Verbale non conciliabile per violazione al codice della strada e ricorso al giudice di pace

Argomenti correlati: ,

Volevo sapere se in caso di verbali non conciliabili per violazione del Codice della Strada, cioè quelli per i quali non è previsto il pagamento in misura ridotta è possibile proporre il ricorso al prefetto senza attendere l’ordinanza ingiunzione del Prefetto e nel caso si proponga il ricorso L’eventuale ordinanza di rigetto di quest’ultimo raddoppia comunque la sanzione? Specifico che si tratta di verbale non conciliabile quindi nel verbale non è presente sanzione pecuniaria.

Non tutti i verbali redatti in caso di violazioni di disposizioni del Codice della strada consentono al trasgressore/obbligato in solido di pagare una somma a titolo di sanzione pecuniaria nel termine di 60 giorni dalla contestazione/notifica o in quello breve, in forma ridotta, entro cinque giorni.

Questi verbali, infatti, non costituiscono titolo esecutivo, pertanto non possono essere impugnati, ma occorre attendere l’emissione dell’ordinanza ingiunzione da parte della Prefettura competente: solo avverso l’ordinanza può essere proposto ricorso al Giudice di Pace.

La procedura è la seguente: il verbale viene trasmesso al Prefetto competente con riferimento al luogo della violazione, il quale adotterà un provvedimento amministrativo (cosiddetta Ordinanza ingiunzione) con la quale determinerà l’importo della sanzione pecuniaria entro il limite massimo previsto dalla disposizione violata tenendo conto della gravità della violazione, e dispone l’eventuale sanzione accessoria da comminare (confisca o fermo amministrativo del veicolo).

26 Gennaio 2021 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rigetto del ricorso al verbale di accertamento per violazione del Codice della strada - Non tutto è perduto
Succede che ci venga comminata una sanzione amministrativa per infrazione al Codice della strada, che si impugni il verbale nei termini previsti innanzi al Giudice di Pace e che quest'ultimo rigetti il ricorso. Le domande. Può la Pubblica Amministrazione, a seguito del rigetto del ricorso, notificare una cartella esattoriale basata sul verbale di accertamento e non sulla sentenza di rigetto? Può la Pubblica Amministrazione, a seguito del rigetto del ricorso, pretendere con la cartella esattoriale il versamento della metà del massimo edittale (invece del minimo edittale) previsto per la sanzione amministrativa, come se questa fosse stata semplicemente non pagata e ...

Pagamento della multa per violazione al Codice della strada dopo rigetto del ricorso al giudice di pace
Se una multa stradale si paga dopo i 30 giorni del rigetto ricorso giudice di pace cosa succede? Quale è l'importo che si deve pagare? La sentenza confermava la cifra del verbale, l'amministrazione competente non ha fissato modi e termini di pagamento. ...

Multa per violazione del codice della strada – il ricorso al giudice di pace
E' sempre possibile, in alternativa al ricorso al Prefetto, il ricorso al Giudice di pace del luogo in cui è stata commessa la violazione al Codice della Strada. Il ricorso va presentato entro 30 giorni dalla contestazione su strada o dalla notifica della multa, sempre che non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta nei casi consentiti. Il ricorso al Giudice di pace può essere proposto anche dopo l'esito negativo del ricorso al Prefetto. Iil termine è sempre di 30 giorni dalla notifica dell'ordinanza-ingiunzione. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Verbale non conciliabile per violazione al codice della strada e ricorso al giudice di pace