Istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare


L’istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare ha carattere d’impugnazione straordinaria, finalizzata a conseguire il risultato che l’esecuzione collettiva vada a vantaggio di coloro che risultano effet­tivamente creditori, e può quindi essere proposta, oltre che dal curatore e dai sog­getti titolari di diritti sui beni del fallito, soltanto dai creditori ammessi al passivo.

Questi ultimi, infatti, sono gli unici portatori di un interesse concreto ed attuale all’esclusione di crediti o garanzie fatti valere da terzi, potendo ricevere concreto pregiudizio dalla partecipazione al concorso di soggetti privi della qualità di creditore.

La facoltà di proporre la predetta istanza non può quindi essere riconosciu­ta al fallito, che non è parte del procedimento di verifica del passivo ed al quale non spetta alcun potere d’impugnazione dei crediti ammessi.

Così hanno stabilito i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 19721/15.

5 Ottobre 2015 · Roberto Petrella



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare. Clicca qui.

Stai leggendo Istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare Autore Roberto Petrella Articolo pubblicato il giorno 5 Ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 5 Ottobre 2015 Classificato nella categoria azione revocatoria e declaratoria di inefficacia degli atti del debitore come donazioni e vendite simulate e fittizie Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)