L'amministratore del condominio

In un condominio l'amministratore rappresenta il “governo della casa”: giuridicamente, a norma dell'articolo 1703 del codice civile, esegue un mandato, cioè si obbliga a compiere uno o più atti giuridici per conto dei condomini.

Nomina e revoca
L'articolo 1129 del codice civile prevede la nomina di un amministratore quando i condomini sono più di quattro. Viene nominato dall'assemblea dei condomini, in prima e seconda convocazione, con la presenza di almeno 500 millesimi di proprietà e la maggioranza dei presenti (in ogni caso un terzo dei proprietari). La nomina di un amministratore da parte del costruttore o del venditore immobiliare non ha valore. Non è prevista per un amministratore l'iscrizione a un albo professionale.

L'amministratore può essere revocato in qualsiasi momento e senza particolare motivazione con la stessa maggioranza prevista dall'articolo 1136 del codice civile. Su richiesta anche di un solo condomino può essere revocato dall'autorità giudiziaria nei seguenti casi:

  • se non informa l'assemblea condominiale di una citazione o di un provvedimento giudiziario che esorbita dalle sue attribuzioni, come da articolo 1131, ultimo comma, del codice civile;
  • se vi sono fondati sospetti di gravi irregolarità;
  • se per due anni non ha reso il conto della sua gestione.

Competente per la revoca è il tribunale nella cui circoscrizione si trova il condominio, l'amministratore può presentare ricorso entro 10 giorni. L'amministratore rimane in carica un anno, può essere confermato o sostituito, in questo caso rimane in carica per l'ordinaria amministrazione, fino alla regolare elezione del nuovo amministratore (prorogatio). Il compenso dell'amministratore viene fissato dall'assemblea condominiale.

———-
Articolo 1703 del codice civile - Mandato
Il mandato e il contratto col quale una parte si obbliga a compiere uno o più atti giuridici per conto dell'altra.

Articolo 1129 del codice civile - Nomina e revoca dell'amministratore
Quando i condomini sono più di quattro, l'assemblea nomina un amministratore. Se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria, su ricorso di un o più condomini.
L'amministratore dura in carica un anno e può essere revocato in ogni tempo dall'assemblea. Può altresì essere revocato dall'autorità giudiziaria, su ricorso di ciascun condomino, oltre che nel caso previsto dall'ultimo comma dell'articolo 1131, se per due anni non ha reso il conto della sua gestione, ovvero se vi sono fondati sospetti di gravi irregolarità.
La nomina e la cessazione per qualunque causa dell'amministratore dall'ufficio sono annotate in apposito registro.

2 luglio 2008 · Antonio Scognamiglio

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Attribuzioni e competenze dell'amministratore del condominio
Le attribuzioni dell'amministratore del condominio come organo esecutivo sono elencate dall'articolo 1130 del codice civile. A queste si aggiungono i compiti demandati dal regolamento condominiale, dalle delibere assembleari, da leggi particolari o da provvedimenti in genere. In particolare provvede a: eseguire le deliberazioni dell'assemblea dei condomini e curare l'osservanza del ...
Condominio - Le delibere e i lavori assembleari
Constatato la regolarità di convocazione dell'assemblea e che l'assemblea può deliberare,si nomina un presidente che a sua volta incarica il verbalizzante. Il verbale dell'assemblea dovrebbe essere redatto nel corso della riunione e sottoscritto dal presidente e dal segretario subito dopo la sua conclusione. Delibere importanti, per le quali è richiesta ...
Debiti e condominio - L'amministratore deve fornire al creditore l'elenco dei debitori morosi
Come sappiamo, quando il condominio contrae un debito, per il suo rimborso viene effettuata la ripartizione in base ai millesimi. In questa ipotesi, l'amministratore, senza bisogno di autorizzazione dell'assemblea, può ottenere un decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo nei confronti dei condomini morosi, ed è tenuto a comunicare ai creditori, non ancora ...
Condominio » Recupero crediti dai morosi
Condominio e morosi: a causa della crisi economica sta aumentando il numero di persone che non riesce a pagare le rate. Con la riforma del condominio, la famosa legge 220/2012, è stato introdotto il principio di solidarietà sussidiaria del debito del condominio, ma è stato anche previsto un meccanismo per ...
Le modalità di decisione e le maggioranze previste per le deliberazioni assembleari
(Articolo 1136 Codice Civile) Le maggioranze previste per le deliberazioni assembleari sono di tre tipi: la maggioranza dei voti espressi dagli intervenuti; la maggioranza dei condomini partecipanti; la maggioranza di valore espresso in millesimi di proprietà. Perché una deliberazione sia valida, sono previste caso per caso diverse maggioranze. Per il ...

