I sistemi di videosorveglianza non possono essere utilizzati per elevare multe per divieto di sosta

Il Codice della strada prevede che la contestazione immediata non è necessaria nei seguenti casi:

  1. impossibilità di raggiungere un veicolo lanciato ad eccessiva velocità;
  2. attraversamento di un incrocio con il semaforo indicante la luce rossa;
  3. sorpasso vietato;
  4. accertamento della violazione in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo;
  5. accertamento della violazione per mezzo di appositi apparecchi di rilevamento direttamente gestiti dagli organi di Polizia stradale e nella loro disponibilità che consentono la determinazione dell'illecito in tempo successivo poiché il veicolo oggetto del rilievo è a distanza dal posto di accertamento o comunque nell'impossibilità di essere fermato in tempo utile o nei modi regolamentari;
  6. accertamento effettuato con i dispositivi di cui all'articolo 4 del decreto-legge 20 giugno 2002, n. 121, convertito, con modificazioni, dalla legge 1º agosto 2002, n. 168, e successive modificazioni;
  7. g) rilevazione degli accessi di veicoli non autorizzati ai centri storici, alle zone a traffico limitato, alle aree pedonali, o della circolazione sulle corsie e sulle strade riservate attraverso i dispositivi previsti dall'articolo 17, comma 133-bis, della legge 15 maggio 1997, n. 127;
  8. accertamento delle violazioni di cui agli articoli 141, 143, commi 11 e 12, 146, 170, 171, 213 e 214, per mezzo di appositi dispositivi o apparecchiature di rilevamento. (5)

Tra questi sono previsti l'assenza del trasgressore (lettera d) e quindi anche la sosta in tali circostanze, e la rilevazione dell'accesso dei veicoli non autorizzati alla ZTL.

Il Ministero dei trasporti, con parere protocollato al numero 5932 in data 17 dicembre 2014, chiarisce che le violazioni al divieto di sosta possono dar luogo alla notifica differita del verbale di multa solo nel caso in cui l'operatore di polizia abbia accertato l'assenza del trasgressore.

I sistemi di video sorveglianza non sono idonei a dimostrare l'effettiva assenza del trasgressore e, pertanto, non possono legittimare la contestazione non immediata dell'infrazione, che rimane compito dell'operatore di polizia.

Viceversa, se la telecamera è a bordo di un veicolo e direttamente gestita da un operatore di polizia, il sistema di ripresa video può essere utilizzato come un "taccuino" elettronico che facilita l'acquisizione dei dati identificativi del veicolo, rimanendo compito dello stesso operatore di garantire circa l'effettiva assenza del trasgressore.

Va posta, inoltre, particolare attenzione, nell'utilizzo dei sistemi di ripresa video, a quanto previsto dalle norme di tutela della privacy.

Per quanto attiene, invece, gli accessi alla ZTL la norma è ancora più chiara. Infatti, il Codice della strada prevede che gli accertamenti di violazione possono essere effettuati attraverso dispositivi previsti omologati per la specifica funzione.

In pratica, secondo il Ministero, tra i casi espressamente esonerati dall'obbligo di contestazione immediata rientra sicuramente quello della mancata presenza del trasgressore. Tipico del veicolo in divieto di sosta o parcheggiato abusivamente all'interno di una ZTL. La verifica della presenza del trasgressore, prosegue il parere, non può essere chiaramente effettuata da un tradizionale sistema di videosorveglianza urbana.

Serve la presenza sul posto dell'agente. Diversamente se la telecamera è posizionata a bordo del veicolo della polizia municipale il sistema di ripresa può essere utilizzato come un taccuino elettronico che facilità l'acquisizione dei dati identificativi del veicolo rimanendo compito dello stesso operatore di garantire circa l'effettiva assenza del trasgressore (multe a strascico e divieto di sosta in doppia fila).

16 gennaio 2015 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Gli ausiliari del traffico possono elevare solo multe per divieto di sosta
Da molto tempo si discute sulla validità delle multe emesse dagli ausiliari del traffico, i così detti “vigilini”, istituiti con la legge 15.5.1997 numero 127, più comunemente nota come legge Bassanini bis. Con la sentenza in esame la Corte di Cassazione ha finalmente messo fine alla diatriba affermando il principio ...
Multe per omessa revisione periodica del veicolo o circolazione senza copertura assicurativa RC auto - Serve la contestazione immediata
Come noto, chiunque circola con un veicolo che non sia stato presentato alla prescritta revisione periodica è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 168 a euro 674. All'accertamento della violazione di cui al periodo precedente consegue la sanzione amministrativa accessoria del fermo amministrativo del veicolo ...
Multa per divieto di sosta - il verbale è valido anche senza indicazione del numero civico
L'indicazione del numero civico nel verbale di multa è importante ma non essenziale per la validità dell'accertamento. La multa per divieto di sosta è valida anche quando il vigile omette di indicare nel verbale di preavviso il numero civico dell'accertamento effettuato. Così si è pronunciata la Corte di cassazione, Sez. ...
Illegittima la contestazione differita di infrazione al CdS rilevata da dispositivi elettronici non omologati - Fatta la legge, trovato l'inganno ...
Com'è noto, l'articolo 201 del Codice della strada prescrive che è possibile derogare al principio della contestazione immediata solo quando i dispositivi di rilevamento elettronici dell'infrazione (autovelox, t-red, tutor, photored, telelaser, scout speed, telelaser) siano omologati o approvati per il funzionamento in modo completamente automatico, ovvero da remoto. Ora, nell'ambito ...
Multe - Se il trasgressore non collabora i termini di notifica del verbale possono essere superiori a 90 giorni
Può capitare che all'automobilista venga contestata la mancata esibizione di documenti utili ai fini dell'accertamento delle violazioni amministrativene (contrassegno di assicurazione, carta di circolazione, certificati di revisione del veicolo) e che lo si inviti a comparire entro venti giorni per ottemperare alla contestazione. Può accadere che l'automobilista non ottemperi all'invito ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i sistemi di videosorveglianza non possono essere utilizzati per elevare multe per divieto di sosta. Clicca qui.

Stai leggendo I sistemi di videosorveglianza non possono essere utilizzati per elevare multe per divieto di sosta Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 16 gennaio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca