ISCRIZIONE IN CAI

Ad agosto del 2010 avanzo richiesta di chiusura di c/c a me intestato (non cointestato) in BNL, a fine ottobre vieni chiuso regolarmente.

5 Gennaio 2011 vengo chiamata telefonicamente dal direttore di questa banca il quale mi dice di aver ricevuto un assegno di 130 euro per l’incasso ma essendo il conto chiuso mi dice di farlo ritirare.

Spiego al caro direttore che l’assegno è stato emesso in data 31/05/10 alla ASL di Lucca e credo sia molto difficile chiederne il ritiro e chiedo se è possibile effettuare il pagamento in altro modo, per esempio con l’altro conto intestato a me e a mio marito sempre in BNL ma in un’altra filiale, il direttore mi dice che ci risentiremo dopo qualche giorno.

Alcuni giorni dopo mi chiama un’addetto della CARIPARMA dove io e mio marito abbiamo un’altro conto e mi dice di riportare gli assegni in quanto c’è una segnalazione al CAI!!!!!! il 26/01/10 faccio un bonifico e saldo il debito con la ASL di Lucca (la stessa ha provveduto al ritiro dell’assegno). Ora sono in balia di queste due banche: CARIPARMA dice che ne io ne mio marito possiamo emettere assegni in quanto conto cointestato e bloccato (solo per assegni) BNL dice di aver bloccato il conto e che è solo un errore il fatto che io e mio marito possiamo prelevare e di fatto non ha effettuato alcuni bonifici, altri sì, ha bloccato l’utilizzo del bancomat solo per i pagamenti e ha pagato un assegno emesso da mio marito….

E’ assai probabile che si tratti di un ritardo nel pagamento delle rate della carta di credito, il quale comporta in effetti la segnalazione in CAI. E’ da dire che la segnalazione per le carte ha carattere diverso da quella per assegni protestati, ha valenza “informativa”, in buona sostanza è una segnalazione meno grave rispetto a quella per titoli non pagati.

Può fare una visura in CAI per togliersi ogni dubbio, il modo più veloce è di recarsi alla filiale più vicina della banca d’Italia.

Per quanto riguarda il fido, purtroppo il coltello dalla parte del manico ce l’ha la banca, che può agire con assoluta discrezionalità. Se Le fosse richiesto il rientro, provi a chiedere la conversione del debito in un prestito chirografario.

1 Marzo 2011 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

CAI Centrale Allarme Interbancaria – iscrizione revoca e sanzioni
Presentiamo di seguito una scheda informativa sulla CAI - Centrale Allarme Interbancaria, un archivio gestito dalla società SIA per  Bankitalia, che raccoglie i dati dei soggetti classificati come cattivi pagatori per emissione  di assegni senza provvista o autorizzazione e/o per utilizzo irregolare di carte di credito. La Centrale d'Allarme Interbancaria (CAI) è l'archivio informatizzato degli assegni e delle carte di pagamento irregolari istituito presso la Banca d'italia ai sensi della legge 205/99 e del decreto legislativo 507/99, nonchè dal regolamento attuativo di quest'ultimo (decreto Ministero della giustizia 458/01) e dal regolamento della Banca d'Italia del 29/1/02. Questo archivio informatizzato è ...

Carte di credito e CAI – domande e risposte
Cosa è la Centrale d'Allarme Interbancaria (CAI)? La CAI è l'archivio informatico costituito presso la Banca d'Italia nel quale confluiscono informazioni riguardanti irregolarità commesse dalla clientela nell'utilizzo degli assegni e delle carte di pagamento. In quali casi di utilizzo irregolare delle carte di pagamento si viene iscritti nella CAI? Solo nel caso in cui l'emittente la carta abbia revocato il cliente dall'utilizzo della carta stessa a causa del mancato pagamento delle spese connesse con gli acquisti e i prelievi effettuati. Basta un solo mancato pagamento per essere revocati dall'utilizzo della carta e iscritti in CAI? Non esiste una regola fissata ...

CAI Centrale Allarme Interbancaria – i cattivi pagatori censiti
Il decreto legislativo 30 dicembre 1999, numero 507, emanato in attuazione della legge 25 giugno 1999, numero 205, ha riformato la disciplina sanzionatoria relativa ai cattivi pagatori che emettono  assegni bancari e postali  senza autorizzazione o senza provvista. La riforma, che risponde alla necessità di migliorare i presidi posti a tutela della circolazione dell'assegno, ha introdotto un sistema sanzionatorio, alternativo a quello penale, che basa la propria efficacia sulla disponibilità presso tutti gli intermediari delle informazioni sul cattivo pagatore  che ha utilizzato in modo illecito lo strumento dell'assegno e sull'applicazione di misure di carattere interdittivo nei confronti degli autori di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su iscrizione in cai. Clicca qui.

Stai leggendo ISCRIZIONE IN CAI Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 1 Marzo 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria domande e risposte su prestito negato e cattivi pagatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)