La successione ereditaria

La morte estingue la capacità giuridica della persona e i diritti a essa inerenti (ossia i diritti personali) ma non i diritti patrimoniali, i quali dovranno essere perciò trasmessi ad altri. Il complesso di norme che regola tale trasferimento si chiama diritto ereditario o successorio.

La successione ereditaria è un evento attraverso il quale uno o più soggetti (successori, aventi causa) subentrano in tutti i rapporti giuridici, attivi e passivi, di cui era titolare il de cuius (dante causa), esclusi i crediti e debiti con carattere strettamente personale; in pratica, un soggetto vivente subentra a un altro deceduto nella titolarità di uno o più diritti. Il successore è colui che subentra nel patrimonio del de cuius.

La successione ereditaria

Nelle successioni per causa di morte, vale a dire quelle concernenti la destinazione del patrimonio di una persona defunta, sono presenti due soggetti: il de cuius, cioè colui della cui eredità si tratta, e i successori, cioè colore che subentrano nel patrimonio del de cuius.

La successione si apre al momento della morte, nel luogo dell'ultimo domicilio del defunto. E' questo il momento in cui si stabilisce chi abbia diritto di succedere. L'apertura della successione determinerà quindi il subentro di uno o più soggetti nella posizione giuridica e patrimoniale del defunto, secondo le modalità indicate nell'articolo 457 del codice civile.

La successione può quindi essere definita come un fenomeno giuridico di carattere generale che comporta una modificazione nel soggetto attivo o passivo del rapporto giuridico, per cui un soggetto subentra in uno o più rapporti giuridici che fanno capo a un altro soggetto.

La nozione di successione comprende ogni specie di acquisto a causa di morte, stabilito dalla volontà del defunto o dalla legge, purché derivi dal patrimonio del defunto.

Pertanto, non ogni acquisto dipendente dalla morte rientra nella nozione di successione a causa di morte. Ad esempio, sono esclusi quegli acquisti che non derivano dal patrimonio del defunto, come le pensioni, indennità varie, eccetera, i quali avvengono direttamente a favore dei superstiti "iure proprio" e non "iure successionis".

Nell'ambito della successione si distingue tra:

  • successione a titolo universale in cui il successore, che prende il nome di erede, subentra nella posizione giuridica patrimoniale del defunto
  • successione a titolo particolare, detta legato, in cui si trasferisce uno o più diritti determinati o rapporti attribuiti specificamente al successore (detto legatario) dal testamento o dalla legge.

E' una differenza importante perché mentre l'erede si sostituisce al defunto in tutti i suoi rapporti, ne acquista i diritti e nel contempo diviene obbligato per i suoi debiti, in pratica può essere definito il suo "continuatore", il legatario non risponde dei debiti ereditari. A differenza dell'eredità, inoltre, il legato si acquisisce senza bisogno di accettazione, fatta salva comunque la facoltà di rinunciarvi.

Dato che l'acquisto di un legato non comporta, di norma, alcun rischio di natura patrimoniale, il legato stesso viene acquisito di diritto e può essere preteso in qualsiasi momento dagli eredi.

Ogni persona che vi abbia un interesse diretto può chiedere in giudizio che al legatario venga dato un termine entro il quale egli dovrà dichiarare se rinuncia al legato stesso.

Gli eredi subentrano nelle situazioni soggettive del defunto e, quindi, anche in quelle di natura tributaria: quelle attive (quali, ad esempio, i crediti di imposta) ma anche quelle passive (tributi arretrati, interessi).

L'attivo ereditario è composto da tutti i beni e diritti detenuti dal de cuius, compresi i beni alienati a titolo oneroso negli ultimi sei mesi di vita (previsione, quest'ultima, soppressa dall'articolo 69 della legge numero 342/2000).

La base imponibile è determinata dal valore venale in comune commercio dei beni al momento della morte.

I princìpi base della successione ereditaria sono: l'irrevocabilità della qualità di erede, l'unità del patrimonio, il trapasso di tutti i diritti e le obbligazioni senza alcuna modificazione (compreso il possesso), la confusione tra patrimonio del defunto e patrimonio dell'erede.

Cause della successione ereditaria possono essere due: una dichiarazione di volontà del de cuius, cioè il testamento, oppure la disposizione di legge.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la successione ereditaria. Clicca qui.

