Nessun fermo sul veicolo del professionista o dell'imprenditore

Come tutti sappiamo, decorso inutilmente il termine di 60 giorni per il pagamento o l’impugnazione della cartella esattoriale, il concessionario della riscossione può disporre il fermo amministrativo del veicolo del debitore. E’ quanto dispone l’articolo 86 del dpr 602/1973.

La procedura di iscrizione del fermo amministrativo del veicolo di proprietà del debitore è avviata dall’agente della riscossione con la notifica di una comunicazione preventiva contenente l’avviso che, in mancanza del pagamento delle somme dovute entro il termine di trenta giorni, sara’ eseguito il fermo, senza necessita’ di ulteriore comunicazione, mediante iscrizione del provvedimento che lo dispone nel Pubblico Registro Automobilistico (PRA), salvo che il debitore, nel predetto termine, dimostri all’agente della riscossione che il bene mobile è strumentale all’attività di impresa o della professione.

Per fruire del beneficio di annullamento del preavviso di fermo amministrativo o di cancellazione del fermo amministrativo già trascritto al Pubblico registro Automobilistico (PRA), il debitore professionista deve sottoscrivere una dichiarazione sostitutiva di certificazione in cui attesta che il veicolo oggetto di preavviso di iscrizione di fermo amministrativo, oppure già sottoposto ad iscrizione di fermo amministrativo, è strumentale all’attività professionale esercitata. Il beneficio vale anche per l’imprenditore che utilizza il veicolo di sua proprietà per svolgere attività imprenditoriale.

Il debitore professionista o imprenditore dovrà altresi dichiarare che il veicolo oggetto di preavviso di fermo amministrativo o già sottoposto al vincolo è l’unico di sua proprietà ed è stato volontariamente destinato all’attività professionale/imprenditoriale.

All’istanza andranno poi allegati, in alternativa, copia del libretto di circolazione da cui risulti la destinazione d’uso del veicolo; copia della licenza, concessione amministrativa, autorizzazione comunale, patente, tesserino di riconoscimento o altra documentazione idonea a chiarire la professione/attività svolta; il certificato di attribuzione di partita IVA (per le persone fisiche) da cui risulti l’attività svolta.

Di seguito il modello F2, predisposto da Agenzia Entrate Riscossione per l’istanza di annullamento del preavviso/cancellazione iscrizione di fermo amministrativo su veicolo strumentali all’attività professionale o di impresa.

istanza professionisti e imprenditori per cancellazione fermo amministrativo

15 Marzo 2018 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il debitore disabile ha diritto di chiedere ed ottenere l'annullamento del preavviso o la cancellazione del fermo amministrativo già disposto sul veicolo adibito al suo trasporto
Agenzia Entrate riscossione, a partire dal 12 febbraio 2018, ha deciso di ampliare la platea dei veicoli per i quali il fermo non può essere disposto. Oltre a quelli strumentali all'attività di impresa o della professione, anche i veicoli utilizzati per il trasporto di persone diversamente abili non possono essere sottoposti alla procedura di fermo amministrativo. Per fruire del beneficio di annullamento del preavviso di fermo amministrativo o di cancellazione del fermo amministrativo già trascritto al Pubblico registro Automobilistico (PRA), il debitore diversamente abile deve sottoscrivere una dichiarazione sostitutiva di certificazione in cui attesta che il veicolo oggetto di preavviso ...

Fermo amministrativo – è impugnabile il preavviso di fermo del veicolo di proprietà del debitore
È stata riconosciuta l'impugnabilità del preavviso di fermo di un veicolo dinanzi alla Commissione Tributaria. Il preavviso di fermo amministrativo è previsto dalla nota dell'Agenzia delle Entrate numero 57413/03, che impone ai concessionari di inviare al contribuente avviso di adempiere al pagamento delle somme indicate nel termine di venti giorni, trascorsi inutilmente i quali si può procedere alla iscrizione del fermo stesso, previsto dall'articolo 86 del dpr numero 602 del 1973. Sull'impugnabilità del preavviso di fermo è sorta una questione spinosa, che la Cassazione ha risolto in senso favorevole al contribuente con l'ordinanza numero 10672 dell'11 maggio 2009. In particolare ...

