

Stai leggendo Non dovuta IRAP se il lavoratore autonomo svolge la propria attività in una struttura organizzata da terzi Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 22 Febbraio 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria IVA ed IRAP

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)