Equitalia e pignoramento presso terzi - limiti di pignorabilità

L'Agente della riscossione (oggi Equitalia) può effettuare il pignoramento di stipendi, pensioni e altre indennità relative al rapporto di lavoro, entro i seguenti limiti:

  • 1/10 per importi fino a 2.500,00 euro;
  • 1/7 per importi da 2.500,00 a 5.000,00 euro;
  • 1/5 per importi superiori a 5.000 euro.

Questi limiti sono stabiliti dall'articolo 72 ter del D.P.R. 602/73, introdotto dal Decreto Legge n. 16/2012 (cosiddetto "decreto Semplificazioni"), convertito in Legge n. 44/2012.

L'articolo 72 ter recita: Le somme dovute a titolo di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate dall'agente della riscossione:

  1. in misura pari ad 1/10 per importi fino a 2.500,00 euro;
  2. in misura pari ad 1/7 per importi da 2.500,00 a 5.000,00 euro.

Resta ferma la misura di cui all'articolo 545, comma 4, c.p.c., se le somme dovute a titolo di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, superano i cinquemila euro.

Va evidenziato che stipendi, pensioni e indennità assistenziali o previdenziali sono del tutto impignorabili se inferiori all'importo dell'assegno sociale.

Questo principio è stato sancito dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 506/2002, volta a garantire la conservazione dei mezzi minimi di sostentamento.

7 settembre 2015 · Antonella Pedone

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia e pignoramento presso terzi - limiti di pignorabilità. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia e pignoramento presso terzi - limiti di pignorabilità Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 7 settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 19 settembre 2017 Classificato nella categoria diritti del debitore Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca