Pagamento tributi con F24 » Dal 1 Ottobre 2014 cambia tutto

Novità per quanto riguarda gli oneri fiscali: a partire dal 1 Ottobre 2014, il pagamento dei tributi, contributi previdenziali e dei premi assicurativi potrà essere effettuato mediante il modello F24 cartaceo solo dai soggetti persone fisiche, che debbano versare un saldo pari o inferiore a € 1.000, senza alcuna compensazione.

In tutti gli altri casi sarà necessario utilizzare i servizi telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate, ovvero Entratel o Fisconline, o dalle banche/Poste.

L'uso dei servizi telematici di banche o poste è addirittura inibito nel caso della delega a zero, ovvero qualora il modello presenti un saldo a zero per effetto di compensazioni. In questo caso si potranno utilizzare solo i servizi Entratel o Fisconline.

Inoltre sono stati introdotti nuovi limiti oltre a quelli per le compensazioni IVA: ci sarà l'obbligo di presentazione con modalità telematiche per i titolari di partita Iva, i limiti alla compensazione dei crediti IVA e dei crediti di imposte dirette, il divieto di compensazione di crediti di imposte erariali, in presenza di debiti iscritti a ruolo e non pagati.

Pertanto, i titolari di partita Iva non possono mai procedere al versamento mediante il modello F24 cartaceo e se intendono effettuare la compensazione orizzontale di crediti IVA per importi superiori a € 5.000,00 hanno l'obbligo di utilizzare esclusivamente i servizi telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate.

L'utilizzo dei servizi di home banking messi a disposizione dalle banche e da Poste Italiane, ovvero dei servizi di remote banking (CBI) offerti dalle banche/Poste, è consentito esclusivamente a coloro che effettuano compensazioni di crediti IVA inferiori a € 5.000,00.

Gli F24 a zero, per effetto delle compensazioni, dovranno essere presentati esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate. È necessario essere registrati ai servizi Entratel o Fisconline.

Inoltre, diventa obbligatorio l'utilizzo dei seguenti servizi telematici:

  1. F24 on line, cui hanno accesso tutti i contribuenti in possesso del pincode di abilitazione; per usufruire di tale servizio è necessario avere un conto corrente presso una banca convenzionata con l'Agenzia delle Entrate o presso Poste Italiane, sul quale addebitare le somme dovute;
  2. F24 web, il quale consente ai contribuenti di compilare e trasmettere il modello di versamento senza la necessità di scaricare, sul proprio computer, alcun software; il pagamento avviene con un “ordine di addebito” sul conto corrente bancario o postale del contribuente, a beneficio dell'Agenzia delle Entrate;
  3. F24 cumulativo, riservato agli incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni, abilitati ad Entratel, come ad esempio dottori e ragionieri commercialisti, esperti contabili, consulenti del lavoro, che intendono eseguire i versamenti on line delle somme dovute dai propri clienti con addebito diretto sui conti correnti bancari o postali di questi ultimi o sul conto corrente dell'intermediario medesimo.

Non sarà quindi più possibile presentare i modelli F24 in formato cartaceo o in via telematica, avvalendosi dei sistemi di home/remote banking collegati al circuito CBI del sistema bancario o di altri sistemi di home banking, offerti dagli istituti di credito o dalle Poste.

Gli F24 con un saldo finale positivo, ma nei quali siano state effettuate compensazioni, invece, dovranno essere presentati mediante i servizi telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate,oppure dagli intermediari della riscossione convenzionati con la stessa.

I modelli F24 in cui sono indicati importi a debito superiori agli importi a credito dovranno essere presentati esclusivamente mediante i servizi F24 on line, F24 web e F24 cumulativo, oppure tramite i sistemi di home/remote banking collegati al circuito CBI (Corporate Banking Interbancari) del sistema bancario o di altri sistemi di home banking offerti dagli istituti di credito o dalle Poste e agenti della riscossione.

Gli F24 con saldo finale di importo superiore a € 1.000 senza l'effettuazione di compensazioni, dovranno, anche essi, essere presentati mediante i servizi telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate oppure dagli intermediari della riscossione convenzionati con la stessa.