Quando Equitalia può disporre il fermo amministrativo sul veicolo del debitore
Decorso inutilmente il termine 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, Equitalia può disporre il fermo dei beni mobili del debitore o dei coobbligati iscritti in pubblici registri, dandone notizia alla direzione regionale delle entrate ed alla regione di residenza. La procedura di iscrizione del fermo di beni mobili registrati è avviata dall'agente della riscossione con la notifica al debitore o ai coobbligati iscritti nei pubblici registri di una comunicazione preventiva contenente l'avviso che, in mancanza del pagamento delle somme dovute entro il termine di trenta giorni, sarà eseguito il fermo, senza necessità di ulteriore comunicazione, mediante iscrizione del provvedimento ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su nessun fermo sul veicolo del professionista o dell'imprenditore. Clicca qui.

Stai leggendo Nessun fermo sul veicolo del professionista o dell'imprenditore Autore Giorgio Martini Articolo pubblicato il giorno 15 Marzo 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 15 Marzo 2018 Classificato nella categoria cartella esattoriale ingiunzione fiscale e avviso di accertamento esecutivo » mini guide

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 4 Agosto 2019 at 23:20

    Salve, ormai da 5 anni che ho un fermo amministrativo sulla mia autovettura, sono un fotografo professionista potrei avvalermi a questo punto del fatto che l’auto mi serve per lavoro dichiarando la bene strumentale? Grazie

    • Ludmilla Karadzic 5 Agosto 2019 at 03:41

      Ci può provare: tuttavia, l’annullamento del fermo amministrativo per motivi professionali, non è automatico. Deve presentare un’istanza all’Agenzia delle Entrate Riscossione utilizzando questo modello. E poi, incrociare le dita …

  • Anonimo 17 Maggio 2019 at 18:21

    Nonostante l’istanza di annullamento del preavviso di fermo amministrativo presentata tramite pec compilando il modello F2 e allegando tutta la documentazione, mi è stato comunque trascritto il fermo al PRA.
    Come devo comportarmi?
    Sono un agente di commercio e ho urgenza di poter circolare in tranquillità.

    • Ornella De Bellis 18 Maggio 2019 at 04:19

      L’istanza andava presentata entro trenta giorni dalla notifica del preavviso di fermo amministrativo: in pratica il fermo non avrebbe proprio dovuto essere iscritto al PRA.

      Può rimediare con un ricorso amministrativo in autotutela, adducendo di non aver mai ricevuto il preavviso: in pratica, a questo punto, invece di affidarsi alla PEC, le conviene perdere mezza giornata presso l’Agenzia delle Entrate Riscossione territorialmente competente, chiedere di conferire con un funzionario e nel contempo accedere agli atti facendo emergere la circostanza che non ha mai ricevuto il preavviso di fermo.

      Il rimedio alternativo, qualora insistessero per negarle il beneficio (pur avendo commesso un errore di procedura), è il ricorso giudiziario: i termini temporali per la presentazione del ricorso giudiziale e il giudice competente dipendono però dalla natura del debito per cui è stata emessa cartella esattoriale e, comunque, la presentazione del ricorso amministrativo in autotutela non sospende i termini del ricorso giudiziale.

      Articolo 86, comma 2 del DPR 602/1973 (riportato per comodità del lettore)

      La procedura di iscrizione del fermo di beni mobili registrati e’ avviata dall’agente della riscossione con la notifica al debitore o ai coobbligati iscritti nei pubblici registri di una comunicazione preventiva contenente l’avviso che, in mancanza del pagamento delle somme dovute entro il termine di trenta giorni, sara’ eseguito il fermo, senza necessita’ di ulteriore comunicazione, mediante iscrizione del provvedimento che lo dispone nei registri mobiliari, salvo che il debitore o i coobbligati, nel predetto termine, dimostrino all’agente della riscossione che il bene mobile e’ strumentale all’attività di impresa o della professione.

  • Anonimo 4 Maggio 2019 at 15:34

    Ho ieri ricevuto il preavviso di fermo ho 30 gg ma poiché il veicolo era già da rottamare posso farlo prima che scadono i 30 gg???

    • Simone di Saintjust 4 Maggio 2019 at 17:18

      Potrebbe correre dei rischi se rottamasse la sua vettura adesso, dopo la notifica del preavviso. Non glielo consiglio.