Cambio di domicilio - La procedure per continuare a fruire del servizio sanitario nazionale

Per quanto riguarda il cambio di domicilio, questo non è certificabile da un ufficio anagrafe ma è possibile fare un'autocertificazione ai sensi e per gli effetti dell'articolo 46 del DPR numero 445/2000 (Dichiarazione esente da imposta di bollo ai sensi dell'articolo 37 DPR 28 Dicembre 2000 numero 445).

Per quanto riguarda invece l'assistenza medica, se la permanenza si protrae per almeno tre mesi è possibile scegliere un medico oprante nella zona del domicilio.

Nel caso in cui lo spostamento sia motivato dallo svolgimento di un'attività lavorativa, occorre rivolgersi allo sportello di Scelta e Revoca del Distretto Socio-sanitario muniti di SISS (il tesserino sanitario plastificato), Codice Fiscale, autocertificazione di domicilio e un certificato del datore di lavoro, che attesti lo svolgimento, nel luogo scelto come domicilio, di un'attività lavorativa. All'atto della richiesta va comunicato il domicilio presso il quale si é reperibili in caso di eventuale visita fiscale.

30 aprile 2013 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca