Vorrei procedere legalmente nei confronti di una banca

Sono titolare di un'azienda ho 2 conti correnti bancari di banche diverse, dovevo pagare un assegno bancario in una delle mie banche dove ho una pratica di fideiussione bancaria importante, in delibera.

Quindi chiedo alla banca dove ho del capitale di effettuare un bonifico urgente, pagando 16,00 euro di commissione dicendomi che massimo in 2 ore si ritroverà la somma per la copertura del titolo da pagare.

Il bonifico ad oggi non è ancora arrivato, ho chiesto spiegazioni alla banca, dicendomi che per problemi tecnici non è arrivato. La banca che doveva pagarmi l'assegno, adesso non solo rischio il protesto, ma mi salta l'operazione fideiussione, perdendo credibilità con la banca e fornitori, adesso voglio effettuare una procedura legale nei confronti della banca e danni, pensate che possa farcela ho è una causa persa dato che è una banca.

Il problema sembra essere quello relativo al mancato adempimento, in tempi brevi, di un bonifico, nonostante il pagamento di ben 16 euro.

Per chiedere conto del disservizio, può rivolgersi all'Arbitro Bancario Finanziario.

Deve innanzitutto presentare, con raccomandata A/R, formale reclamo all'istituto bancario chiedendo ragione di quanto accaduto.

Decorsi 30 giorni dal ricevimento della raccomandata AR da parte della banca inadempiente, in mancanza di una risposta o a fronte di una ulteriore conferma dell'asserita legittimità della procedura adottata e dell'adeguatezza dei tempi che si sono resi necessari per dar luogo al bonifico, potrà procedere a presentare ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario.

La procedura di ricorso all'ABF è molto semplice, il dossier può essere trasmesso per posta e non è necessaria l'assistenza legale. Serve solo saper riportare con dettaglio e chiarezza i fatti nell'istanza. Va poi allegata tutta la documentazione a supporto degli eventi descritti in ricorso.

Per quanto attiene il risarcimento danni, questo, nel caso di accoglimento del ricorso, verrà liquidato nella misura che il Collegio riterrà equa: salvo lei non riesca a provare, documenti alla mano, il maggior danno subito (protesto, revoca della fideiussione in suo favore a seguito del protesto, eccetera).

Ulteriori info in questo articolo.

7 febbraio 2016 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

revoca della fideiussione
ricorso arbitro bancario finanziario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno protestato per difetto di autorizzazione - Se il carnet è stato rilasciato dopo la revoca di sistema la banca è solidalmente responsabile nei confronti del beneficiario
Se un assegno viene protestato per difetto di autorizzazione, allora vuol dire che chi lo ha emesso (il traente) è correntemente oggetto di un provvedimento di revoca di sistema che gli vieterebbe, appunto, la sottoscrizione di titoli di pagamento. Qualora il carnet, da cui è stato tratto l'assegno protestato, fosse ...
Assegno già emesso » Si può chiedere all'istituto di credito di non pagarlo più?
Una banca deve eseguire l'ordine impartito dal proprio cliente di non pagare più l'assegno già emesso. Purtroppo, però, dell'eventuale protesto resta unicamente responsabile il correntista. Chi ha già emesso un assegno può, in un momento seguente alla consegna, ordinare al proprio istituto di credito di non pagarlo più? Se si, ...
Traente impone all'istituto di credito di non pagare l'assegno » Sussiste rischio di protesto
Nel caso in cui il traente imponga al proprio istituto di credito di non pagare un assegno bancario, esiste il pericolo di protesto. Pensateci due volte prima di ordinare alla vostra banca di non pagare un assegno già emesso. In questa fattispecie si rischia, infatti, di subire un protesto. Il ...
Assegno scoperto - La banca può pagarlo concedendo un fido e imputando a copertura i successivi ratei di pensione o stipendio accreditati
Può accadere che la banca provveda al pagamento di un assegno parzialmente privo di fondi e che successivamente, per assicurarsi l'immediato rientro dall'esposizione debitoria così formatasi, la banca incameri i ratei del trattamento pensionistico o dello stipendio del traente, unici suoi redditi percepiti e mensilmente accreditati sul proprio conto corrente. ...
Conto corrente on line e bonifico non autorizzato a terzi - Responsabile la banca o il cliente?
A quale fra i due soggetti, correntista e banca, va posta a carico la responsabilità per un'operazione di bonifico bancario non autorizzata dal titolare e disposta utilizzando le chiavi di accesso del servizio di home banking? Se, per l'esecuzione dell'operazione, vengono correttamente utilizzate le chiavi di accesso al conto on-line, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca