I soggetti obbligati a presentare la dichiarazione di successione e quelli esonerati

Sono obbligati a presentare la dichiarazione di successione:

  1. gli eredi e i legatari, ovvero i loro rappresentanti legali;
  2. gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta;
  3. gli amministratori dell'eredità;
  4. i curatori delle eredità giacenti;
  5. gli esecutori testamentari;
  6. i trust.

Se più persone sono obbligate alla presentazione della dichiarazione è sufficiente presentarne una.

Non c'è obbligo di dichiarazione se l'eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto e l'attivo ereditario ha un valore non superiore a 25.823 euro e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari. Queste condizioni possono venire a mancare per effetto di sopravvenienze ereditarie.

Gli eredi e i legatari che hanno presentato la dichiarazione di successione in cui sono indicati beni immobili sono esonerati dall'obbligo della dichiarazione ai fini dell'imposta municipale propria (Imu). Spetta, infatti, agli uffici dell'Agenzia delle Entrate, competenti a ricevere la dichiarazione di successione, trasmetterne copia a ciascun Comune in cui sono ubicati gli immobili.

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i soggetti obbligati a presentare la dichiarazione di successione e quelli esonerati. Clicca qui.

Stai leggendo I soggetti obbligati a presentare la dichiarazione di successione e quelli esonerati Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 29 maggio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 9 febbraio 2019 Classificato nella categoria successione eredità donazioni » mini guide Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 22 marzo 2019 at 15:27

    Data apertura successione 17/07/2018 – dichiarazione di successione presentata in data 28/02/2019 -per mero errore un mappale era stato riportato senza subalterno. Il quesito: per la dichiarazione modificativa, senza alcun valore , senza modificare l’importo della liquidazione precedente, considerato che è presentata entro l’anno di scadenza della successione, è corretto pagare Euro 51,65 per l’imposta catastale ed Euro 51,65 per l’imposta ipotecaria secondo la risposta n. 92 del 4/12/2018, oltre naturalmente alla tassa ipotecaria di Euro 35,00 ed il bollo di 64,00 ed i tributi speciali di 18,59 Euro.

    • Ludmilla Karadzic 22 marzo 2019 at 18:35

      Direi che l’interpello citato rientra nell’ipotesi di modifica della dichiarazione in esame, dal momento che la ripresentazione è effettuata nel termine di un anno dalla data di apertura della successione.

  • Anonimo 6 dicembre 2018 at 17:00

    In una successione modificativa, con ravvedimento operoso, il prospetto di autoliquidazione si deve compilare? se si come visto che non c’è spazio per more e interessi?

    • Ludmilla Karadzic 6 dicembre 2018 at 17:05

      il quesito deve essere inquadrato in un contesto chiaro ed intellegibile, il problema deve essere sufficientemente descritto e dettagliato.

  • paolo_9 21 novembre 2018 at 12:13

    Buongiorno, ho predisposto una successione ereditaria, al momento della presentazione il funzionario mi segnala un errore sugli importi versati, cosa dovrei fare, pagare un f24 con le differenze oppure presentare il tutto ed attendere una segnalazione da parte dell’agenzia?

    • Simone di Saintjust 21 novembre 2018 at 12:58

      Occorre consultare un fiscalista: se l’importo corrisposto è minore di quello dovuto, conviene pagare il residuo utilizzando il ravvedimento operoso. Così si evitano le sanzioni. Se, invece, è stato pagato in più, si può chiedere il rimborso dell’eccedenza.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca