Furto identità » Dal garante privacy via libera al sistema di prevenzione

Furto identità: via libera al sistema di prevenzione. Parere favorevole su due convenzioni che ne regoleranno il funzionamento.

Il garante privacy ha espresso parere favorevole su due schemi di convenzione che consentiranno il funzionamento del sistema di prevenzione delle frodi nel settore del credito al consumo, con particolare riferimento al furto identità.

Il sistema, basato su un archivio centrale informatizzato, sarà gestito da Consap Spa su incarico del Ministero dell'economia e delle finanze (MEF) e consentirà, tra l'altro, di consultare le banche dati di numerosi enti pubblici (Agenzia delle Entrate, Ministero dell'interno, Ministero dei trasporti e delle infrastrutture, INPS, INAIL) per scoraggiare fenomeni di sostituzione di persona, ad esempio con la falsificazione di documenti.

La prima convenzione definisce le regole a cui devono sottostare le società che ricevono una domanda di finanziamento o altri servizi, i cosiddetti aderenti diretti (banche, intermediari finanziari, fornitori di servizi di comunicazione elettronica o di altri servizi, imprese di assicurazione) per poter accedere al sistema.

Le società potranno così verificare l'autenticità dei dati contenuti nella documentazione presentata dalla persona richiedente e controllare eventuali informazioni relative a rischi di frode in corso o frodi già perpetrate.

La seconda convenzione regola invece l'attività dei cosiddetti aderenti indiretti, ovvero i gestori di sistemi di informazioni creditizie (SIC) e le imprese che offrono servizi assimilabili, che le banche e gli altri aderenti diretti possono incaricare come loro intermediari per accertare, tramite il sistema, la veridicità della documentazione presentata.

Vista la particolare delicatezza delle informazioni trattate sono state previste, anche su indicazione del Garante per la tutela della privacy, precise misure al fine di impedire eventuali trattamenti illeciti dei dati delle persone che desiderano usufruire del credito al consumo.

Le società potranno utilizzare solo i dati pertinenti e non eccedenti, necessari al perseguimento delle specifiche finalità indicate nel regolamento di attuazione del sistema di prevenzione e nelle specifiche convenzioni inerenti il settore commerciale di appartenenza.

Tutti i soggetti coinvolti dovranno inoltre proteggere i dati personali con adeguate misure di sicurezza e potranno conservali solo per il tempo strettamente necessario.

5 novembre 2014 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il garante della privacy dice NO ad un sistema di riconoscimento facciale dei debitori
Il Garante della privacy ha deciso, con il provvedimento 76/16, che il sistema finalizzato a prevenire il furto di identità basato sul riconoscimento facciale delle fotografie poste sui documenti di identità di soggetti (aspiranti debitori) che abbiano presentato richieste di prestito a banche ed intermediari finanziari, non risulta conforme al ...
Prevenzione della frode nel credito al consumo
In seguito all'entrata in vigore della legge 17 agosto 2005, numero 166, recante “Istituzione di un sistema di prevenzione dalle frodi sulle carte di pagamento”, l'UCAMP esercita le funzioni di competenza statale in materia di prevenzione, sul piano amministrativo, delle frodi sui mezzi di pagamento e sugli strumenti deputati all'erogazione ...
Il garante della privacy da il via a ETNa » Una banca dati per tutelare maggiormente gli utenti telefonici
Il garante della privacy da l'ok per il progetto ETNa (Elenco Telefonico Nazionale): l'accesso telematico delle forze di polizia e dell'autorità giudiziaria ai dati dei possessori di telefoni fissi e mobili sarà regolato dalla Convenzione tra il Ministero dell'Interno e i gestori di servizi di telecomunicazioni. Ora, l'accesso ai dati ...
Il furto di identità - cosa è, come avviene e come difendersi
Cosa è il furto di identità Si ha un furto di identità quando un'informazione individuale, relativa ad una persona fisica o ad un'azienda è ottenuta in modo fraudolento da un criminale con l'intento di assumerne l'identità per compiere atti illeciti. Come avviene il furto di identità? Ecco alcuni dei modi ...
Analisi delle informazioni biometrico-comportamentali dei clienti per combattere le frodi nell'internet banking
Per combattere i furti di identità e le frodi nell'internet banking, la banca potrà analizzare informazioni biometrico-comportamentali dei clienti, quali la pressione sul touch screen o i movimenti del mouse, in occasione della loro "navigazione" nell'area privata del proprio sito web. Il sistema, sottoposto al Garante della privacy per una ...

Spunti di discussione dal forum

Può il debitore accedere ai dati che lo riguardano nell’anagrafe tributaria?
Vorrei sapere se io - debitore - posso accedere ai sensi della legge sulla privacy per visualizzare i dati su me stesso presso tutte le banche dati dell'Agenzia delle Entrate ed in particolare quella dei conti correnti. Insomma, vorrei vedere le informazioni che i miei creditori potrebbero vedere con la…
Revoca borsa di studio Er.Go (Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori dell’Emilia Romagna)
Vi scrivo perchè ho ricevuto comunicazione di revoca di borsa di studio da ErGo (Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori dell'Emilia Romagna) riferita all'anno accademico 2013-2014. Le motivazioni di Er.Go sono due: la prima perchè è stato inserito l'importo del mio affitto e quello dei miei genitori; la…
Facebook e scandalo furto dati – E’ vero che se ne occuperà l’Antitrust?
In merito al famigerato scandalo di Facebook e del furto dei dati di milioni di utenti, ho sentito dire che l'antitrust ha aperto un indagine. Cosa ne verrà fuori? Saremmo finalmente tutelati e la nostra privacy verrà protetta?
Info aggiornamento dati Crif
Volevo chiedere un'informazione: le banche di solito comunicano a crif i nuovi dati riguardo i finanziamenti all'inizio di ogni mese; dopo questa comunicazione quando tempo impiega crif dalla richiesta ad aggiornare i dati nel sistema? Esempio: se la banca o finanziaria comunica il 1 giugno i nuovi finanziamenti erogati rifiutati…
Iscrizione in centrale rischi e probabile diniego credito
Ho appena costituito una srl semplificata con un mio amico, sono socio al 90%, con questa società realizzeremo un pub, sono andato in banca per apertura conto corrente e richiedere un prestito, ho firmato i moduli per la privacy per la centrale rischi. Adesso mi chiedo, io sono anche socio…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su furto identità » dal garante privacy via libera al sistema di prevenzione. Clicca qui.

Stai leggendo Furto identità » Dal garante privacy via libera al sistema di prevenzione Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 5 novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - frode creditizia e furto di identità Inserito nella sezione tutela consumatori.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Forum

Domande

la comunità dei debitori e dei consumatori italiani
la comunità dei debitori e dei consumatori italiani