Spunti di discussione dal forum

Amministratore di condominio in case popolari e bilancio
Vorrei chiarimenti sull'amministratore di condominio nelle case di edilizia pubblica. Fino alla riforma del 2013, negli IACP era impossibile nominare una amministratore di condominio in quanto la gestione spettava all'ente pubblico titolare. Nel mio condominio infatti, abbiamo sempre avuto a rotazione un “capo-condomino” al quale si versava delle somme mensili…
Distacco da impianto di riscaldamento centralizzato del condominio – Vogliono farmi pagare lo stesso
Dopo delle divergenze reiterate nel tempo con l'amministratore condominiale, ho deciso di distaccarmi dall'impianto centralizzato di riscaldamento e ho speso parecchio per adibirne nella mia abitazione uno autonomo. Dopo questo mio intervento, è iniziata una sorta di persecuzione sia da parte dell'amministratore sia che da alcuni condomini. Praticamente, vogliono costringermi…
Protesto assegni mi inibisce altre attività?
Volevo per cortesia sapere se avendo emesso assegni scoperti nella mia attività di amministratore di condominio con relativi protesti (2016/2017) possa io continuare a svolgere la mia altra attività di amministratore come socio accomandatario di una sas.
Quale rischio patrimoniale per il socio e amministratore di una società a responsabilità limitata?
Sono amministratore unico e socio al 49% di una società srl, nel 2010 abbiamo contratto mutuo liquidità con ipoteca su terreno agricolo. ad oggi la società è in forte crisi non riusciamo a pagare le rate del mutuo e inoltre non riusciamo ad coprire il fido di c/c che ci…
Rinuncia a eredità di un amministratore fallito due volte
Se l'amministratore di una srl vanta un grosso debito (dell'ordine di oltre 200mila euro) nei confronti di Equitalia per contributi e Iva non versati e ha rinunciato a due eredità appena prima e nel corso dei fallimenti, può Equitalia disporre di impugnare le sue rinunce?

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'amministratore del condominio. Clicca qui.

Stai leggendo L'amministratore del condominio Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 2 luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria il condominio .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • peppe76 8 febbraio 2012 at 22:31

    salve volevo chiedervi io sono un inquilino in un condominio dal 2006 pagando sempre il consumo acqua sulla media dei 40 trimestrali poi nel 2009 l amministratore si presenta con due bollette dell acqua di quasi 350 euro dicendo che l acquedotto aveva cambiato il contratto passando in contratto edile e pagando una tariffa maggiorata incluso nella ripartizione si vede che ce solo quasi 100 euro di dispersione .con le letture mi trovo sempre sulla media dei 40 euro facendo un calcolo sulle vecchie tariffe non ho pagato perche non mi sa dare una spiegazione logica sia per la eccessiva dispersione di acqua segnata sulla ripartizione (da premettere che non ci e stata mai una perdite di tubi) e ne una spiagazione logica per queste bollette cosi care e parlo di 2 trimestri .ora il propietario mi chiede di sanare il debito e chiedo se devo pagare premetto che tutte le bollette arrivate dopo sono state pagate regolarmente rimanendo sospese solo le due grazie per le risposte

    • Simone di Saintjust 9 febbraio 2012 at 12:33

      Può solo chiedere al proprietario di sollecitare una verifica sulle ripartizioni e sulle eventuali dispersioni. Ma non può sospendere il pagamento della fornitura senza avere prove di fatto.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?