La richiesta di chiusura del conto corrente

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Presenta la richiesta di chiusura del conto in forma scritta (se vuoi, anche per lettera raccomandata). Alcune banche mettono a disposizione della clientela dei moduli specifici.

Quindi riconsegna gli assegni non utilizzati e le carte di pagamento (carta Bancomat, carta di credito, …).

Verifica il saldo del conto. In caso di saldo negativo o insufficiente alla copertura degli addebiti non ancora contabilizzati (assegni in circolazione, carta di credito, canoni, ecc.) e di altri eventuali oneri (spese, commissioni, interessi passivi), provvedi ad integrare il saldo con appositi versamenti, consultandoti con l'operatore di portello.

Il tempo impiegato dalla banca per la chiusura del conto corrente dipende dal numero e dalla tipologia dei servizi regolati sul tuo conto oltre che dai tempi necessari, ad esempio, per l'incasso degli assegni non contabilizzati o per l'addebito delle spese pagate con carta di credito.

7 dicembre 2007 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca