Chiarimenti su mobbing e risarcimento danni

Indice dei contenuti dell'articolo


Il lavoratore dipendente che subisce il mobbing da parte del proprio datore di lavoro, o dai propri colleghi, può denunciare le condotte vessatorie in Tribunale e ottenere il risarcimento del danno arrecato alla propria salute psico-fisica.

Ai fini del risarcimento è però necessario provare l’esistenza di determinati comportamenti persecutori e offensivi, reiterati nel tempo, che siano stati la causa effettiva di un danno psicologico, di sofferenze morali o stress sul luogo di lavoro.

Dunque, è necessaria la prova di tutti questi requisiti osservati nel precedente paragrafo affinché si possa parlare di mobbing e riconoscere al soggetto danneggiato il risarcimento del danno biologico, inteso, appunto, come danno alla salute psico-fisica e quindi anche danno morale ed esistenziale.

20 Marzo 2014 · Andrea Ricciardi

Indice dei contenuti dell'articolo


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su chiarimenti su mobbing e risarcimento danni. Clicca qui.

Stai leggendo Chiarimenti su mobbing e risarcimento danni Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 20 Marzo 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)