Come evitare di pagare le tasse su canone di locazione non percepito

Come evitare di pagare le tasse su canone di locazione non percepito

Di solito, i redditi fondiari concorrono, indipendentemente dalla percezione, a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto o altro diritto reale.

La nuova formulazione dell’articolo 26 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR – DPR 917/1986), tuttavia, prevede che i redditi derivanti da contratti di locazione di immobili ad uso abitativo, se non percepiti, non concorrono a formare il reddito, purché la mancata percezione sia comprovata dall’intimazione di sfratto per morosità o dall’ingiunzione di pagamento.

Per le imposte versate sui canoni venuti a scadenza e non percepiti come da accertamento avvenuto nell’ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità è riconosciuto un credito di imposta di pari ammontare.

Le nuove disposizioni hanno effetto per i contratti stipulati a decorrere dal primo gennaio 2020. Per i contratti stipulati prima del gennaio 2020, resta fermo, per le imposte versate sui canoni venuti a scadenza e non percepiti come da accertamento avvenuto nell’ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità, il riconoscimento di un credito di imposta di pari ammontare.

In sostanza, la norma modificata anticipa il momento a decorrere dal quale il locatore non deve pagare le tasse se ancora non ha percepito i canoni di locazione previsti dal contratto: egli non dovrà quindi più attendere la conclusione del procedimento di convalida di sfratto, essendo sufficiente che il mancato pagamento risulti successivo alla intimazione di sfratto per morosità o dall’atto di ingiunzione per il pagamento dei canoni dovuti e non corrisposti.

28 Dicembre 2019 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Omesso pagamento del canone di locazione - E' sempre il Tribunale a decidere sul contenzioso trattandosi di una competenza per materia e non per valore
Secondo il consolidato orientamento giurisprudenziale della Suprema Corte di cassazione (sentenze 6811/2015, 2143/2006, 10300/2004 e 2471/2012), a seguito della soppressione dell'ufficio del Pretore e l'istituzione del Giudice unico di primo grado, le cause relative a rapporti di locazione di immobili urbani (unitamente a quelle di comodato e di affitto di azienda) sono devolute alla competenza del Tribunale con la stessa natura e qualificazione che avevano davanti al Pretore, cioè secondo competenza per materia (e non per valore). In particolare, alla luce di quanto espresso nella recente ordinanza 20554/2019 della Corte di cassazione, qui commentata, le cause relative ai rapporti di ...

Redditi da locazione non percepiti - Devo inserirli nella prossima dichiarazione IRPEF?
Il comma 1 dell'articolo 26 del Testo Unico delle Imposte sul Reddito (TUIR) stabilisce che i redditi da locazione, concorrono, indipendentemente dalla loro percezione, a formare il reddito complessivo del proprietario. La legge sulle locazioni (431/1998) ha introdotto, per i soli immobili ad uso abitativo, la disposizione che sterilizza, ai fini fiscali, i canoni non percepiti: ma solo a partire dalla conclusione del procedimento di convalida di sfratto. Per le imposte versate sui canoni venuti a scadenza e non percepiti come da accertamento avvenuto nell'ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità è riconosciuto un credito di imposta ...

Contratto di locazione » Ritardo nel pagamento del canone? Sfratto autorizzato
Il contratto di locazione può decadere anche per una sola rata non pagata dal conduttore. Il mancato pagamento di una sola rata, o anche il semplice ritardo nel versamento, può giustificare la risoluzione del contratto di locazione se previsto da una clausola risolutiva espressa. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 19865/14. Da quanto si evince dalla pronuncia in esame, basta anche solo il mancato pagamento di una rata per la risoluzione del contratto di affitto commerciale. A parere degli Ermellini, anche se l'inadempimento è di scarsa importanza nell'economia di un intero contratto di locazione, lo ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come evitare di pagare le tasse su canone di locazione non percepito. Clicca qui.

Stai leggendo Come evitare di pagare le tasse su canone di locazione non percepito Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 28 Dicembre 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 14 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)