Inadempimento e risoluzione del contratto di credito al consumo


La Corte di Giustizia, con la sentenza del 23 aprile 2009 (emessa nella causa C-509/07) ha stabilito che l’esistenza di una clausola di esclusiva tra fornitore del bene e finanziatore, non è presupposto necessario del diritto del consumatore di procedere contro il creditore in caso di inadempimento delle obbligazioni da parte del fornitore, al fine di ottenere la risoluzione del contratto di credito e la conseguente restituzione delle somme corrisposte al finanziatore.

Peraltro, la giurisprudenza di legittimità, partendo dalla direttiva comunitaria e dalla interpretazione della stessa da parte della Corte di giustizia ha individuato, nella successiva evoluzione legislativa attualmente in vigore, un collegamento negoziale di fonte legale tra i contratti di credito al consumo finalizzati all’acquisto di determinati beni o servizi ed i contratti di acquisto dei medesimi, collegamento negoziale che prescinde dalla sussistenza di una esclusiva del finanziatore per la concessione di credito ai clienti dei fornitori.

Così si è espressa la Corte di cassazione nella sentenza 19000/2016.

29 Settembre 2016 · Giovanni Napoletano



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su inadempimento e risoluzione del contratto di credito al consumo. Clicca qui.

Stai leggendo Inadempimento e risoluzione del contratto di credito al consumo Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 29 Settembre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Agosto 2017 Classificato nella categoria contratti di prestito e di garanzia Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 19 Maggio 2021 at 11:56

    Ripensamento per adesione a associazione online.
    Ho fatto un iscrizione online a un associazione difesa consumatori, ma al momento del preventivo pare che abbiano gli stessi prezzi degli altri se non più alti, posso recedere a farmi rimborsare?

    • Simone di Saintjust 19 Maggio 2021 at 14:57

      L’articolo 52 del Codice del Consumo, stabilisce il consumatore dispone di un periodo di quattordici giorni per recedere da un contratto a distanza o negoziato fuori dei locali commerciali senza dover fornire alcuna motivazione e senza dover sostenere costi aggiuntivi.