Licenziamento illegittimo » Quantificazione del risarcimento danni

Accertato il licenziamento illegittimo, come stabilire quanto è dovuto al lavoratore?

La sentenza di condanna del datore di lavoro al pagamento di quanto dovuto al lavoratore, a seguito dell’accertamento della illegittimità del licenziamento, costituisce valido titolo esecutivo che non richiede ulteriori interventi del giudice per la quantificazione del credito, sicché la reintegrazione e la condanna al pagamento di un determinato numero di mensilità oppure delle retribuzioni dovutegli in virtù del rapporto non può chiedere in separato giudizio che tale condanna sia espressa in termini monetari più precisi.

In questi casi, il requisito della liquidità è sufficiente a determinare il credito attraverso un calcolo aritmetico sulla base di elementi certi e positivi contenuti tutti nel titolo fatto valere, da identificarsi nei dati, assunti dal giudice come certi oggettivamente, già determinati quantitativamente, perché così presupposti dalle parti e pertanto acquisiti al processo, e non da elementi esterni ancorché presenti nel processo che ha condotto alla sentenza di condanna.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione, con sentenza 17537/14.

La domanda sorge spontanea: una volta accertato dal giudice il licenziamento illegittimo, quanto è dovuto al lavoratore a titolo di risarcimento?

E quali sono i criteri per calcolare una somma a titolo di indennità sostitutiva della reintegrazione?

Ebbene, da quanto si evince dalla pronuncia esaminata, la sentenza di condanna del datore di lavoro che ha licenziato ingiustamente costituisce titolo esecutivo.

Ciò vuol dire che l’ex dipendente può presentarsi in azienda, con l’ufficiale giudiziario, e pignorare i beni, di quest’ultima, anche quando non ci sia una precisa indicazione dell’ammontare della somma spettante al lavoratore.

Per determinare l’entità del credito, infatti, basta il semplice calcolo aritmetico sulla base di elementi certi contenuti nel titolo stesso.

A parere degli Ermellini, dunque, in caso di licenziamento illegittimo, basterà calcolare il numero di mensilità di retribuzione dovute al lavoratore a partire dall’ultimo giorno di lavoro, senza dover instaurare un ulteriore separato processo per determinare la condanna del datore di lavoro in termini monetari più precisi.

3 Ottobre 2014 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Può essere compresa nella domanda di risarcimento danni da preteso mobbing anche quella di risarcimento per lo stato di scarsa utilizzazione del lavoratore
Può essere compresa nella domanda di risarcimento dei danni da preteso mobbing anche quella, di portata e contenuto meno ampio, di risarcimento dei danni da dequalificazione professionale, conseguente allo stato di inattività o di scarsa utilizzazione del lavoratore. il mobbing è una figura complessa che designa un complesso fenomeno consistente in una serie di atti o comportamenti vessatori, protratti nel tempo, posti in essere nei confronti di un lavoratore da parte dei componenti del gruppo di lavoro in cui è inserito o dal suo capo (bossing), caratterizzati da un intento di persecuzione ed emarginazione finalizzato all'obiettivo primario di escludere la ...

Licenziamento del lavoratore per giustificato motivo oggettivo - Illegittimo se intimato per una crisi aziendale in corso da tempo
Il giustificato motivo oggettivo alla base del licenziamento del lavoratore deve essere valutato sulla base degli elementi di fatto esistenti al momento della comunicazione del recesso, la cui motivazione deve trovare fondamento in circostanze realmente esistenti, con la precisazione che nella nozione di giustificato motivo oggettivo di licenziamento è riconducibile anche l'ipotesi del riassetto organizzativo dell'azienda attuato al fine di una più economica gestione di essa e deciso dall'imprenditore non semplicemente per un incremento del profitto, ma per far fronte a sfavorevoli situazioni, non meramente contingenti, influenti in modo decisivo sulla normale attività produttiva, imponendo una effettiva necessità di riduzione ...

Inammissibile la prova testimoniale se il lavoratore contesta l'esistenza della lettera di licenziamento in forma scritta
La legge prevede la comunicazione di licenziamento in forma scritta a pena di inefficacia. Il licenziamento produce i propri effetti quando sia giunto a conoscenza del destinatario, ovvero quando l'atto sia pervenuto al suo indirizzo o gli sia stato materialmente consegnato a mani proprie, circostanza, quest’ultima, che può essere dimostrata, ad esempio, dalla sottoscrizione per ricevuta apposta in calce alla lettera medesima. Non basta, per evitare l'inefficacia, che le prove testimoniali riferiscano dell'avvenuta lettura e del tentativo di consegna al lavoratore di una copia della lettera di recesso, nonché del rifiuto del lavoratore di sottoscriverla per ricevuta, se il lavoratore ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su licenziamento illegittimo » quantificazione del risarcimento danni. Clicca qui.

Stai leggendo Licenziamento illegittimo » Quantificazione del risarcimento danni Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 3 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)