indebitati.it - la comunità dei debitori e dei consumatori italiani    

Voltura catastale per un immobile acquisito per successione ereditaria

Ho ereditato una casa: la successione la facciamo dal notaio tra due settimane circa e dopo questo, a quanto ho capito, devo fare la voltura catastale.

Cosa succede se non la faccio? L’Agenzia delle Entrate non saprà che ho ereditato la casa?

La dichiarazione di successione predisposta dal notaio, viene trasmessa proprio all’Agenzia delle Entrate ed è finalizzata al pagamento delle imposte di successione (ipotecaria, di registro e catastale). Essa, deve essere presentata, improrogabilmente, entro un anno dal decesso del de cuius.

Se la divisione dell’eredità è già avvenuta, pertanto, sono anche noti gli eredi e la voltura catastale dovrebbe essere, comunque, un servizio compreso nella pratica di successione notarile.

Ma, a questo punto, l’Agenzia delle Entrate sa già chi è il nuovo proprietario dell’immobile.

Se, invece, non è stata ancora effettuata la divisione ereditaria, il curatore dell’eredità (legale rappresentante della comunione ereditaria) si obbliga, come previsto dalla legge, al pagamento delle imposte di registro, catastali e ipotecaria e le altre imposte che gravano sulla massa ereditaria ancora indivisa (come l’IMU, ad esempio). Solo in questo caso, dopo la dichiarazione di successione e la divisione dell’eredità, sarà necessario effettuare la voltura catastale dell’immobile caduto in successione.

16 febbraio 2020 · Ludmilla Karadzic

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

eredità e successione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?