Multa per divieto di sosta » Va elevata anche al disabile che trasgredisce perchè gli spazi ad hoc sono troppo lontani

Il disabile non può posteggiare in divieto di sosta solo perché gli spazi ad hoc sono lontani da casa: la multa è valida.

Infatti, deve essere rigettata l'opposizione proposta contro le sanzioni amministrative inflitte all'invalido civile al 100 per cento per la violazione del codice della strada consistente nell'area dove la sosta dei veicoli risulta vietata in modo assoluto.

Ciò, nonostante l'interessato lamenti l'eccessiva distanza degli stalli dedicati dalla propria abitazione, dovendosi ritenere che la libera circolazione consentita dal contrassegno-invalidi di cui all'articolo 12 del Dpr 506/96 debba essere comunque disciplinata nei suoi aspetti applicativi e che l'inibizione assoluta alla sosta disposta dall'amministrazione debba far ritenere che l'intralcio al transito pubblico risulti insito nello stato dei luoghi.

Questo il verdetto della Corte di Cassazione espresso con la sentenza 258/14.

Osservazioni sulla pronuncia

Anche l'invalido civile al 100 per cento paga la multa se parcheggia in divieto di sosta: non conta che il titolare del contrassegno trovi gli spazi riservati ai disabili per il posteggio troppo lontani da casa.

Difatti, l'intralcio alla circolazione deve essere ritenuto implicito se il Comune ha disposto un'interdizione assoluta al posteggio nell'area in cui i vigili urbani hanno pizzicato la vettura del conducente diversamente abile.

Ciò è quanto si evince dalla sentenza sopra citata.

Multa per divieto di sosta al disabile: I fatti

Non sfugge ai sei verbali di multa recapitatigli dalla polizia municipale l'invalido totale afflitto da bronchite cronica.

Il fatto è che l'interessato trova troppo distanti da casa gli stalli riservati ai disabili per il parcheggio dei veicoli e non sente di non farcela a fare la strada a piedi.

E' quindi molto più comodo lasciare l'auto nella piazza del paese, dove però il sindaco ha disposto il divieto di sosta permanente.

Non trova solidarietà la tesi del disabile secondo cui le multe dovrebbero essere annullate perché il contrassegno invalidi consente di parcheggiare ovunque, a patto che il veicolo non intralci gli altri utenti della strada.

Tuttavia non si può ignorare la regolazione del transito e della sosta nell'area voluta dall'amministrazione. Se il sindaco ha disposto, in quel luogo, l'inibizione assoluta al parcheggio è segno che la conformazione dei luoghi contiene in sé un potenziale ostacolo al pubblico transito.

Insomma: all'automobilista non resta che pagare le spese di giudizio, oltre che le multe.

15 gennaio 2014 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Multa per divieto di sosta elevata dagli ausiliari del traffico » E' legittima se sussiste l'incarico del Comune
E' valida la multa per divieto di sosta in zona pedonale, elevata dall'ausiliario del traffico, se c'è stato l'incarico del Comune. L'ausiliario del traffico può fare la multa a chi parcheggia in zona pedonale, anche se fuori dall'area in concessione, a patto che vi sia un'autorizzazione del Comune. Questo l'orientamento ...
Multa per divieto di sosta - il verbale è valido anche senza indicazione del numero civico
L'indicazione del numero civico nel verbale di multa è importante ma non essenziale per la validità dell'accertamento. La multa per divieto di sosta è valida anche quando il vigile omette di indicare nel verbale di preavviso il numero civico dell'accertamento effettuato. Così si è pronunciata la Corte di cassazione, Sez. ...
Multa per divieto di sosta » valida anche se sul cartello mancano estremi ordinanza
La multa per divieto di soste è valida anche se sul cartello mancano gli estremi dell'ordinanza di apposizione del segnale. Infatti, l'anomalia non esenta l'utente della strada dall'obbligo di rispettare la prescrizione. In sede di opposizione alla sanzione l'amministrazione deve dunque produrre il provvedimento che legittima il segnale a disciplinare ...
Multa per mancato rispetto delle norme sui parcheggi » Nulla se l'ausiliario che l'ha elevata non è abilitato
Multa per divieto di sosta o parcheggio senza ticket sulle strisce blu: se l'ausiliare del traffico non è abilitato può essere nulla. Nel giudizio di opposizione al verbale di multa, di fronte alla contestazione del trasgressore, è il Comune che deve dimostrare come l'accertatore fosse autorizzato a rilevare l'infrazione alle ...
Sosta del veicolo con ticket di pagamento esposto ma scaduto - La multa è legittima
Il codice della strada (articolo 157) prevede due distinte condotte: quella di porre in sosta l'autoveicolo senza segnalazione dell'orario di inizio della sosta, laddove essa è prescritta per un tempo limitato, ed il fatto di non attivare il dispositivo di controllo della durata della sosta, nei casi in cui esso ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multa per divieto di sosta » va elevata anche al disabile che trasgredisce perchè gli spazi ad hoc sono troppo lontani. Clicca qui.

Stai leggendo Multa per divieto di sosta » Va elevata anche al disabile che trasgredisce perchè gli spazi ad hoc sono troppo lontani Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 15 gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca