La richiesta di chiusura del conto corrente

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali.

Presenta la richiesta di chiusura del conto in forma scritta (se vuoi, anche per lettera raccomandata). Alcune banche mettono a disposizione della clientela dei moduli specifici.

Quindi riconsegna gli assegni non utilizzati e le carte di pagamento (carta Bancomat, carta di credito, …).

Verifica il saldo del conto. In caso di saldo negativo o insufficiente alla copertura degli addebiti non ancora contabilizzati (assegni in circolazione, carta di credito, canoni, ecc.) e di altri eventuali oneri (spese, commissioni, interessi passivi), provvedi ad integrare il saldo con appositi versamenti, consultandoti con l’operatore di portello.

Il tempo impiegato dalla banca per la chiusura del conto corrente dipende dal numero e dalla tipologia dei servizi regolati sul tuo conto oltre che dai tempi necessari, ad esempio, per l’incasso degli assegni non contabilizzati o per l’addebito delle spese pagate con carta di credito.

7 Dicembre 2007 · Simonetta Folliero


Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) utilizza il form che trovi più in basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Se il post è stato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!