Vincoli delle disposizioni testamentarie per una madre vedova con tre figlie

Sono vedova con tre figlie di cui una disabile, vorrei fare un testamento dove lasciare in eredità un immobile di mia proprietà esclusiva alla mia figlia disabile, e suddividere il resto del mio patrimonio immobiliare ereditato insieme alle mie figlie, per successione dal mio defunto marito, favorendo la figlia che si è sempre occupata della sorella disabile, ed il meno possibile all’altra figlia che non si è mai occupata di nulla. E’ possibile?
Ringrazio per la risposta

Una vedova con tre figlie può assegnare a chi vuole delle tre figlie solo 1/3 della propria eredità (quota disponibile al de cuius) per non violare le disposizioni vigenti in tema di successione testamentaria: le tre figlie, invece devono avere ciascuna i 2/9 dell’eredità che la madre vedova lascerebbe loro. Questo per evitare strascichi giudiziari (impugnazione del testamento) per violazione della quota di legittima che una o entrambe le sorelle potrebbero avviare nei confronti della sorella privilegiata dalle disposizioni testamentarie della madre.

In pratica, fatto 100 il valore complessivo dell’eredità, alle due figlie abili (o alla figlia disabile nonchè a quella abile che non si è mai occupata della sorella disabile) dovrebbe essere assegnato ciascuna il 22,2% del patrimonio.

Alla figlia disabile (o alla figlia che si è occupata e che si occuperà della sorella disabile), in pratica alla figlia da privilegiare, invece, può essere lasciato il 55,6% del patrimonio.

Inutile aggiungere che una questione così delicata va affrontata, necessariamente, con il supporto di un notaio.

30 Aprile 2021 · Michelozzo Marra

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Testamento olografo - Riduzione delle disposizioni testamentarie e delle donazioni effettuate in vita dal de cuius
Nomino mia figlia erede universale e a mio figlio - poiché ha già ricevuto da noi genitori 40 milioni di lire – lascio la legittima. Inoltre a mia moglie lascio tutti i diritti sulla proprietà fino alla sua morte. Tutte le spese di stima eccetera dovranno essere divise a metà tra i miei figli. Le chiedo l'interpretazione del testamento: la quota di legittima di mia madre va a mia sorella in quanto erede universale? Inoltre il denaro ricevuto nel 1984 viene rivalutato? È corretto dividere le spese tra i figli a metà? Conti correnti cointestati ai miei genitori e a ...

Riduzione delle disposizioni testamentarie che violano la quota disponibile al testatore
Successione testamentaria con alcuni legati a favore di nipoti e legittimari: muore la madre e rimangono due figli unici eredi. Dal calcolo effettuato, per vedere se vi è stata lesione della legittima, viene fuori che i due figli devono prendere 200 mila euro ciascuno, mentre 1/3 di disponibile risulterebbe sempre 200. Un fratello ha preso effettivamente solamente 150, quindi è leso per 50. Mentre i legati lasciati per testamento in realtà superano la quota disponibile risultando di un valore di 500 mila euro. Il fratello leso dovrà prendere 50 mila riducendo i legati proporzionalmente? La quota disponibile in questo caso, ...

Azione di riduzione delle disposizioni testamentarie e delle donazioni effettuate in vita dal de cuius nella successione testamentaria
Se una quota di legittima è lesa, la reintegra si farà riducendo prima i legati eventualmente assegnati nel testamento e solo dopo le donazioni fatte in vita? ...

Dove mi trovo?