L'istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare non può essere presentata dal soggetto fallito

L'istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare ha carattere d'impugnazione straordinaria, finalizzata a conseguire il risultato che l'esecuzione collettiva vada a vantaggio di coloro che risultano effet­tivamente creditori, e può quindi essere proposta, oltre che dal curatore e dai sog­getti titolari di diritti sui beni del fallito, soltanto dai creditori ammessi al passivo.

Questi ultimi, infatti, sono gli unici portatori di un interesse concreto ed attuale all'esclusione di crediti o garanzie fatti valere da terzi, potendo ricevere concreto pregiudizio dalla partecipazione al concorso di soggetti privi della qualità di creditore.

La facoltà di proporre la predetta istanza non può quindi essere riconosciu­ta al fallito, che non è parte del procedimento di verifica del passivo ed al quale non spetta alcun potere d'impugnazione dei crediti ammessi.

Così hanno stabilito i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 19721/15.

5 ottobre 2015 · Roberto Petrella

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Recupero crediti in ambito fallimentare » Possibile solo con insinuazione al passivo
Recupero crediti nei confronti del fallimento solo con insinuazione al passivo: l'accertamento del credito, può avvenire nel rito ordinario se c'è stata acquiescenza, nei gradi di merito, sulla declaratoria di fallimento. Vero è che l'accertamento del credito nei confronti del fallimento è devoluto alla competenza esclusiva del giudice delegato, ai ...
Il TFR del lavoratore ammesso al passivo fallimentare deve essere erogato dal fondo di garanzia INPS
L'INPS non può negare l'esistenza del diritto al TFR e alle ultime tre mensilità se si tratta di crediti ammessi al passivo in sede di procedura concorsuale. Ciò perchè l'INPS subentra ex lege nel debito del datore di lavoro insolvente, previo accertamento del credito del lavoratore e dei relativi accessori ...
Esdebitazione fallimentare - la liberazione dai debiti dell'imprenditore fallito
Va innanzitutto chiarito che un imprenditore, per poter essere considerato "fallibile", deve possedere almeno uno dei seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo superiore ad euro trecentomila; ...
Recupero crediti e insinuazione al passivo
La procedura fallimentare si svolge attraverso fasi distinte. Tali fasi, in ordine progressivo, sono le seguenti: L'accertamento del passivo L'accertamento dell'attivo La liquidazione dell'attivo La divisione dell'attivo La chiusura del fallimento ...
Insinuazione al passivo - Nessun termine di decadenza per i crediti sopravvenuti
La legge fallimentare dispone che le domande di ammissione al passivo di un credito, di restituzione o rivendicazione di beni mobili e immobili, depositate in cancelleria oltre il termine di trenta giorni prima dell'udienza fissata per la verifica del passivo e non oltre quello di dodici mesi dal deposito del ...

Spunti di discussione dal forum

Probabile fallimento di una società – vorrei insinuarmi al passivo
Come faccio a sapere se una società è in fallimento? Dalla visura risulta, però per averne la certezza e il numero del procedimento cosa devo fare? Per presentare istanza di ammissione al passivo devo necessariamente avere un titolo come il decreto ingiuntivo o sono sufficienti le fatture non pagate?
Fratello fallito e creditori insoddisfatti – Alla morte della madre cosa è consigliabile fare?
Mio fratello titolare di una ditta è stato dichiarato fallito: alla morte della madre cosa può accadere se questa lascia del denaro in eredità?
Rinuncia eredità del fallito e accettazione con beneficio dell’erede del fallito
Siamo in procinto di concludere una corposa vendita di una mia defunta parente; mio padre, fallito non meno di 15 anni fa, ha rinunciato all'eredità ed io, con beneficio d'inventario, mi appresto a concludere la vendita in quanto erede. Il patrimonio proveniente dalla vendita che io andrò ad incassare è…
Riapertura partita Iva di soggetto già dichiarato fallito con debiti verso INPS e INAIL – Possibile ottenere il DURC?
Nel 2009 sono stato dichiarato fallito, nel 2016 il fallimento è stato chiuso: risultano debiti verso Inps e Inail. Se dovessi riaprire una ditta individuale, dove lavorerei da solo, in campo edilizio, come posso ottenere il DURC?
Si possono rateizzare i debiti esattoriali non soddisfatti nella procedura di fallimento?
Sono stato dichiarato fallito nel 2009 e a maggio 2016 il tribunale ha chiuso il fallimento: Ho scoperto tramite il curatore fallimentare che vi e in essere un debito verso Equitalia di 340 mila euro circa. Volevo chiedere se esiste la possibilità con l'ente di poter rateizzare la somma, tenuto…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare non può essere presentata dal soggetto fallito. Clicca qui.

Stai leggendo L'istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare non può essere presentata dal soggetto fallito Autore Roberto Petrella Articolo pubblicato il giorno 5 ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 5 ottobre 2015 Classificato nella categoria azione revocatoria e declaratoria di inefficacia degli atti del debitore Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?