Strisce blu – per parcheggiare gratis e non pagare la multa bisogna dimostrare che l’ordinanza comunale è illegittima

Il trasgressore che ritenga illegittima l'ordinanza comunale istitutiva del parcheggio a pagamento e voglia proporre opposizione avverso l'atto di accertamento della contravvenzione di sosta all'interno delle strisce blu - senza esposizione del relativo tagliando - ha l'onere di dedurre e dimostrare le ragioni di tale illegittimità.

In particolare, il trasgressore che ritenga di censurare la mancata osservanza del requisito di legittimità costituito dalla messa a disposizione, nelle immediate vicinanze, di un'area di parcheggio libero, ha l'obbligo di riportare, nell'atto di impugnazione, il contenuto dell'ordinanza comunale istitutiva del parcheggio a pagamento.

Solo in questo modo il giudice di legittimità può valutare, dal testo stesso di quell'atto, la configurabilità stessa del vizio lamentato, esclusa dal giudice di merito.

Non basta sostenere nel ricorso che le aree destinate a parcheggio avrebbero determinato un notevole restringimento della carreggiata richiamando a sostegno la documentazione fotografica che il giudice di merito ha già ritenuto inidonea a dimostrare il denunciato restringimento e la conseguente difficoltà di circolazione.

Queste le conclusioni a cui sono giunti i giudici di piazza Cavour nella sentenza numero 14980 del 14 giugno 2013.

In pratica, l’onere della prova spetta al trasgressore che deve procurarsi l'ordinanza comunale da cui risulta violata l’equa distribuzione tra strisce bianche e strisce blu.

18 Giugno 2013 · Simone di Saintjust


Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) utilizza il form che trovi più in basso.

2 risposte a “Strisce blu – per parcheggiare gratis e non pagare la multa bisogna dimostrare che l’ordinanza comunale è illegittima”

  1. Lucio ha detto:

    Bari, un ausiliare del traffico mi ha fatto una multa per mancata esposizione della ricevuta di pagamento delle strisce blu nonostante sul parabrezza fosse regolarmente esposto il contrassegno annuale per residenti. Ho richiesto di visualizzare la foto dell’infrazione dalla quale ho riscontrato non solo che il parabrezza era ripreso in parte (proprio quella dove non è esposto il tagliando autorizzativo) ma anche che la targa non era affatto ripresa. Poiché sono certa dell'”ingiustizia” subita, quanto sopra è sufficiente per proporre ricorso al prefetto o è meglio pagare? Purtroppo in internet non ho trovato alcun riferimento normativo che regolarizzi tali difformità e non vorrei sprecare tempo per poi ritrovarmi a pagare il doppio della multa inutilmente.

    • Dovrebbe innanzitutto procedere con querela di falso nei confronti dell’ausiliare del traffico: assumere un avvocato le costerebbe senz’altro molto di più che pagare la sanzione amministrativa comminata per sosta sulle strisce blu senza esposizione del ticket. Tuttavia, le questioni di principio possono essere importanti. Dovrà decidere se portare in evidenza l’ingiustizia patita oppure accettare quanto le è capitato come uno dei tanti eventi sfavorevoli che possono capitare nel corso della vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Se il post è stato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!