Iva applicata alle spese di spedizione della bolletta telefonica

In tema di rapporto fra utente e società fornitrice dei servizi di telefonia ed accesso ad internet, il costo sopportato da quest’ultima per la spedizione all’utente della fattura a mezzo del servizio postale essendo finalizzato all’esecuzione della prestazione, fa parte della base imponibile.

Infatti, ai fini del rapporto con l’utente nessuna norma prevede una sorta di trascinamento dell’esenzione di cui gode eventualmente la società che eroga i servizi di fonia ed internet al rapporto con l’utente, per conto del quale la società stessa fa ricorso al sevizio postale.

Pertanto, la compagnia telefonica non è tenuta alla restituzione, in favore dell’utente, degli importi da questi corrisposti a titolo di IVA sulle spese di spedizione postali delle bollette telefoniche.

Così hanno stabilito i giudici della Corte di cassazione nell’ordinanza 17655/16.

8 Settembre 2016 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Servizi a pagamento non richiesti sul proprio cellulare » Dalle sanzioni alle società alle tutele per il consumatore: facciamo chiarezza
Nel febbraio 2015 l'Antitrust ha inflitto a quattro società telefoniche (Tim, Vodafone, Wind, Tre) una multa di oltre 5 milioni di euro per servizi a pagamento non richiesti sul cellulare. Dopo la notizia delle sanzioni, in molti utenti si sono attivati per vedersi rimborsare il denaro ingiustamente sottratto: ultimamente, anche una nota associazione di consumatori ha inviato una diffida ai quattro potenti gestori di telefonia. Ma quali sono i modi più efficaci per ottenere un risarcimento? E ancora, come deve fare il consumatore per prevenire queste pseudo-truffe? Queste informazioni, ed altre ancora, all'interno dell'articolo. ...

Vale la notifica della multa consegnata alle poste dalla società privata?
Quanto alla inesistenza della notifica del verbale effettuata dalla società privata (nella specie la Maggioli) più volte richiamata dalla Cassazione, il quesito è se può assimilarsi al caso della notifica effettuata dalla società privata quello che segue. Riporto testualmente le parole della relata del verbale: "il presente verbale è stato inviato alla Maggioli spa,società delegata ex dpr 495/92 per la consegna all'ufficio postale di rimini ai fini della spedizione avvenuta con raccomandata r.r." E' un nuovo escamotage della PA che può essere valido? Grazie ...

Multa pagata con importo ridotto ma senza spese di spedizione
Nel 2016 ho pagato una multa per l'accesso ad una zona ZTL in modalità ridotta, ma per errore non ho inserito le spese di spedizione. Dopo quasi tre anni mi è arrivato un verbale in cui queste spese di spedizione sono lievitate. È possibile fare ricorso e pagare la somma che per errore non è stata inserita? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su iva applicata alle spese di spedizione della bolletta telefonica. Clicca qui.

Stai leggendo Iva applicata alle spese di spedizione della bolletta telefonica Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 8 Settembre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria IVA ed IRAP Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)