Il modello F24 che evidenzi un importo a debito superiore a € 1.000,00 oppure che comprenda più importi a debito che, sommati, danno un saldo finale superiore a € 1.000,00 dovrà essere presentato esclusivamente mediante i servizi “F24 on line”, “F24 web” e “F24 cumulativo o tramite i sistemi di home/remote banking collegati al circuito CBI (Corporate Banking Interbancari) del sistema bancario o di altri sistemi di home banking offerti dagli istituti di credito o dalle Poste e agenti della riscossione.

Il modello cartaceo F24 potrà essere presentato presso le banche, le Poste o un sportello di Equitalia se lo stesso comprende un saldo pari o inferiore a € 1.000,00, senza la presenza di alcuna compensazione.

Solo dai soggetti non titolari di partita IVA.

Infine, per quanto riguarda l'F24 cumulativo, l'utilizzatore dei servizi telematici messi a disposizione dagli intermediari della riscossione convenzionati con l'Agenzia delle Entrate (professionista, società di servizi, Caf) può inviare la delega di versamento (mod. F24) anche di un soggetto terzo (cliente), mediante addebito su propri strumenti di pagamento (proprio conto corrente), previo rilascio all'intermediario (banca) di apposita autorizzazione, anche cumulativa, a operare in tal senso, da parte dell'intestatario effettivo della delega.

Il cliente, per consentire l'addebito del proprio modello F24 sul conto corrente del professionista, mediante i servizi di home banking e di remote banking delle banche/Poste, dovrà predisporre un'autorizzazione alla banca.

In caso di mancato pagamento del modello, rimane responsabile, a ogni effetto, l'intestatario della delega (il cliente), che potrà rivalersi sul professionista.

26 giugno 2014 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cartella esattoriale » Si può pagare dal sito di equitalia?
I versamenti con il bollettino Rav allegato alla cartella esattoriale si possono effettuare anche tramite i siti web delle società del Gruppo Equitalia che offrono il servizio telematico o attraverso le funzionalità di home banking messe a disposizione dagli istituti di credito e da Poste italiane. ...
Pagamento delle imposte » I modelli F23 ed F24
Pagamento delle imposte: come usare correttamente i modelli F23 ed F24. Ad oggi, è possibile dire che la maggior parte dei contribuenti usano il Modello F23 ed F24 per il pagamento di Tasse e Tributi. Ma, in sostanza, qual è la differenza tra i due modelli di versamento redatti dall'agenzia ...
Agenzia delle Entrate » Per i rimborsi fiscali i contribuenti sono invitati a fornire l'IBAN
I contribuenti interessati a ricevere i rimborsi fiscali da parte dell'Agenzia delle Entrate e in particolare i contribuenti che nel 2014 non hanno più un proprio sostituto di imposta sono stati invitati dalla massima autorità fiscale a fornire le proprie coordinate bancarie al fine di ricevere l'accredito di quanto dovuto ...
Pagamento F24 tramite internet banking - Mai di venerdì dopo le 18 e 30
Il momento della ricezione di un ordine di pagamento è quello in cui l'ordine, trasmesso dal cliente è ricevuto dalla banca. Se il momento della ricezione non ricorre in una giornata operativa per la banca, l'ordine di pagamento si intende ricevuto la giornata operativa successiva. La banca può stabilire un ...
Conto corrente on line e bonifico non autorizzato a terzi - Responsabile la banca o il cliente?
A quale fra i due soggetti, correntista e banca, va posta a carico la responsabilità per un'operazione di bonifico bancario non autorizzata dal titolare e disposta utilizzando le chiavi di accesso del servizio di home banking? Se, per l'esecuzione dell'operazione, vengono correttamente utilizzate le chiavi di accesso al conto on-line, ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pagamento tributi con f24 » dal 1 ottobre 2014 cambia tutto. Clicca qui.

Stai leggendo Pagamento tributi con F24 » Dal 1 Ottobre 2014 cambia tutto Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 26 giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca