Sospensione pagamento rate mutuo per autonomi e liberi professionisti

Sospensione pagamento rate mutuo per autonomi e liberi professionisti

Il Fondo di solidarietà per i mutui per l’acquisto della prima casa, gestito da CONSAP, prevede la possibilità per i titolari di un mutuo contratto per l’acquisto della prima casa, di beneficiare della sospensione del pagamento delle rate al verificarsi di situazioni di temporanea difficoltà, destinate ad incidere negativamente sul reddito complessivo del nucleo familiare.

L’articolo 53 del decreto legge cosiddetto “Cura Italia”, varato dal governo il 16 marzo 2020, dispone che, per un periodo di 9 mesi dall’entrata in vigore del provvedimento, in deroga al regolamento ordinario, l’ammissione ai benefici del Fondo è esteso ai lavoratori autonomi e ai liberi professionisti che autocertifichino (dunque, non sarà richiesta la presentazione dell’indicatore della situazione economica equivalente ISEE) di aver registrato, in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020 ovvero nel minor lasso di tempo intercorrente tra la predetta data e la data della domanda, un calo del proprio fatturato, superiore al 33% del fatturato dell’ultimo trimestre 2019 in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività operata in attuazione delle disposizioni adottate dall’autorità competente per l’emergenza coronavirus.

17 Marzo 2020 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Lavoratori autonomi e liberi professionisti - Al via le domande di sospensione del pagamento delle rate del mutuo
Premessa Per lavoratore autonomo si intende il soggetto la cui attività è ricompresa nell'ambito degli articoli 2222 e 2083 del codice civile: in particolare l'articolo 2222 (Contratto d'opera) definisce come lavoratore autonomo il soggetto che si obbliga a compiere, a fronte di un corrispettivo, un'opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente. L'articolo 2083 del codice civile definisce come piccoli imprenditori, i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un'attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia. Non sono considerati ...

Mutuo e sospensione delle rate » Scopriamo il fondo di solidarietà
Parliamo del fondo di solidarietà: le famiglie che vi accedono hanno la possibilità di sospendere il pagamento della rata del mutuo fino ad un massimo di 18 mesi. Scopriamo come. Recessione economica e crisi di liquidità non accennano ad arrestarsi, con la conseguenza che il budget a disposizione delle famiglie si assottiglia sempre di più. A pesare come un macigno in particolare le rate del mutuo, con numerosi nuclei familiari sempre più in difficoltà nel far fronte ai pagamenti mensilmente richiesti. Il Governo ha così varato nei mesi scorsi l'apertura di un Fondo di Solidarietà accedendo al quale è possibile ...

Emergenza Coronavirus - Indennità di 600 euro per il mese di marzo 2020 ai professionisti con partita IVA e ai lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa
Ai liberi professionisti titolari di partita IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020 e ai lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi alla medesima data, iscritti alla Gestione separata INPS, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, è riconosciuta un'indennità per il mese di marzo 2020 pari a 600 euro. Tale indennità non concorre alla formazione del reddito IRPEF ed è erogata dall'INPS, previa domanda, nel limite di spesa complessivo di 170 milioni di euro per l'anno 2020. L'INPS provvede al monitoraggio del rispetto del limite di spesa e comunica i ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sospensione pagamento rate mutuo per autonomi e liberi professionisti. Clicca qui.

Stai leggendo Sospensione pagamento rate mutuo per autonomi e liberi professionisti Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 17 Marzo 2020 Ultima modifica effettuata il giorno 13 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Maurizio Scalia 19 Aprile 2020 at 08:00

    quindi se ho capito bene, la CONSAP paga il 50% sia gli interessi relativi al periodo di sospensione che quelli relativi alle quote sospese e che verrano pagate in coda all’ammortamento.

    • Simone di Saintjust 19 Aprile 2020 at 08:13

      Per ciascuna rata sospesa di importo originario X (comprensivo di capitale ed interessi maturati alla scadenza originaria S), il mutuatario pagherà, in coda al piano di ammortamento originario, l’importo X maggiorato del 50% degli interessi maturati su X dalla data S di scadenza originaria a quella di pagamento effettivo della rata.

  • Maurizio Scalia 18 Aprile 2020 at 17:02

    Lo Stato rimborsa il 50% degli interessi maturati durante il periodo di sospensione del mutuo, ma alla fine della sospensione la Banca ci calcolerà gli interessi sulla quota capitale sospesa, che verrà spalmata o aggiunta alla fine del pagamento delle rate?

    • Simone di Saintjust 18 Aprile 2020 at 18:26

      Le rate sospese vengono differite alla fine del piano di ammortamento originario. Su ciascuna rata vengono calcolati gli interessi dovuti al differimento (pari, per i mutui a tasso fisso, al tasso IRS in euro applicato sull’importo della rata sospesa per la durata residua del contratto di mutuo vigente al momento della sospensione dell’ammortamento). Questi interessi aggiuntivi vengono rimborsati per il 50% direttamente dalla CONSAP alla banca. Il restante 50% dovrà essere pagato dal mutuatario inglobato in ciascuna rata differita alla fine del piano di ammortamento originario.