Stai leggendo La successione ereditaria Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 17 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria accettazione e rinuncia eredità - accettazione con beneficio di inventario Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • basilio 30 maggio 2009 at 17:07

    se non pago le spese ho diritto all’eredita’?

    • weblog admin 30 maggio 2009 at 20:37

      Se prendi l’eredità paghi anche i debiti del defunto.

      E bisogna stare attenti: se l’eredità è inferiore ai debiti, non si combina un buon affare ….

      Quando ci si accorge che l’eredità è una fregatura perchè si prende 1 e bisogna poi dare indietro 10, allora c’è la possibilità di rinunciare ad essa.

  • karalis 22 ottobre 2008 at 18:06

    Salve,
    vorrei chiedere informazioni in merito alla successione.
    Sto acquistando casa e nel momento in cui stavamo stipulando il compromesso risulta agli atti un nominativo di un defunto, per tale motivo tutto è stato bloccato, inq aunto dovrebbero subentrare gli eredi del defutno; e dal mese di giugno 2008 al mese di ottobre 2008 tutto tace e non si sa quando quest’atto sarà fatto? Quanto tempo si aspetta in casi come questi? E per fortuna c’è un agenzia immobiliare di mezzo che deve verificare il tutto.

    Ringrazio e porgo cordiali saluti

    Commento di Simona | Mercoledì, 22 Ottobre 2008

    Deve essere un grande affare per non allontanarsi subito da questo tipo di situazioni.

    Certo l’agenzia verifica tutto, tanto dopo aver preso le provvigioni i problemi restano a voi. Una gran fortuna che ci sia l’agenzia … una gran fortuna per l’agenzia ovviamente e per gli avvocati che serviranno dopo.

  • Il notaio 4 ottobre 2008 at 12:35

    Gianfranco 4 ottobre 2008 at 12:34
    Devo fare la successione e vorrei sapere se è possibile non portare in successione un piccolo lotto di terreno.

    Mi spiego meglio:
    – dalla visura catastale risulta che il piccolo lotto di terreno è in comproprietà con molte persone (probabilmente nei vari anni è andato più volte in successione senza particolare interesse di nessuno portando la lista dei proprietari ad oltre 30). Il valore del terreno è praticamente nullo nella sua interezza, diventa di pochi euro per i 10 mq che sarebbe la mia quota. Posso evitare di portare in successione questo terreno?
    – In alternativa posso riportarlo in successione rinunciando alla eredità di questo solo lotto (quale indicazione riportare nella successione)?

    Naturalmente la casa e gli altri terreni di proprietà al 100% sarebbero indicati nella successione, mentre solo questo lotto sarebbe non indicato. Grazie per la gentile risposta. Gianfranco

    Caro Gianfranco,
    la materia successoria è sempre molto complessa; la legge considera l’eredità nel suo complesso, come un blocco unico; ciò comporta che non si può rinunciare solo ad alcuni beni per riceverne altri. Si accetta o si rinuncia l’eredità per intero con tutti i suoi beni (e, se ci sono, i suoi debiti).
    Inoltre, è necessario inserire nella denuncia di successione tutti i beni, anche quelli di poco valore; in caso contrario si corre il rischio di dover pagare in futuro delle sanzioni pecuniarie.

  • il notaio 4 ottobre 2008 at 12:34

    La successione in generale può essere regolata dalla legge o dal testamento.
    Nell’ipotesi in cui vi sia testamento, sarà questo ad indicare i chiamati all’eredità. Il testamento dovrà essere portato da un notaio (insieme all’estratto dell’atto di morte) che lo riceverà in deposito formale e provvederà a pubblicarlo con un apposito atto notarile, informandone poi gli interessati.
    Invece, nell’ipotesi in cui non ci sia testamento, i chiamati all’eredità sono designati dalla legge. Nel suo caso i chiamati sono il vedovo che, in quanto coniuge, godrà in ogni caso anche del diritto di abitazione sulla casa familiare, e i figli (sposati o meno) secondo le quote stabilite dalla legge. In assenza di testamento non è necessario alcun atto notarile per rendere esecutiva la chiamata successoria.
    Dal punto di vista fiscale è invece in ogni caso obbligatorio predisporre e presentare entro un anno la dichiarazione di successione, per la quale è opportuno rivolgersi al proprio notaio di fiducia.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca