Matrimonio sfumato » E se casa è già stata intestata a futura moglie?

La promessa sposa che fa saltare il matrimonio ha diritto a tenere per sè l’abitazione intestatale in precedenza dal futuro marito » Sentenza Tribunale Taranto

Acquistare una casa ed intestarla alla convivente, con cui si è scambiata una promessa solenne di matrimonio, può costare caro: in caso di annullamento del matrimonio, infatti, l’ex fidanzata ha diritto a tenersi la proprietà dell’abitazione

Questo importante principio è stato definito dal Tribunale di Taranto il quale, con la sentenza del 28 giugno 2013, ha stabilito che: In ogni caso in conformità con una giurisprudenza più recente della S.C., in contrasto con una più risalente, deve ritenersi la liberalità indiretta incompatibile con la donazione obnuziale.Tanto perché non emerge per definizione dall’atto di vendita, utilizzato infatti come strumento indiretto per realizzare la liberalità, la volontà di subordinare la sua efficacia alle nozze; quindi non si vede come possa applicarsi la speciale disciplina dettata dall’articolo 785 del codice civile, prevista anche per la tutela dei terzi acquirenti. Altra cosa è la possibilità di realizzare lo stesso scopo, qui in esame, con una forma di collegamento negoziale, con la simulazione o con il pactum fiduciae, istituti però non evocati nel caso di specie. Del resto per la esclusione della donazione indiretta obnuziale milita un argomento normativo rappresentato dal disposto ex articolo 809 del codice civile.Questa norma infatti si preoccupa di individuare i casi in cui le norme fissate per le donazioni propriamente dette si applicano anche alle liberalità indirette: si applicano infatti a queste la revocazione delle donazioni per causa d’ingratitudine e per sopravvenienza di figli, e la disciplina delle riduzioni delle donazioni per integrare laquota dovuta ai legittimari.Si preoccupa poi la norma di escludere dal proprio campo di applicazione le donazioni remuneratorie e quelle d’uso. Come a dire insomma che non si applica la disciplina delle donazioni obnuziali a quelle indirette, altrimenti la norma in esame lo avrebbe espressamente detto.

La promessa sposa che fa saltare il matrimonio ha diritto a tenere per sè l’abitazione intestatale in precedenza dal futuro marito » Il fatto

Due persone in attesa di divorzio dai rispettivi ex coniugi si innamoravano ed andavano a convivere.

Si scambiavano la promessa di matrimonio da celebrarsi il 23/6/07 dopo aver ottenuto la separazione dai loro precedenti partner.

Le nozze erano state organizzate in ogni dettaglio e l’uomo, confidando nell’amore della compagna, stante lo sfratto ed un’ottima occasione, acquistava a sue spese una casa intestandola alla donna.

Come spesso succede le nozze saltavano all’ultimo minuto e lei tratteneva l’immobile di cui l’attore chiedeva la restituzione, perché ritenuto un dono fatto alla promessa di matrimonio (articolo 80 del codice civile) o, in denegata ipotesi, fatto quale donazione obnuziale (articolo 785 del codice civile).

Il giudice di merito, però, ritenendola una rimuneratoria ex articolo 770 comma II cc, ha respinto ogni sua istanza e lo ha condannato al pagamento delle spese processuali.

Due cuori e una capanna.

26 Luglio 2013 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Paga i danni chi rompe il fidanzamento dopo la promessa di matrimonio
La promessa di matrimonio fatta vicendevolmente per atto pubblico o per scrittura privata da una persona maggiore di età, oppure risultante dalla richiesta della pubblicazione, obbliga il promittente che senza giusto motivo ricusi di eseguirla a risarcire il danno cagionato all'altra parte per le spese fatte e per le obbligazioni contratte a causa di quella promessa. Il danno è risarcito entro il limite in cui le spese e le obbligazioni corrispondono alla condizione delle parti. Lo stesso risarcimento è dovuto dal promittente che con la propria colpa ha dato giusto motivo al rifiuto dell'altro. La domanda non è proponibile dopo ...

Assegnazione della casa coniugale post divorzio » All'ex marito se disabile
In sede di divorzio, l'assegnazione della casa coniugale può essere concessa all'ex marito disabile, anche se non è stato indicato come coniuge affidatario della prole. Di solito, come da consoldiata giurisprudenza, in caso di separazione, l'assegnazione della casa coniugale spetta al coniuge che ha ricevuto l'affidamento dei figli. Ma sembra ci sia un'eccezione alla regola. La Corte d'Appello di Venenzia, infatti, con il decreto del 6 Marzo 2013, ha stabilito che: l'articolo 155 quater del codice civile prevede che il godimento della casa coniugale sia attribuito tenendo prioritariamente conto dell'interesse dei figli; il significato letterale e logico della norma consente ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su matrimonio sfumato » e se casa è già stata intestata a futura moglie?. Clicca qui.

Stai leggendo Matrimonio sfumato » E se casa è già stata intestata a futura moglie? Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 26 Luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia separazione e divorzio - assegnazione casa e assegno di mantenimento coniuge separato o divorziato Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)