Può un medico chirurgo esercitare con contratto di prestazione professionale in un generico centro estetico?

Argomenti correlati:

c’è una normativa di riferimento per sapere se in un centro estetico a Varese può effettuare visita un medico estetico per prescrivere trattamenti dimagranti presso lo stesso centro? I trattamenti sono: Kiro-Lipolaser-R.F.Criolipolisi addome Heport plit Quale tipo di contratto deve fare con l’estetista? ( Openday- supporto al centro estetico – collaborazione limitata) Grazie

La normativa di riferimento è quella vigente su base regionale: tuttavia, in generale, possiamo affermare che solo un soggetto laureato in medicina e chirurgia può, in un adeguata struttura sanitaria autorizzata (ambulatorio/poliambulatorio/studio medico), effettuare interventi di liposuzione laser (si tratta comunque di chirurgia estetica) sotto la propria personale ed esclusiva responsabilità .

Al limite, il medico può avvalersi dell’assistenza di operatori qualificati (nella fattispecie, estetisti), assunti con contratto a tempo determinato o indeterminato. L’articolo 2232 del Codice Civile prevede, infatti, la facoltà, per il singolo professionista, di valersi, sotto la propria direzione e responsabilità, di sostituti ed ausiliari nell’esecuzione dell’incarico assunto. Qualora la collaborazione dei soggetti terzi non influisca in maniera sostanziale sulla natura e organizzazione della struttura, non sarà necessaria la trasformazione dello studio in ambulatorio; ove, al contrario, la collaborazione e la consulenza si esplicassero in maniera continuativa ed il numero dei collaboratori divenisse tale da influire sull’organizzazione della struttura, diverrebbe necessaria la costituzione di un ambulatorio soggetto ad autorizzazione.

Interventi eseguiti dal medico chirurgo presso centri estetici, al di fuori di strutture sanitarie attrezzate ed autorizzate (cliniche private e/o ambulatori provvisti di direttore sanitario responsabile), potrebbero costargli sanzioni da parte dell’Ordine dei Medici e, in alcuni casi, addirittura la sospensione dell’attività professionale nonché la radiazione dall’albo.

In parole povere solo una struttura sanitaria, come minimo un ambulatorio autorizzato con direttore sanitario responsabile (che dovrà essere un medico chirurgo anch’egli), può sottoscrivere un contratto per prestazioni professionali rese da un medico chirurgo.

La regione Lombardia offre una pagina informativa web dove sono illustrate procedure e requisiti per ottenere l’autorizzazione ad aprire e condurre un ambulatorio medico.

29 Settembre 2020 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Compenso per prestazione professionale regolata da tariffa - il foro competente è quello del debitore
Il compenso per prestazioni professionali, che non sia convenzionalmente stabilito, è un debito pecuniario, non liquido ed esigibile, da determinare secondo la tariffa professionale. Soltanto il debito originato da una prestazione professionale con corrispettivo di un compenso già fissato al momento della pattuizione, può essere configurato come obbligazione pecuniaria liquida ed esigibile. La circostanza eventuale per cui il compenso per la prestazione professionale erogata sia regolato nel minimo e nel massimo da apposite tariffe, non comporta che il credito debba considerarsi liquido ed esigibile. In pratica, il debitore non può essere considerato in mora se prima il compenso non è ...

Contratto assicurativo per infortuni - Vessatoria la clausola contrattuale che demanda il contenzioso sul grado di invalidità ad un collegio medico arbitrale
In un contratto assicurativo per infortuni, concluso sulla base di condizioni generali predisposte dall'assicuratore, si deve considerare vessatoria e, dunque, inefficace, la clausola espressamente qualificata come di arbitrato irrituale, la quale, nel prevedere che le controversie sul grado di invalidità permanente e sui criteri di indennizzabilità siano demandate ad un collegio medico di tre membri, di cui uno ciascuno da nominarsi dai contraenti ed il terzo da un soggetto estraneo, stabilisca che le spese relative alla nomina e remunerazione del membro da nominarsi da ciascuna parte per l'intero e quelle del terzo per metà siano a carico di ognuno dei ...

Contratto per prestazione
Ad agosto, facente parte di un comitato per una festa patronale, ho stipulato e firmato unitamente ad un'altra persona un contratto per ricevere una prestazione artistica Il contratto di 32.000 (chiavi in mano ci ha detto) prevedeva il pagamento dell'intera somma entro date stabilite,e comunque il versamento dell'intero corrispettivo 2 ore prima dell'esibizione dell'artista. Alla firma del contratto, gli è stata data una caparra di 2000 euro e come garanzia è stato emesso un assegno di 30.000 euro (non da me, ma dall'alto firmatario). Da premettere che il manager dell'artista ci ha chiesto pagamento in contanti e di rilasciarci fattura ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Può un medico chirurgo esercitare con contratto di prestazione professionale in un generico centro estetico?