La decadenza dal beneficio del termine (DBT) nel ...


La decadenza dal beneficio del termine (DBT) nel contratto di mutuo


Volevo sapere cosa vuol dire nello specifico la seguente condizione del capitolato del mutuo: Articolo 1 » Al verificarsi di una delle ipotesi di cui all’articolo 1186 del codice civile – alle quali vanno equiparati eventi tali da incidere sostanzialmente in senso negativo sulla situazione patrimoniale, economica e finanziaria della Parte Mutuataria, nonché la circostanza che la Parte Mutuataria stessa o uno dei garanti subisca protesti, procedimenti concorsuali, conservativi, esecutivi o ipoteche giudiziali – la Banca potrà far decadere la Parte Mutuataria dal beneficio del termine, ai sensi del medesimo articolo.

Un soggetto richiede un mutuo ipotecario per l’acquisto di una casa: la banca glielo concede dopo che il mutuatario ha offerto garanzie come una busta paga e ha dimostrato di essere, ad esempio, proprietario di una altro bene immobile.

Ottenuto il prestito ipotecario il debitore si licenzia, oppure vende l’immobile (in un contesto di mercato con prezzi in discesa) su cui la banca aveva fondato speranze di azione esecutiva in caso di inadempimento nel pagamento delle rate (si tratta di eventi che incidono sostanzialmente in senso negativo sulla situazione patrimoniale del debitore). Oppure, il debitore subisce protesti (per assegni scoperti o cambiali non onorate alla scadenza), procedimenti concorsuali (il debitore fallisce), conservativi (i beni del debitore vengono sottoposti a sequestro conservativo), esecutivi (i beni del debitore vengono pignorati espropriati e venduti all’asta) o ipoteche giudiziali sui beni di proprietà.

Qualora si verifichi uno di questi eventi, la banca potrà risolvere il contratto di mutuo e pretendere il rimborso del capitale residuo in unica soluzione. In termine tecnico si dice che il debitore decade dal beneficio del termine, anche se è stato sempre puntuale nel pagamento delle rate del mutuo.

Infatti il citato articolo del codice civile dispone che: quantunque il termine (quello fissato dal piano di ammortamento allegato al contratto, ndr) sia stabilito a favore del debitore, il creditore può esigere immediatamente la prestazione se il debitore è divenuto insolvente o ha diminuito, per fatto proprio, le garanzie che aveva date o non ha dato le garanzie che aveva promesse

28 Febbraio 2020 · Chiara Nicolai


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza zero voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Argomenti correlati: 

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui





Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!


Costa sto leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo La decadenza dal beneficio del termine (DBT) nel contratto di mutuoAutore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 28 Febbraio 2020 Ultima modifica effettuata il giorno 13 Settembre 2020 Classificato nelle categorie Numero di commenti e domande: 0. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.' .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)