Multe pagate tramite bonifico bancario » Fate attenzione alla data di valuta per usufruire dello sconto del 30%

Multe pagate tramite home banking? Attenzione alla data di valuta nel bonifico.

Chi paga la multa stradale con strumenti elettronici deve fare attenzione alla data della valuta perché diversamente rischia di non essere ammesso, ad esempio, al beneficio dello sconto del 30%.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte dei Conti dell'Emilia Romagna con la delibera 195/14.

Come ben sappiamo, per poter accedere al beneficio dello sconto del 30% della multa l’interessato deve pagare entro 5 giorni dalla notifica.

Inoltre, chi tarda, anche solo di un giorno, il normale pagamento, previsto entro 60 giorni, subisce il raddoppio dell’importo.

Ebbene, chi paga le multe comodamente da casa, facendo un bonifico con il computer, tramite collegamento alla banca da internet, deve fare attenzione alla data della valuta.

Ciò perché, se il pagamento non arriva all'amministrazione nei termini previsti dalla legge, al di là di quando è stato eseguito l’ordine alla propria banca, l’automobilista rischia grosso.

Pertanto, secondo quanto chiarito dai Giudici emiliani, chi preferisce adottare il pagamento elettronico per la multe stradali, deve fare attenzione alla data della valuta, poiché le transazioni effettuate con strumenti elettronici prevedono un differenziale tra il giorno del pagamento e il giorno della valuta.

Al contrario, le conseguenze derivanti da un ritardo nella data dell’effettivo pagamento di un verbale stradale, potrebbero essere, ad esempio, che il beneficiario riceva la somma dopo i 5 giorni, perdendo cosi, il contribuente, il diritto allo sconto del 30% sulla contravvenzione.

Inoltre, come accennato, qualora il beneficiario riceva la somma oltre i 60 giorni, previsti dalla normativa per il pagamento delle multe, scatterebbe il raddoppio dell’importo.

28 Ottobre 2014 · Giuseppe Pennuto


Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) utilizza il form che trovi più in basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Se il post è stato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!