Limiti di pignorabilità della rendita INAIL

L’articolo 110 del dpr 1124/1965 dispone che le indennità corrisposte in seguito ad infortuni sul lavoro o a malattie professionali non possono essere cedute per alcun titolo, né possono essere pignorate o sequestrate, tranne che per spese di giudizio alle quali l’assicurato o gli aventi diritto, con sentenza passata in giudicato, siano stati condannati in seguito a contenzioso sorto sulle disposizioni contenute nel decreto stesso.

Dunque la rendita INAIL, erogata in seguito ad infortunio sul lavoro o malattia professionale, é impignorabile.

Tuttavia, la Corte Costituzionale, con sentenza 572/1989, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 110 del dpr 1124/1965, nella parte in cui non consente la pignorabilità delle rendite erogate dall’INAIL per crediti alimentari dovuti per legge ed ha equiparato ai fini della pignorabilità la pensione Inps con la rendita Inail.

Possiamo concludere che la rendita INAIL, erogata in seguito ad infortunio sul lavoro o malattia professionale, non è pignorabile per debiti di natura ordinaria (banche, privati, finanziarie) o esattoriale (quando il creditore è la pubblica amministrazione), mentre è pignorabile per debiti di natura alimentare (assegno di mantenimento a coniuge e figli) nella misura stabilita dal Presidente del Tribunale o dal giudice delegato.

Alcune sentenze (Corte Costituzionale 1041/1988 e Corte di Cassazione 25043/11) sembrano fissare ad 1/3 della quota pignorabile del reddito percepito dall’obbligato il tetto massimo prelevabile per soddisfare crediti di natura alimentare.

1 Giugno 2016 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debito con finanziaria non rimborsato - Pignoramento presso INAIL della rendita e pignoramento del conto cointestato su cui affluisce la rendita
Ho ricevuto una lettera da un studio legale per un finanziamento non rimborsato che mi ingiunge di saldare il debito entro non oltre 10 giorni: se non viene saldato partono con esecuzione per recuperare debito. Io sono un disabile infortunato sul lavoro e percepisco una rendita INAIL che mi arriva sul conto corrente postale cointestato con mia moglie e conto è aperto solo che arriva rendita INAIL e niente altro, questo conto è aperto a un'altra provincia dove non sono residente, mentre ho un'altro conto a Banca proprio dove sono residente e sul questo conto si usa solo per pagare ...

Pignorabilità della pensione di invalidità in seguito a inadempimento nel versamento dell'assegno di mantenimento
Il coniuge cui spetta la corresponsione periodica dell'assegno di mantenimento, dopo la costituzione in mora a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento del coniuge obbligato e inadempiente per un periodo di almeno trenta giorni, può notificare il provvedimento in cui è stabilita la misura dell'assegno ai terzi tenuti a corrispondere periodicamente somme di denaro al coniuge obbligato con l'invito a versargli direttamente le somme dovute, dandone comunicazione al coniuge inadempiente. Questo vale anche nel caso in cui il coniuge obbligato e inadempiente percepisca pensioni, indennità, sussidi o compensi di qualsiasi specie. I soggetti (compresi anche gli enti previdenziali tenuti alla ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su limiti di pignorabilità della rendita inail. Clicca qui.

Stai leggendo Limiti di pignorabilità della rendita INAIL Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 1 Giugno 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 10 Dicembre 2018 Classificato nella categoria azioni esecutive revocatoria pignoramento ed espropriazione » mini guide Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • francesca_7 10 Dicembre 2018 at 19:19

    Scusate se insisto …ma c è la possibilità che il giudice mi condanni alle spese?

    • Simone di Saintjust 10 Dicembre 2018 at 21:29

      Le spese di giudizio dovrà sicuramente anticiparle lei, creditrice procedente: poi bisognerà vedere se il giudice accollerà queste spese al debitore sottoposto ad azione esecutiva, oppure no. Dipende se riterrà che il suo avvocato dovesse sapere che la rendita INAIL è impignorabile per la natura del credito azionato.

  • francesca_7 10 Dicembre 2018 at 16:21

    Quindi a quanto ho capito dovremmo presentarci in giudizio inutilmente, dal momento che non procedo per un credito alimentare: il signore in questione percepisce solamente una rendita INAIL di 1180 al mese, non lavora, ma sta benissimo. La posta mi chiede 120 euro per avermi dato risultati sul conto che era zero, però poi ha bloccato tutto, e l’Inps mi dice che non ha rapporti col lui. Il giudice può condannarmi a pagare le spese?

    • Ornella De Bellis 10 Dicembre 2018 at 16:42

      Non si dia per vinta: alcuni giudici danno una interpretazione estensiva alla sentenza sentenza 572/1989 della Consulta, equiparando la rendita INAIL ad una pensione, senza discriminare il credito azionato fra alimentare, esattoriale o ordinario.

  • francesca_7 6 Dicembre 2018 at 18:17

    Dopo sette anni ho vinto una causa: avevo fatto un decreto ingiuntivo ed abbiamo pignorato la pensione da infortunio. La posta aveva bloccato di conseguenza per 2 mesi tutta la pensione perché dovevano dei soldi anche a loro. Ora stanno sbloccando il tutto ed io a marzo ho l’udienza davanti al giudice, che fare rinunziare?

    • Ludmilla Karadzic 6 Dicembre 2018 at 18:32

      Insistendo, potrebbe almeno recuperare le spese di giudizio a cui è andata incontro. Inoltre, recentemente, Corte Costituzionale e giurisprudenza di legittimità sembrano orientarsi decisamente nell’ammettere la pignorabilità delle prestazioni assistenziali e previdenziali erogate da INPS ed INAIL, almeno per il quinto della parte eccedente il minimo vitale (una volta e mezza l’importo massimo dell’assegno sociale). In questi casi, comunque, prima di prendere una decisione, conviene sempre “fare il sacrificio” di consultare previamente un avvocato che possa approfondire le carte ed i termini della questione, consigliandola al meglio.

  • Anonimo 25 Maggio 2018 at 15:24

    Gentile redazione buonasera. Mio marito ha avuto un indennizzo Inail per danno biologico (rottura menisco collaterale) con bonifico sul conto corrente cointestato con me. Contemporaneamente e’ stato pignorato il conto per aver perso una causa di lavoro. La domanda e’ se possono pignorare tale cifra e in che misura essendoci solo quell’importo ? Grazie mille per la Vs/cortese attenzione Alessandra

    • Simone di Saintjust 26 Maggio 2018 at 05:46

      Una volta confluito sul conto corrente il denaro non ha più alcun legame con le motivazioni per cui è stato percepito. Il pignoramento del conto corrente, tuttavia, dovrebbe essere limitato al 50% dell’importo a saldo.