Multa per guida con cellulare » L'urgenza non ne giustifica l'uso

Multa per guida con telefono cellulare: anche l’urgenza non ne giustifica l’uso.

Neanche le urgenze scusano l’utilizzo del cellulare al volante: lo stato di necessità può essere invocato solo in caso di effettiva situazione di pericolo imminente di danno grave alla persona, non altrimenti evitabile, ovvero l’avere agito in esecuzione di un ordine non macroscopicamente illegittimo, nonché l’erronea persuasione di trovarsi in tali situazioni, persuasione provocata da circostanze oggettive.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Suprema Corte, con sentenza 21266/14.

Medico alla guida, risposta alla chiamata d’emergenza sul cellulare: legittima la multa.

Da quanto si evince dalla pronuncia in esame, non può invocare lo stato di necessità il medico multato per guida con cellulare in mano, se riceve una telefonata del suo primario per parlare di un paziente in pericolo di vita.

A parere dei giudici del Palazzaccio, infatti, in caso di una chiamata ricevuta, il trasgressore non può sapere a priori, ovvero prima di rispondere al telefono mentre guida, che la stessa è dovuta a un’emergenza.

Inoltre, qualora lo avesse saputo, avrebbe dovuto prepararsi con auricolare o viva voce: una cosa, infatti, è chiamare, mentre un’altra è ricevere una telefonata, quando ancora non se ne conosce il contenuto.

Dura la linea della Cassazione, dunque, che rafforza il proprio orientamento rigorista sullo stato di necessità.

Ricordiamo, infatti, che una multa è annullabile, invocando lo stato di necessità, esclusivamente quando il destinatario del verbale ha commesso una violazione trovandosi in situazione di emergenza o grave pericolo per sé o per gli altri.

9 Ottobre 2014 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Se mamma o papà stanno male, inutile precipitarsi in ospedale contravvenendo i limiti di velocità e poi invocando lo stato di necessità
E' indispensabile, per la configurabilità dello stato di necessità finalizzato al riconoscimento della sua fondatezza in sede giudiziale, il supporto di un idoneo riscontro probatorio gravante sul ricorrente, che, in applicazione dei principi fissati dagli articoli 54 e 59 del codice penale, dimostri la ricorrenza di un'effettiva situazione di pericolo imminente di danno grave alla persona, non altrimenti evitabile, ovvero l'erronea persuasione di trovarsi in tale situazione, provocata non da un mero stato d'animo, ma da circostanze concrete (oggettive) che la giustifichino. In tal senso, la giurisprudenza di legittimità ha confermato la decisione di merito, con la quale era stata ...

Distacco fornitura acqua » Se nei pressi dell'abitazione c'è una fontanella non sussiste lo stato di necessità
A seguito di interruzione della fornitura dell'acqua, la rimozione i sigilli, per poter tornar a fruire della somministrazione, configura un reato se nelle vicinanze dell'abitazione vi è una fontanella. In questi casi non sussiste lo stato di necessità. La causa di giustificazione richiede l'assoluta necessità della condotta e l'inevitabilità del pericolo. Non è quindi ravvisabile lo stato di necessità, quando una famiglia, a cui sia stata interrotta la fornitura, rimuova i sigilli per poter tornar a fruire della somministrazione d'acqua, essendoci a poca distanza dalla casa familiare una fonte d'acqua pubblica da cui poter attingere. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso ...

Multa per chi parla al cellulare mentre guida » Ora i vigli urbani ti pedinano: è boom di sanzioni
Aumentano i casi di vigili urbani, in borghese, che pedinano l'automobilista per coglierlo in flagrante, mentre guida parlando al telefono, ed effettuare la multa. Vigili urbani in borghese che pedinano autisti e motociclisti per pizzicarli con il cellulare alla guida. È l'ultima frontiera anti-furbetti della strada, una strategia d'attacco che da Firenze si sta diffondendo a macchia d'olio da Nord a Sud: da Padova (con 73 multe solo nella scorsa settimana, 161 euro di sanzione e -5 punti dalla patente) a Gallarate fino a Lecce. Praticamente gli agenti, in abiti civili e dunque non riconoscibili, si mettono alle calcagna dei ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multa per guida con cellulare » l'urgenza non ne giustifica l'uso. Clicca qui.

Stai leggendo Multa per guida con cellulare » L'urgenza non ne giustifica l'uso Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 9 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)