Trattenute sulla pensione per il recupero di pagamenti non dovuti - L'INPS può prelevare il 20% solo sull'importo che eccede il minimo vitale

In tema di indebito previdenziale, l'Inps, salvo il diritto di chiedere la restituzione del pagamento non dovuto, può recuperare gli indebiti e le omissioni contributive anche mediante trattenute sulla pensione, in via di compensazione, col duplice limite che la somma oggetto di cessione, sequestro, pignoramento o trattenuta non superi la misura di un quinto della pensione, assegno o indennità e che sia fatto, comunque, salvo il trattamento minimo di pensione e tale principio opera anche con riguardo agli arretrati di pensione.

Diversamente argomentandosi, il pensionato che non riceva la pensione nella misura spettante per un periodo più o meno lungo, e che per ciò stesso subisce un danno (potendo essere costretto, al limite, a ricorrere al credito per sopperire alle proprie necessità), verrebbe ad essere ulteriormente danneggiato per il fatto che la somma finalmente riconosciutagli e liquidatagli a titolo di arretrati pensionistici gli potrebbe essere interamente pignorata o trattenuta nel mentre il pensionato che, ha sempre percepito la pensione nella misura corretta potrebbe essere assoggettato a pignoramento o trattenuta della stessa solo-nei limiti del quinto e con salvezza del trattamento minimo.

Così hanno stabilito i giudici della Corte di cassazione con la sentenza 206/16.

In pratica l'INPS può trattenere solo il 20% di quanto eccede la misura massima mensile dell'assegno sociale, aumentato della metà. L'alternativa sarebbe procedere con il recupero del credito ex articolo 2033 del codice civile secondo il quale chi ha eseguito un pagamento non dovuto ha diritto di ripetere ciò che ha pagato. Ma, in tale evenienza, si tratterebbe di iscrivere a ruolo il debito per poi esigerlo tramite avviso di addebito immediatamente esecutivo (o cartella esattoriale): il che, inevitabilmente, si tradurrebbe in azione esecutiva infruttuosa di pignoramento della pensione se l'importo di questa risultasse inferiore alla la misura massima mensile dell'assegno sociale, aumentato della metà (circa 750 euro). Senza nemmeno contare il fatto che con la riscossione coattiva di tipo esattoriale la quota di prelievo massima sarebbe solo del 10%.

E' evidente che per le trattenute applicate prima dell'entrata in vigore della legge 83/15 (21 agosto 2015) che ha modificato l'articolo 545 del codice di procedura civile nella parte in cui stabilisce che le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale, aumentato della metà l'INPS non trattenere il 20% della sola parte che eccede la misura massima dell'assegno sociale (minimo vitale ratione temporis).

13 gennaio 2016 · Lilla De Angelis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La Consulta ribadisce la legittimità del minimo vitale impignorabile previsto solo per la pensione e non per lo stipendio
Il Tribunale ordinario di Viterbo, in funzione di giudice dell'esecuzione aveva sollevato questione di legittimità costituzionale dell'articolo 545 del codice di procedura civile nella parte in cui non prevede l'impignorabilità assoluta di quella parte della retribuzione necessaria a garantire al lavoratore i mezzi indispensabili alle sue esigenze di vita, e, ...
L'impignorabilità del minimo vitale si applica solo alla pensione e non allo stipendio
L'articolo 545 del codice di procedura civile prevede che le somme da chiunque dovute a titolo di pensione (ma anche di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza) non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale (minimo vitale) aumentato ...
La nuova quota impignorabile della pensione (minimo vitale) è pari all'assegno sociale aumentato della metà
Com'è noto, per la determinazione della componente assoggettabile a pignoramento le cose sono differenti a seconda che si tratti di pensioni o stipendi. Per le pensioni entra in gioco il cosiddetto “minimo vitale impignorabile”: al pensionato, infatti, è stata riconosciuta fino ad oggi, in sede giudiziale di merito e di ...
Pignoramento indennità di disoccupazione
L'indennità di disoccupazione ha natura previdenziale: l'articolo 38 comma 2 della Costituzione dispone, infatti, che i lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria. Ed infatti, con la sentenza 85/2015 la Corte costituzionale ...
Il pignoramento della pensione e il nuovo minimo vitale
Il decreto legge 83/15, in vigore dal 27 giugno 2015, ha apportato modifiche all'articolo 545 del codice di procedura civile con l'introduzione del seguente comma Le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere ...

Spunti di discussione dal forum

Recupero credito INPS – trattenuta su pensione e minimo vitale in base a decreto legge 83/15
Sono titolare di pensione di 578 euro al mese (al di sotto dei 672 pari all'assegno sociale aumentato della metà) e nonostante ciò l'INPS continua da anni a trattenere 97€ al mese per recupero crediti. Lo può fare? Non è impignorabile la mia pensione? Come posso tutelarmi?
Recupero crediti INPS su pensione e nuove tutele di impignorabilità del minimo vitale
Sono un pensionato INPS con pensione di circa 579 euro al mese e un debito di alcune migliaia di euro con l'INPS. Da 5 anni mi vengono decurtati 97 euro direttamente dall'INPS prima di erogarmi la pensione per "recupero crediti". Mi chiedo: con l'entrata in vigore del nuovo art. 545…
Novità trattenute sulla pensione – Cassazione sentenza 206/16
Fino a ieri vi chiedevo se l'INPS (creditore nei miei confronti) potesse trattenere/pignorare sulla mia pensione di 579 euro al mese oltre 97€ al mese e mi rispondevate che non erano previsti limiti se non quello di 1/5 (tra l'altro non si capiva se sull'ammontare dei 579, ossia l'intera pensione,…
Assegno sociale e piccola pensione tedesca – Possono essere pignorate per un indebito pensionistico di cui non ho colpa?
Ho quasi 70 anni e finora ho percepito l'assegno sociale di euro 450 circa, + una piccola pensione tedesca di circa 200 euro + una piccola pensione svizzera di circa 70 euro. Totale circa 700 euro. Giorni fa mi è arrivata una richiesta dall'Inps di restituzione di oltre 7000 euro…
Soggetto titolare di più pensioni – Il minimo vitale impignorabile si applica a ciascuna pensione o al totale?
Sono complessivamente beneficiario di una pensione INPS di vecchiaia da 500 euro e una di invalidità sempre INPS da 300 euro al mese: in più da Ente pubblico diverso euro 50 al mese. Il famoso limite dei 680 euro (assegno sociale + metà, o minimo vitale) vale nei confronti di…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su trattenute sulla pensione per il recupero di pagamenti non dovuti - l'inps può prelevare il 20% solo sull'importo che eccede il minimo vitale. Clicca qui.

Stai leggendo Trattenute sulla pensione per il recupero di pagamenti non dovuti - L'INPS può prelevare il 20% solo sull'importo che eccede il minimo vitale Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 13 gennaio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 21 agosto 2017 Classificato nella categoria azioni esecutive pignoramento ed espropriazione » mini guide Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info