Sanzioni e contribuente truffato

Nel caso in cui la violazione è dovuta alla condotta illecita di un professionista iscritto negli appositi albi professionali (nei casi previsti dall'articolo 1, comma 1, della legge 11 ottobre 1995, numero 423), il contribuente truffato può chiedere la sospensione delle sanzioni amministrative irrogate per omesso, tardivo o insufficiente versamento di tributi.

Per godere di questa agevolazione il contribuente deve presentare alla Direzione regionale delle Entrate competente per territorio un'istanza in carta libera corredata della copia della denuncia prodotta all'Autorità giudiziaria o all'ufficiale di polizia giudiziaria contro il professionista e dell'attestazione dell'avvenuto pagamento dell'imposta e degli interessi iscritti a ruolo.

Successivamente, se il giudizio penale avviato con la denuncia si conclude con la condanna del professionista, il contribuente truffato beneficia dello sgravio delle sanzioni, il cui pagamento viene intimato al responsabile dell'illecito.

Se l'imputato viene assolto, il contribuente decade dalla sospensione e deve versare, in aggiunta alle ordinarie sanzioni, anche una maggiorazione pari al 50% delle stesse.

Se, infine, il procedimento penale si estingue per amnistia o per prescrizione del reato o, comunque, si conclude con una sentenza nella quale si dichiara di non doversi procedere per motivi processuali, il contribuente, per continuare ad usufruire della sospensione, deve promuovere un'azione di risarcimento del danno davanti al giudice civile.

La denuncia del professionista per truffa non esonera il contribuente - le sanzioni sono dovute anche se possono essere sospese in attesa della sentenza definitiva

Il contribuente può essere esonerato dall'obbligo del pagamento delle sanzioni relative agli omessi, ritardati o insufficienti versamenti di tasse, imposte e tributi quando risultino verificate le seguenti condizioni:

  1. la violazione dipende unicamente dalla condotta penalmente illecita di consulenti tributari e di qualsiasi terzo, restando escluso qualsiasi comportamento doloso, o quantomeno negligente, del contribuente;
  2. sia stato conferito un incarico formale al professionista;
  3. risulti documentato il trasferimento al professionista dell'importo necessario al pagamento dell'imposta o della tassa dovuta;
  4. sia stata presentata una denuncia all'Autorità Giudiziaria;
  5. venga comunque versata dal contribuente l'imposta o la tassa non pagata dal professionista;
  6. il processo contro il professionista sia stato già definito con una sentenza passata in giudicato.

Ed infatti, in questi termini si è espressa la Corte di Cassazione con l'ordinanza numero 2813 del 6 febbraio 2013. Accogliendo un ricorso presentato dall'amministrazione finanziaria, i giudici di legittimità hanno stabilito che la sola presentazione della denuncia per truffa da parte del contribuente non è sufficiente a dimostrare l'esclusiva responsabilità del professionista.

Gli ermellini sancivano l'obbligo per il contribuente al pagamento delle sanzioni non risultando verificato ed evidenziato se la responsabilità del professionista attenesse dall'omessa dichiarazione ovvero al mancato pagamento e neppure gli elementi presi in considerazione e valorizzati, per giungere a ritenere che la responsabilità esclusiva dell'infrazione fiscale fosse riconducibile a fatto di terzi e che nessuna colpa fosse addebitale al contribuente, malgrado l'obbligo specifico degli adempimenti dovuti e rimasti inevasi, gravasse sullo stesso.

20 luglio 2013 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Sanzioni tributarie – per il fisco è sempre responsabile il contribuente
Nei confronti dell'erario il contribuente è sempre responsabile per le sanzioni tributarie comminategli per la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi a nulla rilevando che questa sia stata affidata al professionista: infatti, “in tema di sanzioni amministrative per violazione di norme tributarie, il decreto legislativo 18 dicembre 1997, numero 472, ...
Dichiarazione redditi » Se il tuo commercialista dimentica di presentarla non devi pagare le relative more e sanzioni
Se il commercialista dimentica di presentare la dichiarazione redditi del proprio cliente, il contribuente deve pagare comunque le tasse ma non le more e le sanzioni per il ritardo. La dichiarazione redditi consegnata all'intermediario entro i termini e poi dallo stesso non trasmessa al fisco, non va considerata omessa. Rimane ...
Il contribuente deve sempre vigilare sul professionista a cui ha affidato l'adempimento degli obblighi relativi alla presentazione della dichiarazione dei redditi
In tema di sanzioni amministrative per violazione di norme tributarie, la legge (Decreto Legislativo 472/1997, articolo 5) sanziona la condotta negligente del contribuente, anche non necessariamente dolosa. Infatti, gli obblighi tributari relativi alla presentazione della dichiarazione dei redditi ed alla tenuta delle scritture contabili non possono considerarsi assolti da parte ...
Il rimborso al contribuente del credito indicato nella dichiarazione dei redditi deve essere disposto automaticamente dall'Amministrazione
L'esposizione di un credito d'imposta nella denuncia dei red­diti fa sì che non occorra, da parte dei contribuente, al fine di ottenerne il rimborso, alcun altro adempimento, dovendo solo attendere che l'Amministrazione finanziaria eserciti, sui dati esposti in dichiara­zione, il potere-dovere di controllo secondo la procedura di liquida­zione delle imposte, ...
L'obbligo della presentazione della dichiarazione dei redditi incombe sul contribuente e non sul commercialista
L'obbligo della presentazione della dichiarazione dei redditi incombe direttamente sul contribuente e, in caso di persone giuridiche, su chi ne abbia la legale rappresentanza, tenuto a sottoscrivere la dichiarazione a pena di nullità. II fatto che il contribuente possa avvalersi di persone incaricate della materiale predisposizione e trasmissione della dichiarazione ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sanzioni e contribuente truffato. Clicca qui.

Stai leggendo Sanzioni e contribuente truffato Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 20 luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 7 febbraio 2018 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Herbert Ballerina 4 dicembre 2015 at 06:06

    sono stato truffato per anni dal mio ex commercialista che ora e’ stato condannato, ho una montagna di cartelle mai impugnate, mai opposte, non chiedo di non pagare il capitale e gli interessi ma solo che mi tolgano le sanzioni, posso fare qualcosa secondo voi non avendo mai impugnato le cartelle nei termini?

    • Ornella De Bellis 4 dicembre 2015 at 06:41

      Con la sentenza di condanna può evitare di pagare le sanzioni per omessa dichiarazione dei redditi nonché per omesso o ritardato pagamento dei tributi dovuti. Nell’articolo viene anche spiegata la procedura da seguire.

  • cecilia 16 novembre 2008 at 16:50

    sono stata truffata insieme ai componenti della mia famiglia per quattro anni da una commercialista. al momento in cui ci siamo resi conto di tutto sono andata all’agenzia entrate nel tentativo di chiarire il tutto. anche in quel caso mi hanno riferito che potevamo chiedere tramite denuncia la sola sospensione delle sanzioni ma non degli interessi che purtroppo dato che si tratta di imposte del 2003 e 2004 sono molto alti. come mai siamo obbligati a pagare gli interessi che inevitabilmente derivano dal non pagamento effettuato da terzi nei tempi previsti?

    • antò 26 febbraio 2009 at 07:02

      anche a me purtroppo è capitato di essere raggirato dal commercialista e non sapevo memmeno che vi era una causa in pendenza ha niente è servito il ricorso anzi il mio avvocato mi ha consigliato di pagare l,intera somma prima che arriva la data del processo Siamo inermi ed INCOMPETENTI

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca