Effetti della mora del debitore nel risarcimento del danno

Il debitore del risarcimento del danno è in mora dal giorno in cui il danno si verifica. La mora dell'obbligo di risarcire il danno, com'è noto, non produce interessi legali, in quanto il debito riconducibile al risarcimento del danno ha natura di obbligazione di valore e non di valuta.

Come sappiamo, nel debito di valuta il rischio di svalutazione monetaria grava sul creditore, mentre nei debiti di valore esso grava sul debitore.

Se oggi Tizio contrae un debito di 100 euro (debito di valuta) con Caio e il saldo del debito avverrà dopo dieci anni, Tizio dovrà restituire a Caio, trascorsi i dieci anni, ancora 100 euro, oltre agli interessi legali. L'eventuale svalutazione della moneta euro andrà a gravare su Caio, anche se compensata in parte dagli interessi legali.

Se oggi Tizio si rende responsabile di un incidente stradale che determina la distruzione del veicolo di proprietà di Caio e la liquidazione del danno avverrà dopo dieci anni, Tizio dovrà rimborsare a Caio, trascorsi i dieci anni, un importo tale da permettere la sostituzione dell'automobile in relazione al tempo della liquidazione (debito di valore). L'eventuale incremento del prezzo di listino dell'autoveicolo andrà a gravare su Tizio. Trattandosi in questo caso di un debito di valore, Tizio non dovrà semplicemente rimborsare a Caio il valore che l'automobile aveva al momento del sinistro, più gli interessi legali, bensì l'importo necessario, al momento della liquidazione del danno, ad acquistare un bene equivalente a quello distrutto dieci anni prima.

La mora nell'adempimento dell'obbligazione risarcitoria del danno comporta anche l'obbligo, per il debitore, di risarcire al creditore il pregiudizio rappresentato dalla perduta possibilità di investire la somma spettategli a titolo di risarcimento all'epoca del fatto, e ricavarne un lucro finanziario.

Tale danno, va liquidato in via equitativa e può essere monetizzato anche sotto forma di interessi, purchè sia ben chiaro che:

  1. si tratta non di interessi in senso tecnico, cioè frutti civili del credito principale, ma una voce o componente dell'unico credito risarcitorio;
  2. vanno liquidati ad un saggio equitativamente scelto dal giudice, secondo le circostanze del caso concreto;
  3. vanno applicati sul credito espresso in moneta dell'epoca del fatto, e poi rivalutato anno per anno .

Queste, in sintesi, le indicazioni fornite dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 21396/14.

28 novembre 2014 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Responsabilità civile auto - Quando l'assicuratore ritarda a liquidare il danno patito dal terzo danneggiato
Per l'inadempimento dell'assicuratore della responsabilità civile auto nell'obbligo di liquidare sollecitamente il danno patito dal terzo danneggiato, occorre distinguere tre ipotesi. La prima eventualità é che, nonostante il ritardato adempimento, il massimale resti capiente. In tal caso, ovviamente, si applicheranno le regole sulla mora nelle obbligazioni di valore, e l'assicuratore ...
Garanzie – fideiussione con escussione a prima richiesta (esempio)
Tizio stipula un contratto di subappalto con Caio Tizio chiede una fideiussione con escussione a prima richiesta a Caio per garantirsi da eventuali inadempienze di Caio nell'esecuzione del contratto di subappalto. Vengono stabilite delle penali pecuniarie che Caio dovrà corrispondere a Tizio quando vengano violate le clausole contrattuali concordate. O ...
Danno non patrimoniale - Il principio della non duplicazione del risarcimento
Il danno non patrimoniale deve essere inteso nella sua accezione più ampia di danno determinato dalla lesione di interessi inerenti alla persona non connotati da rilevanza economica. La tutela è estesa ai casi di danno non patrimoniale prodotto dalla lesione di diritti inviolabili della persona riconosciuti dalla Costituzione: in quest'ottica, ...
Il defunto aveva emesso un assegno di cui il beneficiario non riesce a motivare la causa - L'erede chiede ed ottiene la restituzione dell'importo facciale
Caio adiva il Tribunale territorialmente competente nella qualità di erede del de cuius, asserendo che quest’ultimo aveva pagato a Tizio, senza titolo, un'ingente somma di denaro a mezzo di assegno bancario. Chiedeva, pertanto, la condanna di Tizio alla restituzione di tale pagamento indebito. Tizio si costituiva in giudizio ribattendo che ...
Debito solidale e coobbligati - Rinuncia del creditore alla solidarietà verso uno dei condebitori con o senza remissione
Come sappiamo, il debito è in solido quando più debitori (condebitori) sono tutti obbligati al rimborso, in modo che ciascuno può essere costretto all'adempimento per la totalità del debito (o parte di esso) e l'adempimento di uno libera gli altri. Analizziamo, adesso, le differenze fra rinuncia alla solidarietà a favore ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su effetti della mora del debitore nel risarcimento del danno. Clicca qui.

Stai leggendo Effetti della mora del debitore nel risarcimento del danno Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 28 novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria risarcimento per danni a persone e cose Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca