Inps e avviso di addebito per contributi mai versati

Avviso di addebito notificato con raccomandata da INPS

Stamane ho ricevuto una raccomandata a/r da parte dell'INPS titolata “Avviso di Addebito” con la quale chiede il versamento di quasi 6 mila euro per contributi INPS non versati per 3 giorni dell'anno 2005 (poiché ho aperto la mia ditta individuale il 27/12/05) e per l’anno 2006 e per tutto l’anno 2007 (data di cessazione attività).

Inoltre riportano che la sanzione è del 60% oltre ad altri interessi di mora.

Precedentemente questa comunicazione, in data 31.

10.2011 ne ho ricevuta una da parte di Equitalia di somme iscritte a ruolo di € 1770,04 in qualità di 1° rata, mentre il suddetto importo avanzato con la missiva di stamane riguarda la 2° - 3° e 4° rata a completamento dell'intero importo di € 7767,81 (€1770,04 + 5.997,77) sempre riferito ai due anni 2005 (solo 3 gg) + 2006 + 2007.

Voglio inoltre anticiparVi che successivamente ad aver chiuso questa attività c/ la CCIAA a dicembre 2007 ne ho aperta un’altra di diversa tipologia, nel 2008 con iscrizione alla CCIAA il 12.04.2010, per la quale a tutt’oggi non ho versato i relativi contributi, proprio perché non ho mai raggiunto proventi per farlo.

Chiedo Voi di sapere se è veramente possibile chiedere questi importo e intimarmi il pagamento pena l’iscrizione a ruolo con espropriazione forzata.

Avviso di addebito Inps - Vista la situazione questo avviso sarà il primo di una lunga lista

Purtroppo, essendo accaduto come lei peraltro ci riferisce, vuol dire che è possibile: posso solo aggiungere che riaccadrà sicuramente, sempre sulla base di quanto lei scrive: Voglio inoltre anticiparVi che successivamente ad aver chiuso questa attività c/ la CCIAA a dicembre 2007 ne ho aperta un’altra di diversa tipologia, nel 2008 con iscrizione alla CCIAA il 12 aprile 2010, per la quale a tutt’oggi non ho versato i relativi contributi, proprio perché non ho mai raggiunto proventi per farlo.

Le verrà notificato ben presto un'altro avviso di addebito INPS. Non solo è possibile, ma è certo. Sotto questo aspetto può dormire sonni tranquilli.

24 Ottobre 2012 · Piero Ciottoli


Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) utilizza il form che trovi più in basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Se il post è stato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!