Imposta registro e bollo » Esenzione anche per cause d'appello

Piccole cause senza imposta di bollo e di registro, l’Agenzia delle Entrate si adegua.

L’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti in merito all’ambito applicativo del regime di esenzione dall’imposta di registro e di bollo, previsto dall’articolo 46 della legge 21 novembre 1991, numero 374.

Con la risoluzione 97/E, infatti, ha chiarito che, alla luce del recente orientamento della Corte di Cassazione, si estende l’esenzione anche alle sentenze di appello dei provvedimenti del giudice di pace, già esenti.

L’Agenzia delle Entrate si riferisce, in particolare, alla pronuncia della Suprema Corte 16310/14, nella quale veniva spiegato che la legge, nel suo significato ampiamente comprensivo, si riferisce genericamente alle cause ed alle attività conciliative in sede non contenziosa il cui valore non eccede € 1.033,00, ciò che abilita l’interprete a ritenere che il legislatore abbia voluto fare riferimento, ai fini dell’esenzione, alle sentenze adottate in tutti i gradi di giudizio.

Quindi, a parere degli Ermellini, il limite non deve riferirsi solo ai provvedimenti del giudice di pace, ma anche a quelli del Tribunale il che, ovviamente, poste le regole sulla competenza, si riferisce o ai giudizi in grado di appello o alle materie assegnate alla competenza funzionale del Tribunale.

Dunque, sempre a giudizio dei Giudici Supremi, si tratta, di un’esenzione generalizzata dal pagamento dell’imposta di registro e di bollo, per tutte le sentenze adottate nelle procedure giudiziarie di valore modesto, indipendentemente dal grado di giudizio e dall’ufficio giudiziario adito.

Così, con la risoluzione accennata, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta per specificare che anche l’amministrazione finanziaria si adegua all’interpretazione della Cassazione.

Si ritengono, pertanto, superate le precedenti risoluzioni di segno opposto.

In definitiva, dunque, è possibile affermare che l’esenzione dall’imposta di registro e di bollo, per le cause e le attività conciliative in sede non contenziosa il cui valore non eccede € 1.033,00, deve trovare applicazione non solo in relazione agli atti e provvedimenti relativi al giudizio dinanzi al giudice di pace, ma anche agli atti e provvedimenti emessi dai giudici ordinari nei successivi gradi di giudizio.

11 Novembre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: ,

Approfondimenti

Esenzione imposta di registro per cause di valore inferiore a 1033 euro - Non conta il giudice adito
Le cause e le attività conciliative in sede non contenziosa il cui valore non eccede la somma di euro 1.033 e gli atti e i provvedimenti ad esse relativi sono soggetti soltanto al pagamento del contributo unificato, indipendentemente dal grado di giudizio e dall'ufficio giudiziario adito. D'altra parte, la ratio della normativa non è quella di agevolare l'accesso alla tutela giurisdizionale avanti al giudice di pace, bensì quella di alleviare l'utente dal costo del servizio di giustizia per le procedure di valore più modesto, in relazione alle quali è evidentemente apparso incongruo pretendere l'assolvimento di un tributo che, per il ...

Imposta di registro - Criteri per la rettifica fiscale del valore dichiarato dell'immobile ceduto
Come noto, l'Amministrazione finanziaria può provvedere alla rettifica del valore dell'immobile ceduto, e alla conseguente liquidazione della maggiore imposta dovuta, se ritiene che il bene alienato abbia un valore venale superiore a quello dichiarato o al corrispettivo pattuito. Sarà sufficiente, al riguardo, prendere a riferimento i trasferimenti effettuati a qualsiasi titolo e le perizie giudiziarie, anteriori di non oltre tre anni alla data dell'atto, che abbiano avuto per oggetto immobili di analoghe caratteristiche e condizioni. Per procedere alla rettifica del valore dell'immobile ceduto, l'ADE potrà anche considerare il reddito netto prodotto da immobili con caratteristiche simili, capitalizzato al tasso mediamente ...

Prescrizione e decadenza delle pretese su IRPEF, bollo auto, TARSU, imposta di registro di successione e di donazione
Il concessionario notifica la cartella esattoriale, entro l'ultimo giorno del quarto mese successivo a quello di consegna del ruolo, al debitore iscritto a ruolo o al coobbligato nei confronti dei quali procede, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre: del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, per le somme che risultano dovute a seguito dell'attività di liquidazione prevista dall'articolo 36~bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, numero 602; del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, per le somme che risultano dovute a seguito dell'attività di controllo formale prevista dall'articolo 36-ter ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su imposta registro e bollo » esenzione anche per cause d'appello. Clicca qui.

Stai leggendo Imposta registro e bollo » Esenzione anche per cause d'appello Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 11 Novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria contenzioso ricorso opposizione al verbale di multa Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)